Mediatori negli ospedali - Al via progetto di formazione
Condividi questo articolo


Arriveranno in 40 asl per migliorare i rapporti tra personale e pazienti immigrati.


Al via progetto di formazione


Roma – 22 dicembre 2008 - Più mediatori linguistico-culturali nelle corsie, per rompere i muri tra dottori e pazienti che arrivano dai quattro angoli del mondo.


È quanto prevede il progetto 'per la promozione dell'accesso della popolazione immigrata ai servizi sociosanitari e lo sviluppo delle attivita' di informazione ed orientamento socio-sanitario nelle Asl italiane', presentato sabato scorso a Roma.  Verrà realizzato dall’ Istituto Nazionale per la Salute, i Migranti e la Povertà, in convenzione con il ministero del Welfare e presentato oggi a Roma.


Si parte con 80 mediatori chiamati ad impegnarsi in attività  di informazione e orientamento socio-sanitario per gli immigrati che arrivano nelle strutture pubbliche di tutta Italia. Verranno formati per 18 mesi con  200 ore in aula e 200 sul campo, in una quarantina di Asl.


"Una grande sfida", secondo il direttore generale dell'Inmp, Aldo Morrone che giudica importanti iniziative di questo tipo, in un momento in cui "per la crisi economica, le fasce a rischio di marginalità aumentano". Per il sottosegretario alla Salute Eugenia Roccella si va così nella direzione della ricerca di un "modello italiano" per la gestione dell’immigrazione, "che con si può risolvere solo con le leggi".


L’Istat ha di recente sottolineato come gli immigrati hanno complessivamente condizioni di salute migliori rispetto agli  italiani, una dato dovuto anche al fatto che in media sono più giovani. Praticano però poca prevenzione, specialmente per fumo e sovrappeso.



http://www.stranieriinitalia.it/attualita-salute_piu_mediatori_negli_ospedali_6797.html



Condividi questo articolo

in News: Kufia, canto per la PalestinaI cattolici e la recessione: L’altro mercato possibile - 
di Leonardo BecchettiI cattolici e la recessione: vie di uscita dalla pazza crisi
di Annachiara ValleDdl sicurezza, una schedatura etnica di Carlo BeriniPace in Palestina: Gaza, la questione morale del nostro tempo - un appello di Moni Ovadia e Ali RashidBologna - Progetto Dolore muto di Dacia MarainiLa speranza di Yousef - Testimonianze da GazaGUERRA UMANITARIA - Stefano Sarfati Nahmad (Rete degli ebrei contro l'occupazione)GENOVA >>> STOP AL MASSACRO DI GAZADalla parte degli ultimi - GIULIANO BATTISTON INTERVISTA VANDANA SHIVAMediatori negli ospedali - Al via progetto di formazioneLe misure di polizia non arrestano, bensì deviano dai nostri ad altri porti le masse migratorie - Lorenzo Prencipe - Presidente Centro Studi Emigrazione RomaACLI, ARCI, LEGAMBIENTE - CESSATE IL FUOCOMigreurop: Offensiva xenofoba sull’educazione e la sanità in ItaliaIl soffio ringhioso di una politica miope e xenofoba, che spira nelle osterie padane, è stato sdoganato. La Coppie miste - 20 anni di intercultura nelle scuole italianeLa crisi spinge gli immigrati a tornare a casa: a scuola meno bimbi stranieriCi sono 6 milioni di euro per chi non sa l'italianoLa Provincia di Genova: Profili di tutela dei minori immigratiLaboratorio - Il viaggio incisoSomalia – Italia: quelle storie parallele di emigrazioneIl Laboratorio interculturale di narrazione teatrale presenta la
Rassegna di narrazione: IL DONO DELLA DIVERSITÀ – III EdizioneInizia dalla Camera l’iter della Legge Delega per l’Istituzione dell’Albo dei MediatoriImmigrazione: Chiesa mettiti in gioco - Appello di Alex Zanotelli e dei missionari comboniani al mondo missionario, alla Cei e alle chiese per chiedere la disobbedienza civile alle leggi razzisteRivoluzione IX Infopoverty World ConferenceRoma Eventi 17 marzo ore 11,00 CGIL e FLC - Non siamo spie, non siamo razzisti! Tutte le bambine e i bambini hanno gli stessi diritti. Appello all’obiezione di coscienza della scuolaStranieri in classe, a Bolzano tetto del 30%  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati