Il mio corpo traduce molte lingue
Condividi questo articolo


«Biglietto
Il cibo è nel forno.
Mangia.
I vestiti stirati sono nell'armadio.
Vestiti.
Il tuo letto è in ordine.
Dormi.
Io arrivo presto:
per mangiare, svestirmi e svegliarti.
Ti lascio un bacio.»


 


Rosana Crispim da Costa
Il mio corpo traduce molte lingue


€. 6,20 pp. 64 (TerrEmerse)
ISBN 8879 400 592


L’autrice sa varcare la soglia dell’apparenza e portarci in quella dimensione in cui anche la soglia del dolore può acquistare, col tempo, o in una sospensione di tempo, sapore.


Testo portoghese a fronte. II edizione


R. Crispim da Costa. Il mio corpo traduce molte lingue


Intuizioni folgoranti affidate a pochi (a volte pochissimi) versi si alternano a composozioni piu' ampie e distese in questo libricino dalla grafica raffinata e accattivante al tempo stesso, pubblicato dall'editore Fara nella collana TerrEmerse. Rosana Crispim da Costa, vincitrice della terza edizione del premio letterario Eks&Tra, scrive versi d'amore, nei quali le forti tinte del desiderio spesso si stemperano nella tristezza, in quel particolare stato d'animo che i brasiliani chiamano saudade e che in queste poesie appare come malinconico sfondo ai versi dettati dalla passione. Le poesie, i biglietti d'amore, i brevi messaggi che l'amante leggera' al risveglio, sono altrettante occasioni per lasciare che i sogni e i desideri si esprimano in una lingua strana fatta di dolcezza, nella quale "le parle non hanno / nessun senso (di colpa)".


«Solidarieta' COME» n. 72, 15 Dicembre 1998



------------------------------------------------



Brasiliana trapiantata in Italia, Rosana trasporta in questo libro, fornito di testo portoghese a fronte e di un titolo bellissimo per il corto circuito che realizza tra corpo e lingua, l'esuberanza vitalistica della sua terra, appena incrinata da qualche brivido di saudade (nostalgia). Immergersi nella lettura e' stato come tuffarsi in una sorgente di acqua fresca (...).
Tra le poesie di questa silloge luccica un piccolo gioiello narrativo (per niente disperato): Giardino.Qui l'incontro dell'io narrante con una vecchia, venditrice di rose appassite, infrange una piatta quotidianita' troppo sottomessa a ritmi lavorativi. Il giardino del titolo e' quello che il medesimo io, in uno slancio generoso, si ripromette di donare a chi con quelle rose gli aveva fatto capire che i suoi sogni "non erano piu' una fuga, ma un alimento per vivere con piu' tenerezza"(...).

Nudita' (cioe' essenzialita'), semplicita' e bellezza sono le qualita' evidenti del lavoro poetico di Rosana. E' lei stesso a suggerircelo in un passaggio dal taglio sentenzioso che forse non le si addice troppo ("Oggi mi vedo davanti/a te nuda/nella semplicita' e nella bellezza/in un futuro che non e' mai certezza/in una certezza che non e' futuro").

Giorgio Poli

«Punto di vista», n.24, aprile/giugno 2000,


http://www.kaleidon.it/fara/html/collane/terremerse/il_mio_corpo_traduce.html



Condividi questo articolo

in Letture Condivise: La malattia dell'Islam - a cura di Abdelwahab MeddebLa Sposa delle acque / Nusja e ujërave<b>IL POSTO DEGLI EBREI</b> Ovunque e in nessun luogo. RECENSIONE di LAURA TUSSIPATRICIA GRACE: UNA SCRITTURA TRA MEMORIA E LINGUAGGIOLa Regina delle acque - cinque fiabe in lingua italiana e in lingua originale.IL CORAGGIO DI VIVERE<b>VIAGGIO IN PALESTINA… </b>seguito dall’appello per la pace in Palestina del 6 Marzo 2002 - di LAURA TUSSI<b>VERRO’ DA TE</b> Il mondo presente e futuro. Relazione e recensione al nuovo libro di Mario Capanna.CRISTIANITÀ E ISLAM. UN CONFRONTO, LILIANA GRANDE - Per una globalizzazione della fedeAllah superstarCanti della spiritualità mussulmana: segnalazioneGuida Didattica Interculturale  a cura dei redattori di Africa e MediterraneoMonsieur Ibrahim e i fiori del CoranoLa città di Iram - Il viaggioKorogocho - Alla scuola dei poveri - Alex ZanotelliIntercultura, scuola, mediazione interculturale e diritti di cittadinanza: la rete delle relazioni, il riconoscimento della diversita'Khalid arriva a Bologna<b>... e venne chiamata due cuori</b>LAVORO MIGRANTE - Esperienza e prospettivaIl mio corpo traduce molte lingueIn viaggio / Në udhëtimRiviste - CROCEVIA N. 1/2LA MIA PRIMA MAMMA, SAMUEL AYOTUNDE KALEJAIYEKorogocho - Alla scuola dei poveriSorrisi da una Striscia in gabbia - Lettere di un educatore dai TerritoriIl Grande Tutto in cinquemila parole Un rinnovato confronto con un grande classico del pensiero cinese, uno dei libri più letti e amati nel mondo, Laozi. Genesi del Daodejing, a cura di Attilio Andreini per Einaudi  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati