Continente in fuga - Alex Zanotelli 08/06/2005
Condividi questo articolo


 Continente in fuga


 Alex Zanotelli


«Credo sia giunto il momento di ritornare a parlare con forza degli immigrati, di dire no alla legge Fini-Bossi, no ai centri di permanenza temporanea, chiedere la verità sugli accordi tra Belusconi e Gheddafi, e infine una legge italiana a tutela dei rifugiati politici». Alex Zanotelli ribadisce l’urgenza per l’Italia di un cambio di politica in materia d’immigrazione.


L’Africa vive un momento difficile. È parecchio che lo sta vivendo, ed è incredibile che perfino il governo inglese sia uscito con un documento di 400 pagine, Il nostro interesse comune, in cui l’amministrazione Blair fa propri gli interessi dell’Africa, per cercare di non venire travolti dalle conseguenze di politiche sbagliate.


È quanto sta già accadendo con il problema degli immigrati, di persone che fuggono dall’Africa e da situazioni di enorme difficoltà, da guerre, repressioni interne o scontri interetnici. L’Africa è oggi il continente dei rifugiati - oltre 10 milioni - ma anche degli sfollati interni - 30/40 milioni -, gente che scappa all’interno di uno stesso paese oppure oltre confine. L’Africa è un continente in fuga ed è ovvio che i flussi si dirigano verso le nostre sponde e in particolare verso l’Italia, l’approdo naturale per l’Europa.


Il Mare Nostrum sta diventando una vera e propria tomba per l’Africa. È di questi giorni l’allarme per il prossimo arrivo di 15 mila immigrati, buona parte dei quali sarebbero rifugiati politici.


 



La gravità di questa situazione è che oggi molta gente arriva, tenta di approdare - soprattutto a Lampedusa - viene presa e ributtata dal governo italiano in Libia. Ho potuto parlare con Giusto Catania, l’eurodeputato che è riuscito ad andare a Tripoli e a visitare il centro di permanenza temporanea (cpt) - ce n’è uno ma facilmente ne saranno costruiti altri due - e la descrizione che mi ha fatto è veramente sconcertante.


Il governo italiano butta fuori questi immigrati e li sbatte in Libia. La Libia, che non ha mai firmato la Convenzione di Ginevra, li mette nei cpt, poi sugli aerei per rispedirli - con voli pagati dall’Italia - nelle diverse capitali del continente. La questione estremamente grave è che molti di queste persone sono rifugiati politici, scappano cioè dalla propria nazione, magari perché ricercati in quanto oppositori di regime.


Rimandarli nel proprio paese significa condannarli a morte. È chiaro, ad esempio, che chi viene rimandato in Eritrea, da dove è proibito fuggire, rischia anche di essere messo al muro. Questo tipo di comportamento è di una gravità estrema da parte di un paese come l’Italia, la cui Costituzione è stata scritta da rifugiati politici, che riconosce il diritto di concedere asilo allo straniero.


 


È incredibile che l’Italia ancora non si sia dotata di una legge su questo tema. Purtroppo si deve quindi regolare l’arrivo di immigrati sulla base di regolamenti come la Turco-Napolitano e soprattutto la Fini-Bossi, una legge assolutamente immorale. Non possiamo accettare queste deportazioni.



 


Si sta parlando in questo periodo di attuare un gesto forte, a Roma, per forzare il governo Berlusconi a rivelare i contenuti degli accordi segreti siglati con Gheddafi. Di tutto questo si parla anche in un film-documentario, Mare Nostrum, girato dal giornalista Stefano Mencherini, un tentativo di leggere questo fenomeno che non riesce ad essere mandato in onda nella Rai, la televisione pubblica.


 




Credo sia giunto il momento di ritornare a parlare con forza degli immigrati, di dire no alla legge Fini-Bossi, no ai centri di permanenza temporanea – come stanno facendo in questi giorni i comboniani di Bari manifestano contro la creazione del nuovo centro con un digiuno – chiedere la verità sugli accordi tra Belusconi e Gheddafi, e infine una legge italiana a tutela dei rifugiati politici.


 


In nome di queste persone noi missionari chiediamo un minimo di decenza umana per chi scappa da un’Africa martoriata.


 


http://www.nigrizia.it/doc.asp?id=7016&IDCategoria=105


 



Condividi questo articolo

in Cittadinanza e Diritti: Primi Passi - Educazione ai Diritti UmaniUguaglianza e non discriminazione - Rapporti annuali europei 2003 e 2004ANTIFASCISMO E IDENTITA’EUROPEA La prospettiva italiana e l’evoluzione nel resto d’EuropaVADEMECUM PER LE VISITE ALL’INTERNO DEI CENTRI DI PERMANENZA TEMPORANEA - In italiano, inglese, francese, spagnolo, turco, albanese, russo, arabo, farsi.APPRENDERE LUNGO TUTTO L’ARCO DELLA VITAPer contare e non essere contati -<b> Bisognerebbe essere capaci di sentire i bisogni di noi stessi e di tutti gli altri. </b>Protesta contro il governo italiano per violazione del diritto comunitarioAlmeno 38 cittadini africani sbarcati a Lampedusa lo scorso 2 giugno hanno ricevuto un decreto di espulsione dall'Italia in violazione delle norme sulla richiesta di asilo.Continente in fuga - Alex Zanotelli 08/06/2005Chiudere la stagione del diritto speciale dei migranti - Documento di Medici Senza Frontiere, ARCI, Magistratura Democratica, CGIL, Associazione Studi Giuridici sull’ImmigrazioneNon possiamo obbedire - di NICHI VENDOLAFORUM NAZIONALE ''MARE APERTO'' - ATTO FINALE SOTTOSCRITTO DAI  PRESIDENTI  DELLE  REGIONI<img height=326 
src=http://www.altremappe.org/CPT/imm_tiburtina-bis.jpg width=442 border=0><br>Cpt: gli eufemismi che velano gli orroriPRIMARIE APERTE ANCHE  AGLI IMMIGRATIProdi brinda con gli stranieri in 40mila alle primarie<IMG src=http://www.didaweb.net/mediatori/immagini/bimbm2.jpg border=0> <br>Programmare il razzismo? di Filippo MiragliaNuovo programma dell’ILO per contrastare la discriminazione 
e promuovere l’integrazione dei lavoratori migranti in Europa<b>Il mondo della cultura, della ricerca e della formazione per la libertà dei migranti</b><br>In occasione del 4 dicembre 2004<IMG src=http://unimondo.oneworld.net/ezimagecatalogue/catalogue/variations/8301-200x200.jpg border=0><br><b>Per contare e non essere contati </b>- 4 dicembre -  Roma - manifestazione nazionale dei migrantiHuman Rights in the World - Information on countriesNATIONS UNIES - APPLICATION DU PACTE INTERNATIONAL RELATIF AUX DROITS ÉCONOMIQUES, SOCIAUX ET CULTURELS - Quatrièmes rapports périodiques présentés par les États partiesUE - Relazione annuale sui diritti dell’uomo (2004)<b>L'Europa, un sogno in comune</b><br>Esclusi per definizione dal titolo di «cittadini europei», i migranti sono destinatari piuttosto delle politiche di «sicurezza» dell'Unione.Europa: firma della Costituzione, diritti incertiI MATRIMONI MISTI TENDENZE E DINAMICITA’ di Mara Tognetti BordognaBisogna investire sulla formazione degli stranieriLa condizione giuridica dello straniero in EuropaLibertà di movimentoMigranti - Il Giorno dei DirittiLE DUE LUNE - BAMBINI STRANIERI IN AFFIDO A FAMIGLIE ITALIANEMigranti, democrazia a bassa quotaLe problematiche dell’integrazione nella società e nel mercato del lavoro -Seminario europeo. Politiche d’integrazione dei lavoratori comunitari e dei paesi terzi - Bruxelles, 24 e 25 giugno 2004APPELLO PER IL DIRITTO DI VOTO PER GLI IMMIGRATI NON COMUNITARI ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE - Bologna, 6/4/2004Rapporto sull’integrazione scolastica 
dei bambini immigrati in Europa - Presentazione di Aluisi TosoliniDiritto di voto attivo e passivo nelle circoscrizioni comunali, dei cittadini stranieri residenti - Parere del Consiglio di Stato  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati