centro risorse per la didattica
Risorse per area disciplinare:   
Homepage
La redazione
 
Ricerca
Iscriviti alla news
Le newsletter
 
Attualità
Percorsi
Novità
Recensioni
 
Disabilità
Lavagna Interattiva
 
La tua segnalazione
Il tuo giudizio
 
Cataloghi in rete
 
DIDAweb
 

risorse@didaweb.net
 

  Cerca nel web:
Se sei un utilizzatore della toolbar di Google, puoi aggiungere anche il nostro pulsante:
Centro Risorse
  Condividi questa risorsa didattica
400mila morti



C'era, infine, un ultimo e tragico bilancio da compiere. Qual era il costo
della presenza italiana in Africa? Quante vittime avevano mietuto le guerre di
conquista, le operazioni di grande polizia coloniale, le azioni di contro
guerriglia, il lancio dei gas sulle popolazioni civili? Anche se, in questi
casi, le stime sono sempre necessariamente approssimative, si può comunque
sostenere che, fra il 1890 e il 1941, sono morti, a causa dell'espansionismo
italiano, circa 400mila fra eritrei, somali, libici ed etiopici. Il paese
maggiormente colpito è stato la Libia, con 100mila morti: questi ultimi sicuri,
non "approssimativi", schedati uno per uno negli archivi del Libyan Studies
Center di Tripoli.


Il cinquanta per cento morti in combattimento, l'altro cinquanta durante la
deportazione in massa delle popolazioni della Marmarica e del Gebel Akhdar e nei
tredici campi di concentramento costruiti nell'inferno della Sirtica. Per dare
un'idea della decimazione subìta dai libici ricordiamo che, all'epoca, la Libia
contava 800 mila abitanti. Come a dire che un libico su otto ha perso la vita a
causa della presenza ostile degli italiani.


L'altro paese che ha pagato un prezzo altissimo nei tentativi di difendere la
propria indipendenza è l'Etiopia di Hailé Selassiè. Anche se la cifra di 760mila
morti, fornita alle Nazioni Unite dalle autorità etiopiche, appare decisamente
eccessiva, quella di 300mila vittime non è molto lontana dalla realtà.


A questa cifra si arriva sommando i caduti militari e civili durante il conflitto italoetiopico del 1935-36; i patrioti uccisi in combattimento o fucilati dopo un processo sommario nei cinque anni della guerriglia; i militari e civili (fra questi ultimi, moltissimi esponenti del clero copto) assassinati
in seguito all'attentato a Graziani del 19 febbraio 1937; i confinati deceduti per privazioni ed epidemie nei lager di Danane e di Nocra; i contadini morti a causa dei patimenti subiti dopo la distruzione dei loro villaggi e il saccheggio
dei loro beni.


Per questi morti e per i danni causati dall'aggressione fascista, l'Etiopia chiese all'Italia un risarcimento di 184 milioni di sterline. Roma chiuse la partita con 6.250.000 sterline. Con altri paesi, come la Libia, fu ancora più
avara''


Angelo Del Boca in
''La fine dell'impero''



Storia del '900 - L'occupazione italiana in Libia, note e documentazione fotografica. (inglese)
http://ourworld.compuserve.com/homepages/dr_ibrahim_ighneiwa/resist.htm
 
Dal colonialismo alla modernità nel Vicino Oriente e nel Maghreb
http://venus.unive.it/migrante/lezlevea.htm
 
* Africa - COLONIALISMO - Il mito del buon italiano. Deportazioni di massa, bombardamenti con bombe, campi di concentramento. Le pagine nere dei crimini commessi dalle truppe italiane in Eritrea, Somalia e Libia.
http://www.cestim.org/rassegna%20stampa/02/11/01/colonialismo.htm
 
Barbara Sòrgoni, Etnografia e colonialismo. L’Eritrea e l’Etiopia di Alberto Pollera 1873-1939, Torino, Bollati Boringhieri, 2001, p. 261 - Recensione
http://www.comune.bologna.it/iperbole/assminsto/Sche_2001sorgoni.htm
 
LA REALTÀ' SOCIOECONOMICA DEI PAESI A MAGGIORE AFFERENZA MIGRATORIA: Africa Sub-Sahariana, Albania, Algeria, Egitto, Libia, Marocco, Nigeria, Palestina, Perù, Romania, Tunisia.
http://www.comune.torino.it/cultura/intercultura/9/9ai.html
 
Progetto Novecento - A lezione di Storia con il prof. Paolo Veronesi - COLONIALISMO e NEO-COLONIALISMO - Liceo scientifico “Copernico” - Pavia
http://www.copernico-pv.it/Files/Ipertesti/Colonialismo/index.htm
 
Etiopia - Il Paese in festa per il ritorno del monumento sottratto dal Duce nel 1937 Stele di Axum, il lungo viaggio verso casa
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2005/04_Aprile/18/axum.shtml
 
Il premier Zenawi: «Il suo posto è qui, ma appartiene all'umanità intera»
L'obelisco di Axum è di nuovo in Etiopia. Anche l'ultimo troncone dell'antica stele è tornato in patria.
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Esteri/2005/04_Aprile/25/axum.shtml
 
ECCIDIO FASCISTA IN ADDIS ABEBA - ATTENTATO al maresciallo Graziani, viceré d'Etiopia (1937) durante una cerimonia: 7 morti, 50 feriti. Nella rappresaglia (approvata da Mussolini) sterminati migliaia di indigeni. - di MATTEO SOMMARUGA
http://www.cronologia.it/storia/a1937e.htm
 
SEI ARTICOLI DELL'EPOCA - Oggi diremmo che sono di parte; ma questo leggevano gli italiani e con questi articoli ei "maestri" si esaltavano; non dimentichiamolo. Compresi molti antifascisti di allora. "Salvo qualche mezzacoscienza, nessuno di noi si augura che la guerra finisca. Potrà essere sciocco, ma è così. Noi, soldati, non abbiamo che un desiderio: continuare ! " (Indro Montanelli - Su Civiltà Fascista")
* IL CONFLITTO ITALO-ETIOPICO E LA SOCIETA' DELLE NAZIONI (1935)
* GLI ACCORDI ITALO FRANCESI (1935)
* IL RIARMO DELLA GERMANIA (1935)
* LA SITUAZIONE POLITICA IN INGHILTERRA(1935)
* NAZIONE-GOVERNO - POLITICA COLONIALE FINO ALLA CONQUISTA DI ADUA (GIUGNO 1935)
* NAZIONE-GOVERNO - POLITICA COLONIALE FINO ALLA CONQUISTA DI ADUA (AGOSTO 1935)
http://www.cronologia.it/storia/tabello/tabe1637.htm
 
E’ stato un atto spavaldo e prepotente quello che, il 31 ottobre del 1937, ha portato alla sistemazione della Stele di Axum proprio di fronte all’attuale sede della Fao, allora - guarda caso - Ministero delle Colonie.....
http://www.exibart.com/notizia.asp?IDCAtegoria=61&IDNotizia=1919
 
Direttive di Mussolini per l'aggressione all'Etiopia e l'impiego dei gas
http://www.ilmanifesto.it/25aprile/01_25Aprile/
 
Lager in Libia, una storia rimossa - Enzo Collotti - Recensione al testo di Eric Salerno (Uccideteli tutti. Libia 1943: gli ebrei nel campo di concentramento fascista di Giado. Una storia italiana)
http://www.ilmanifesto.it/argomenti-settimana/articolo_7805f62797e1da82bd59edb188d91bea.html
 
Colonialismo e tortura - Quando Tocqueville legittimava i massacri di Olivier Le Cour Grandmaison
http://www.ilmanifesto.it/MondeDiplo/LeMonde-archivio/Giugno-2001/0106lm14.01.html
 
Seguita alla sconfitta di El Alamein, la caduta di Tripoli chiuse un'epoca. A sessant'anni di distanza, il maggior storico del colonialismo italiano ci ricorda quanto è costato - in termini di guerra di conquista, eccidi e spoliazioni - il nostro sogno coloniale a Eritrea, Somalia, Libia ed Etiopia.
http://www.nigrizia.it/doc.asp?ID=5284
 
Le atrocità ignorate del colonialismo italiano. La proposta dello storico Angelo Del Boca di un monumento alle vittime delle guerre italiane in Africa con cui sostituire l'obelisco finalmente restituito all'Etiopia.
http://www.pasti.org/delboca2.html
 
Colonialismo italiano - Il rapporto con l’alterità africana, fatto di esclusione e di discriminazione sopraffattoria, l’aggressività, la violenza, lo sfruttamento e le stragi, pagine non ancora integrate nella storia nazionale, rimosse, negate.
http://www.romacivica.net/amis/ric.asp?id=7
 
L'Italia e il colonialismo, Etiopia, Libia, le guerre d'Africa. Un saggio di Lucio Villari ed altri materiali.
http://www.romacivica.net/anpiroma/attaccoagliusa/terzaguerraa4b.htm
 
La guerra di Etiopia (1935-36) - Una scheda e documenti audio.
http://www.romacivica.net/anpiroma/FASCISMO/fascismo14.htm
 
Campo di concentramento di el-Abiar. 1931

"Deportazioni di massa, bombardamenti con bombe di iprite, campi di concentramento, rappresaglie indiscriminate, stragi di civili, confisca di beni e terreni. Le pagine nere dei crimini commessi dalle truppe italiane in Eritrea, Somalia, Etiopia e Libia. Una politica coloniale all'insegna del mito sugli «italiani, brava gente». L'Italia repubblicana non ha ancora fatto i conti con l'«avventura coloniale» del fascismo, favorendo una storiografia moderata o revanscista." I paesi europei che hanno partecipato alla spartizione dell'Africa, si sono macchiati, tutti, indistintamente, dei peggiori crimini. Di Angelo Del Boca
http://www.terraeliberazione.org/delboca1.htm
 
Storia del '900: La politica del colonialismo italiano, i suoi miti e la sua memoria Nicola Labanca
http://www.treccani.it/site/Scuola/nellascuola/area_scienze_umane/archivio/colonialismo/labanca1.htm
 
Il colonialismo italiano : un percoso per immagini [ I precedenti ] - [ La prima guerra d'Africa ] - [ La conquista della Libia ] - [ La guerra d'Etiopia ]
http://www.unicaen.fr/mrsh/irefi/expos0.php?id=2it&page=index
 

Il colonialismo italiano : un percoso per immagini - Il 3 ottobre le truppe italiane invasero l'Etiopia dall'Eritrea, occupando in breve tempo Adua, Axum, Adigrat, Macallè. L'esito della guerra era facilmente immaginabile considerato l'enorme dispiegamento di mezzi disposto dall'Italia.

http://www.unicaen.fr/mrsh/irefi/expos0.php?id=2it/txt&page=etiop01
 

Istruzioni sulla bomba C. 500 T.

http://www.zadigweb.it/amis/testim.asp?idtes=98&idsch=101
 
Condividi questa risorsa didattica


  Iscriviti alla news
Ricevi in posta elettronica le novità e una selezione di risorse utili per la didattica.

Iscriviti qui


Novità
Le ultime risorse per la didattica catalogate ed inserite nel nostro database.

ENGLISH LESSONS AND TESTS.

"Progresso e catastrofe" - In due parole tutto il Novecento Recensione al testo di Salvatore Natoli di UMBERTO GALIMBERTI

Percorsi
Proposte di selezioni e percorsi fra le risorse e i materiali in archivio.

Percorsi
Feste e calendari multiculturali.
Calendari solari e lunari, festività religiose e tradizionali delle diverse culture.

Percorsi
Steineriane
Le ''scuole nuove'' della pedagogia steineriana, contrassegnate dal paradosso di un’accettazione pratica e di un’ignoranza teorica da parte degli stessi utenti e degli operatori della scuola pubblica, tra ''fedeltà karmica'', incarnazioni di individualità che ritornano sulla terra, bambini indaco e apparente buon senso pedagogico.

  Ambiente virtuale collaborativo in evoluzione ideato e sviluppato da Maurizio Guercio è una iniziativa DIDAweb