Il Laboratorio interculturale di narrazione teatrale presenta la Rassegna di narrazione: IL DONO DELLA DIVERSITÀ – III Edizione
“Se i mezzi di comunicazione non raccontano la verità, lo faranno le storie…”
Condividi questo articolo





 Il Laboratorio interculturale di narrazione teatrale presenta
la Rassegna di narrazione:


IL DONO DELLA DIVERSITÀ 
III Edizione


“Se i mezzi di comunicazione non raccontano la verità, lo faranno le storie…”


 12 e 13 giugno 2009
Studio Uno Teatro Via Carlo della Rocca, 6 (Roma)


Il Laboratorio interculturale di narrazione teatrale inizia il suo viaggio esattamente nel novembre del 2005, a Roma, ideato e condotto da Alessandro Ghebreigziabiher.


Un laboratorio inteso con un duplice significato: un percorso di formazione esperienziale, diretto dallo stesso Ghebreigziabiher, ma anche un laboratorio nel senso di spazio in cui le persone avessero la possibilità di lavorare insieme e mettere al servizio di tutti ogni singola risorsa.


La narrazione teatrale è lo strumento che fu scelto quale principale strumento di lavoro. L’aggettivo interculturale è quello che però caratterizza il tutto nell’accezione che chiariamo nel nostro manifesto: Non c’è modo più potente per fare intercultura, cioè per sottolineare l’importanza delle differenze e della ricchezza insita nella propria unicità, che mostrare la diversità di coloro che spesso si ritengono uguali (piuttosto che elogiare l'uguaglianza dei cosiddetti diversi...), di far vedere quanto essi siano interessanti da ascoltare quando raccontano loro stessi e quanto tutto ciò sia meraviglioso se hanno il coraggio di mescolarsi tra loro. Ecco perché per noi l’intercultura ha a che fare molto di più con la storia di ogni singola persona, piuttosto che con il rispettivo paese d’origine. Per questo motivo crediamo che l’Italia stessa, con tutti i suoi dialetti e le sue diversissime regioni, sia già una terra multiculturale, ancora prima di essere arricchita dell’arrivo degli immigrati, spesso discriminati e talvolta auto discriminanti.


Nel 2007 c’è stata la prima edizione della rassegna di narrazione teatrale “Il dono della diversità”, in pratica la numero zero. Il tema fu la diversità dei linguaggi narrativi ed abbiamo così mescolato tra gli altri la poesia di Yvan Tetelbom con i racconti autobiografici di Gabriella Ghermandi, quelli di Cristina Ali Farah con il consueto spettacolo degli allievi del laboratorio. Per l’edizione del 2008 il filo conduttore deciso fu la diversità dei narratori e abbiamo pubblicato il seguente bando in varie lingue, tra cui Inglese, Napoletano, Calabrese e Romanesco: il “Laboratorio interculturale di narrazione teatrale” cerca spettacoli per la II Edizione della Rassegna "Il dono della diversità", a Roma, da Maggio a Giugno 2008. Romanesco, Arabo, Napoletano, Tigrino, Calabrese, Inglese, Siciliano, qualunque sia la vostra lingua essa sarà ben accetta, anzi!!!


Hanno richiesto la loro partecipazione circa settanta artisti e compagnie da nord a sud, con spettacoli molto interessanti ed estremamente originali, dandoci la prova che, forse, non siamo così pazzi nel credere in una multiculturalità italiana, ancora prima che impreziosita da ciò che viene da lontano. Il risultato è stato un festival di dieci spettacoli veramente interessanti.


L’Edizione 2009 sarà dedicata alla diversità delle storie e si svolgerà a giugno 2009, ancora una volta a Roma. Il bando è stato il seguente: Cercasi storie vere: avete vissuto come protagonisti o semplici osservatori qualcosa che ritenete debba essere assolutamente raccontato? Abbiamo ricevuto una grande quantità di racconti, quasi tutti di valore, nella totalità interessanti, in quanto veri. Non è stato facile prendere una decisione. Se avessimo potuto, li avremmo accolti tutti…


I testi scelti saranno rappresentati in scena dagli attori/narratori del laboratorio. Storie, solo storie, semplici storie vere, ognuna diversa dall’altra, come ciascuna persona che l’ha vissuta, con il seguente motto: “Se i mezzi di comunicazione non raccontano la verità, lo faranno le storie…”


 12 e 13 giugno 2009


Studio Uno Teatro Via Carlo della Rocca, 6 (Roma)


Video di presentazione:
http://www.youtube.com/watch?v=ML2YdwNyL3Q


Informazioni: Web:
www.narrazioneinterculturale.org


Email: lab_interculturale@tiscali.it Cell: 348.9222588


Cecilia Moreschi
email: lab_interculturale@tiscali.it  



Condividi questo articolo

in News: Kufia, canto per la PalestinaI cattolici e la recessione: L’altro mercato possibile - 
di Leonardo BecchettiI cattolici e la recessione: vie di uscita dalla pazza crisi
di Annachiara ValleDdl sicurezza, una schedatura etnica di Carlo BeriniPace in Palestina: Gaza, la questione morale del nostro tempo - un appello di Moni Ovadia e Ali RashidBologna - Progetto Dolore muto di Dacia MarainiLa speranza di Yousef - Testimonianze da GazaGUERRA UMANITARIA - Stefano Sarfati Nahmad (Rete degli ebrei contro l'occupazione)GENOVA >>> STOP AL MASSACRO DI GAZADalla parte degli ultimi - GIULIANO BATTISTON INTERVISTA VANDANA SHIVAMediatori negli ospedali - Al via progetto di formazioneLe misure di polizia non arrestano, bensì deviano dai nostri ad altri porti le masse migratorie - Lorenzo Prencipe - Presidente Centro Studi Emigrazione RomaACLI, ARCI, LEGAMBIENTE - CESSATE IL FUOCOMigreurop: Offensiva xenofoba sull’educazione e la sanità in ItaliaIl soffio ringhioso di una politica miope e xenofoba, che spira nelle osterie padane, è stato sdoganato. La Coppie miste - 20 anni di intercultura nelle scuole italianeLa crisi spinge gli immigrati a tornare a casa: a scuola meno bimbi stranieriCi sono 6 milioni di euro per chi non sa l'italianoLa Provincia di Genova: Profili di tutela dei minori immigratiLaboratorio - Il viaggio incisoSomalia – Italia: quelle storie parallele di emigrazioneIl Laboratorio interculturale di narrazione teatrale presenta la
Rassegna di narrazione: IL DONO DELLA DIVERSITÀ – III EdizioneInizia dalla Camera l’iter della Legge Delega per l’Istituzione dell’Albo dei MediatoriImmigrazione: Chiesa mettiti in gioco - Appello di Alex Zanotelli e dei missionari comboniani al mondo missionario, alla Cei e alle chiese per chiedere la disobbedienza civile alle leggi razzisteRivoluzione IX Infopoverty World ConferenceRoma Eventi 17 marzo ore 11,00 CGIL e FLC - Non siamo spie, non siamo razzisti! Tutte le bambine e i bambini hanno gli stessi diritti. Appello all’obiezione di coscienza della scuolaStranieri in classe, a Bolzano tetto del 30%  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati