La Provincia di Genova: "La scuola accoglie tutti"
Condividi questo articolo


Clandestini,


"La scuola accoglie tutti"



 


«Nessuna legge impone alle scuole di denunciare nessuno; nessun dirigente scolastico è obbligato a chiedere agli studenti stranieri il permesso di soggiorno», afferma Anna Maria Dominici.

La Provincia ha spedito alla direttrice scolastica regionale un documento da inoltrare a presidi e direttori scolastici, con cui si chiede di non denunciare i clandestini. «Se qualcuno vuole divulgare il documento, lo faccia pure, ma a mio parere è inutile: la scuola accoglie e integra tutti», ripete.

Eppure la preside dell´Einaudi-Casaregis lo scorso anno ha chiesto agli alunni extracomunitari la documentazione?
«È un problema di un solo capo di istituto, ma non ci sono mai state indicazioni da parte di questo ufficio. Tanto è vero che lo scorso luglio, noi e la Prefettura abbiamo aiutato una ragazza clandestina...»


Nella sua relazione di inizio anno scolastico si rimarca la sperequazione di extracomunitari tra una scuola e l´altra. Intendete correggerla?
«Gli stranieri sono concentrati nelle città o in alcuni istituti. Questo problema in queste ore è all´attenzione del ministro Gelmini e non posso essere io a dare direttive in merito».


Neppure in ambito locale è autorizzata a farlo?
«Su scala regionale ci si può mettere d´accordo tra dirigenti scolastici: due scuole vicine possono dividersi la popolazione straniera».


Nelle scuole ad elevata concentrazione di extracomunitari la dispersione scolastica è alta?
«Le scuole devono modulare l´offerta formativa secondo l´utenza: sia agli italiani, sia agli stranieri».


Gli insegnanti che ogni anno cambiano sede...
«La mobilità è un grande problema. Nessuno vuole tenere i docenti fermi, ma occorre dare la continuità didattica agli alunni. Se penso ai 4110 disabili ed ai 2120 insegnanti di sostegno, è importante che questi l´anno successivo si ritrovino insieme».


Come?
«Bisognerebbe rendere almeno biennale l´ordinanza dei trasferimenti».


I professori, però, attribuiscono al nuovo Piano di Dimensionamento Scolastico, che ha cambiato 23 scuole, la responsabilità di aver determinato i 1720 trasferimenti del 2009. «Non credo. La mobilità, in larga parte, avviene perché il docente la chiede. Possono esserci spostamenti forzati, ma solo in minima parte».


Cosa intendete fare con i ricorsi al Tar contro il Piano di Dimensionamento?
«Se gli appelli al Consiglio di Stato saranno confermati, sia la Regione che noi dovremo rivedere il documento. Tanto è vero che un nuovo Piano di Dimensionamento, condiviso, sarà pronto entro dicembre».


Maestro unico, bocciato dalle famiglie genovesi?
«Non è vero: non hanno accettato il tempo-scuola di 24 ore, scegliendo invece le 30 e le 40».


Con 24 ore si ha un solo maestro, con 30 se ne hanno due?
«In tutti i casi si ha un maestro prevalente, poi quello di lingua, di religione, e così via».


Cosa intendete fare dei 716 docenti precari che non sono stati riconfermati in Liguria?
«Un accordo tra Miur e Regioni prevede un contratto di disponibilità, così come è stato fatto in Lombardia e Campania».


Un indennizzo?
«Una parte dallo Stato, un´altra dalla Regione, in modo da utilizzare gli insegnanti per le supplenze temporanee».







(16 settembre 2009)

 



Condividi questo articolo

in News: Kufia, canto per la PalestinaI cattolici e la recessione: L’altro mercato possibile - 
di Leonardo BecchettiI cattolici e la recessione: vie di uscita dalla pazza crisi
di Annachiara ValleDdl sicurezza, una schedatura etnica di Carlo BeriniPace in Palestina: Gaza, la questione morale del nostro tempo - un appello di Moni Ovadia e Ali RashidBologna - Progetto Dolore muto di Dacia MarainiLa speranza di Yousef - Testimonianze da GazaGUERRA UMANITARIA - Stefano Sarfati Nahmad (Rete degli ebrei contro l'occupazione)GENOVA >>> STOP AL MASSACRO DI GAZADalla parte degli ultimi - GIULIANO BATTISTON INTERVISTA VANDANA SHIVAMediatori negli ospedali - Al via progetto di formazioneLe misure di polizia non arrestano, bensì deviano dai nostri ad altri porti le masse migratorie - Lorenzo Prencipe - Presidente Centro Studi Emigrazione RomaACLI, ARCI, LEGAMBIENTE - CESSATE IL FUOCOMigreurop: Offensiva xenofoba sull’educazione e la sanità in ItaliaIl soffio ringhioso di una politica miope e xenofoba, che spira nelle osterie padane, è stato sdoganato. La Coppie miste - 20 anni di intercultura nelle scuole italianeLa crisi spinge gli immigrati a tornare a casa: a scuola meno bimbi stranieriCi sono 6 milioni di euro per chi non sa l'italianoLa Provincia di Genova: Profili di tutela dei minori immigratiLaboratorio - Il viaggio incisoSomalia – Italia: quelle storie parallele di emigrazioneIl Laboratorio interculturale di narrazione teatrale presenta la
Rassegna di narrazione: IL DONO DELLA DIVERSITÀ – III EdizioneInizia dalla Camera l’iter della Legge Delega per l’Istituzione dell’Albo dei MediatoriImmigrazione: Chiesa mettiti in gioco - Appello di Alex Zanotelli e dei missionari comboniani al mondo missionario, alla Cei e alle chiese per chiedere la disobbedienza civile alle leggi razzisteRivoluzione IX Infopoverty World ConferenceRoma Eventi 17 marzo ore 11,00 CGIL e FLC - Non siamo spie, non siamo razzisti! Tutte le bambine e i bambini hanno gli stessi diritti. Appello all’obiezione di coscienza della scuolaStranieri in classe, a Bolzano tetto del 30%  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati