APPELLO PER IL DIRITTO DI VOTO PER GLI IMMIGRATI NON COMUNITARI ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE - Bologna, 6/4/2004
Condividi questo articolo


APPELLO PER IL DIRITTO DI VOTO PER GLI IMMIGRATI NON COMUNITARI ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE


 


La tendenza alla stabilizzazione degli immigrati in Italia è ormai un fatto assodato e crescente.


Sono persone che lavorano e vivono attivamente nel nostro Paese e quindi chiedono di essere considerati cittadini a tutti gli effetti.


La cittadinanza responsabilizza e comporta l'assunzione di diritti e doveri e, per essere completa, non può non considerare fra questi il diritto di voto.


L'espressione del diritto di voto è fondante del rapporto tra rappresentanti e rappresentati, principio che è alla base di ogni democrazia completa.


Non riconoscere il diritto di voto significa continuare a mantenere in una condizione marginale cittadini che invece già partecipano alla vita sociale assumendosene responsabilità ed obblighi, con la conseguenza di rendere tutti più deboli nella difesa dei diritti fondamentali del lavoro, legali, di cittadinanza.


Il diritto di voto è decisivo anche perchè solo da un suo riconoscimento potrà venire un interesse pieno di tutte le forze politiche a non considerare gli immigrati cittadini di serie B.


Nella maggior parte dei paesi dell'Unione Europea tale diritto è già garantito, o è in fase di discussione, in Italia esiste già dal 1996 per i cittadini comunitari.


Il diritto di voto entra in evidente contrasto con la legge Bossi-Fini che impone il mantenimento di condizioni di precarietà per gli stranieri e si fonda sulla discriminazione tra nuovi cittadini ed autoctoni.


In questo contesto le aperture manifestate da alcuni settori del centro destra mettono in evidenza una modificazione positiva su questo tema, ma devono trovare un loro completamento nel superamento del collegamento fra diritto di voto e reddito.


Il fondamento di ogni movimento progressista è quello di battersi per l'allargamento del diritto di voto come affermazione del principio di eguaglianza e per allargare la partecipazione responsabile nella costruzione di una società multietnica e multiculturale.


La Regione Emilia Romagna è sempre stata all'avanguardia nella lotta per l'affermazione dei diritti di cittadinanza; l'iniziativa delle amministrazioni comunali di Forlì e Cesena, che hanno giˆ previsto nei loro statuti il diritto di voto per i cittadini stranieri, la volontˆ di altri comuni di proporre modifiche in tal senso negli articolati dei loro statuti, contrastano con l'alt imposto dal Governo attraverso una circolare ministeriale che,  impedendo di fatto il voto dei cittadini stranieri residenti in Italia, dimostra la reale volontà discriminatoria nei confronti di questi nuovi cittadini.


Sono molti gli Enti locali, anche al di fuori della nostra Regione, che stanno promuovendo una forte iniziativa politica per affermare il diritto di voto per tutti, iniziativa sostenuta dalle forze sociali, politiche e culturali, scelta che può essere fortemente utile per concretizzare da subito questo diritto e per costruire un'alternativa ai principi discriminatori che contiene la proposta di legge Fini.


Nello stesso tempo la scesa in campo della società civile pu˜ dare forza alla affermazione di maggiori diritti di cittadinanza anche nella Costituzione Europea.



Le organizzazioni sindacali, il Forum del 3° settore e Magistratura Democratica dell'Emilia Romagna chiedono pertanto a tutte le Amministrazioni locali, alla Regione Emilia Romagna, e ai candidati sindaci della Regione, di mettere in campo ogni possibile iniziativa per promuovere il diritto di elettorato attivo e passivo ai cittadini immigrati non comunitari alle elezioni amministrative.



Bologna, 6/4/2004

















CGIL


CISL


UIL


FORUM  3° SETTORE


MAGISTRATURA DEMOCRATICA


Paola Cicognani


Gianni Paoletti


Marino Favali


Paola Taddei


Denis Merloni


Mauro Ponzi


 


 


http://www.stranieriinitalia.com/briguglio/immigrazione-e-asilo/2004/aprile/app-sindacati-emilia-voto.html



Condividi questo articolo

in Cittadinanza e Diritti: Primi Passi - Educazione ai Diritti UmaniUguaglianza e non discriminazione - Rapporti annuali europei 2003 e 2004ANTIFASCISMO E IDENTITA’EUROPEA La prospettiva italiana e l’evoluzione nel resto d’EuropaVADEMECUM PER LE VISITE ALL’INTERNO DEI CENTRI DI PERMANENZA TEMPORANEA - In italiano, inglese, francese, spagnolo, turco, albanese, russo, arabo, farsi.APPRENDERE LUNGO TUTTO L’ARCO DELLA VITAPer contare e non essere contati -<b> Bisognerebbe essere capaci di sentire i bisogni di noi stessi e di tutti gli altri. </b>Protesta contro il governo italiano per violazione del diritto comunitarioAlmeno 38 cittadini africani sbarcati a Lampedusa lo scorso 2 giugno hanno ricevuto un decreto di espulsione dall'Italia in violazione delle norme sulla richiesta di asilo.Continente in fuga - Alex Zanotelli 08/06/2005Chiudere la stagione del diritto speciale dei migranti - Documento di Medici Senza Frontiere, ARCI, Magistratura Democratica, CGIL, Associazione Studi Giuridici sull’ImmigrazioneNon possiamo obbedire - di NICHI VENDOLAFORUM NAZIONALE ''MARE APERTO'' - ATTO FINALE SOTTOSCRITTO DAI  PRESIDENTI  DELLE  REGIONI<img height=326 
src=http://www.altremappe.org/CPT/imm_tiburtina-bis.jpg width=442 border=0><br>Cpt: gli eufemismi che velano gli orroriPRIMARIE APERTE ANCHE  AGLI IMMIGRATIProdi brinda con gli stranieri in 40mila alle primarie<IMG src=http://www.didaweb.net/mediatori/immagini/bimbm2.jpg border=0> <br>Programmare il razzismo? di Filippo MiragliaNuovo programma dell’ILO per contrastare la discriminazione 
e promuovere l’integrazione dei lavoratori migranti in Europa<b>Il mondo della cultura, della ricerca e della formazione per la libertà dei migranti</b><br>In occasione del 4 dicembre 2004<IMG src=http://unimondo.oneworld.net/ezimagecatalogue/catalogue/variations/8301-200x200.jpg border=0><br><b>Per contare e non essere contati </b>- 4 dicembre -  Roma - manifestazione nazionale dei migrantiHuman Rights in the World - Information on countriesNATIONS UNIES - APPLICATION DU PACTE INTERNATIONAL RELATIF AUX DROITS ÉCONOMIQUES, SOCIAUX ET CULTURELS - Quatrièmes rapports périodiques présentés par les États partiesUE - Relazione annuale sui diritti dell’uomo (2004)<b>L'Europa, un sogno in comune</b><br>Esclusi per definizione dal titolo di «cittadini europei», i migranti sono destinatari piuttosto delle politiche di «sicurezza» dell'Unione.Europa: firma della Costituzione, diritti incertiI MATRIMONI MISTI TENDENZE E DINAMICITA’ di Mara Tognetti BordognaBisogna investire sulla formazione degli stranieriLa condizione giuridica dello straniero in EuropaLibertà di movimentoMigranti - Il Giorno dei DirittiLE DUE LUNE - BAMBINI STRANIERI IN AFFIDO A FAMIGLIE ITALIANEMigranti, democrazia a bassa quotaLe problematiche dell’integrazione nella società e nel mercato del lavoro -Seminario europeo. Politiche d’integrazione dei lavoratori comunitari e dei paesi terzi - Bruxelles, 24 e 25 giugno 2004APPELLO PER IL DIRITTO DI VOTO PER GLI IMMIGRATI NON COMUNITARI ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE - Bologna, 6/4/2004Rapporto sull’integrazione scolastica 
dei bambini immigrati in Europa - Presentazione di Aluisi TosoliniDiritto di voto attivo e passivo nelle circoscrizioni comunali, dei cittadini stranieri residenti - Parere del Consiglio di Stato  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati