La crisi spinge gli immigrati a tornare a casa: a scuola meno bimbi stranieri
di Corrado Giustiniani
Condividi questo articolo


La crisi spinge gli immigrati a tornare
a casa: a scuola meno bimbi stranieri



di Corrado Giustiniani


ROMA (18 settembre) - Migliaia di famiglie straniere, romene soprattutto ma anche albanesi e nordafricane, hanno deciso di tornare nel loro paese d’origine, spinte dalla crisi economica. E la pressione dei nuovi alunni di nazionalità non italiana si è improvvisamente allentata. E’ quanto rivela un dato del ministero dell’Istruzione, fino ad oggi tenuto sotto chiave, finalmente filtrato all’esterno attraverso un sito internet. Si riferisce agli stranieri iscritti nelle classi italiane nell’ultimo anno scolastico, il 2008-2009: erano 629 mila. Aumentati certamente rispetto all’anno precedente, ma “solo” di 54 mila 800 unità.

Nel quinquennio 2003-2008, invece, l’incremento degli alunni stranieri ha viaggiato ad una media annua superiore alle 72 mila unità. L’allegro ciclone multietnico ha avuto il suo picco nell’anno scolastico 2004-2005, con circa 79 mila studenti di altra nazionalità in più, come ricorda il sito tuttoscuola.com. Nel 2007-2008, l’ultimo dato fino ad oggi disponibile, gli stranieri avevano raggiunto 574 mila unità.

Le previsioni sono di un ulteriore rallentamento, visto che siamo tuttora in piena crisi di posti di lavoro. Ma la fotografia del nuovo anno sarà scattata, come di consueto, a dicembre-gennaio. Opportunamente, perché non è affatto raro il caso di alunni stranieri che, dovendo seguire i loro genitori, vengono iscritti ad anno già iniziato. E’ anche probabile che il nuovo clima politico e sociale che si vive nel paese, sfavorevole agli immigrati, sia una concausa della voglia di andar via.

Sintomi della frenata si erano avuti nelle scorse settimane. Un caso su tutti, quello dell’Istituto professionale di Stato di Castelfranco Veneto, in pieno Nord Est e in una zona tradizionalmente di forte immigrazione. Al momento delle preiscrizioni, l’estate scorsa, il preside aveva previsto 12 classi. Ma successivamente ne ha dovute eliminare due.

Secondo il ministero dell’Educazione romena, sono già 6 mila i bambini che studiavano all’estero e che adesso sono stati re-immatricolati nelle scuole della Romania, perché i loro genitori hanno perso il lavoro. Vivevano in Italia, ma anche in Spagna. I siti web diffondono le nuove richieste di iscrizione: 97 a Brasov, 150 a Costanza e così via.

C’è un problema, però: la crisi economica morde anche in Romania, passata da un ritmo di aumento del Prodotto lordo dell’8 per cento all’attuale crescita zero, con una previsione di 1 milione di disoccupati a fine anno. E ce n’è un altro: «I bambini piccoli, quelli di 7-8 anni, nati e vissuti in Italia, conoscono poco il romeno - afferma Luminita Gugianu, che insegna in alcune scuole di Roma lingua, cultura e civiltà romena ad alunni romeni dai 6 ai 16 anni - A casa sentono un romeno regionale, lo capiscono e lo parlano, ma non sanno scriverlo. Bisogna perciò ri-alfabetizzarli».

Luminita, membra dell’Associazione Italia-Romania Futuro insieme, è una delle 25 insegnanti impegnate nelle scuole italiane in un progetto, finanziato dal governo romeno, per impedire che i bambini un giorno si sentano stranieri anche in Romania. «Va meglio, invece, con i ragazzi più grandi, che hanno già concluso un ciclo scolastico prima di arrivare in Italia» continua la professoressa, che parla tutti giorni con i genitori e assicura: «Nella testa dei romeni è scoccata l’ora del ritorno in patria. Se molte famiglie non traducono ancora il progetto in pratica, è proprio per la crisi che affligge il nostro paese».


http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=73648&sez=HOME_INITALIA&npl=N



Condividi questo articolo

in News: Kufia, canto per la PalestinaI cattolici e la recessione: L’altro mercato possibile - 
di Leonardo BecchettiI cattolici e la recessione: vie di uscita dalla pazza crisi
di Annachiara ValleDdl sicurezza, una schedatura etnica di Carlo BeriniPace in Palestina: Gaza, la questione morale del nostro tempo - un appello di Moni Ovadia e Ali RashidBologna - Progetto Dolore muto di Dacia MarainiLa speranza di Yousef - Testimonianze da GazaGUERRA UMANITARIA - Stefano Sarfati Nahmad (Rete degli ebrei contro l'occupazione)GENOVA >>> STOP AL MASSACRO DI GAZADalla parte degli ultimi - GIULIANO BATTISTON INTERVISTA VANDANA SHIVAMediatori negli ospedali - Al via progetto di formazioneLe misure di polizia non arrestano, bensì deviano dai nostri ad altri porti le masse migratorie - Lorenzo Prencipe - Presidente Centro Studi Emigrazione RomaACLI, ARCI, LEGAMBIENTE - CESSATE IL FUOCOMigreurop: Offensiva xenofoba sull’educazione e la sanità in ItaliaIl soffio ringhioso di una politica miope e xenofoba, che spira nelle osterie padane, è stato sdoganato. La Coppie miste - 20 anni di intercultura nelle scuole italianeLa crisi spinge gli immigrati a tornare a casa: a scuola meno bimbi stranieriCi sono 6 milioni di euro per chi non sa l'italianoLa Provincia di Genova: Profili di tutela dei minori immigratiLaboratorio - Il viaggio incisoSomalia – Italia: quelle storie parallele di emigrazioneIl Laboratorio interculturale di narrazione teatrale presenta la
Rassegna di narrazione: IL DONO DELLA DIVERSITÀ – III EdizioneInizia dalla Camera l’iter della Legge Delega per l’Istituzione dell’Albo dei MediatoriImmigrazione: Chiesa mettiti in gioco - Appello di Alex Zanotelli e dei missionari comboniani al mondo missionario, alla Cei e alle chiese per chiedere la disobbedienza civile alle leggi razzisteRivoluzione IX Infopoverty World ConferenceRoma Eventi 17 marzo ore 11,00 CGIL e FLC - Non siamo spie, non siamo razzisti! Tutte le bambine e i bambini hanno gli stessi diritti. Appello all’obiezione di coscienza della scuolaStranieri in classe, a Bolzano tetto del 30%  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati