FIRMATO ACCORDO ITALIA-ROMANIA CONTRO POVERTA' CITTADINI ROMENI E ROM
Condividi questo articolo


20/12/2007      Inclusione sociale

FIRMATO ACCORDO ITALIA-ROMANIA
CONTRO POVERTA' CITTADINI ROMENI E ROM
    


È stato firmato questa mattina a Bucarest dal Ministro della Solidarietà Sociale Paolo Ferrero e dal Ministro del Lavoro romeno Paul Pacuraru un accordo di collaborazione tra Italia e Romania per ridurre in entrambi i paesi la povertà e l’emarginazione sociale dei cittadini romeni, in particolare dei rom.


L'obiettivo e' l'innalzamento della qualità della vita dei romeni, rom inclusi, e il contenimento dei flussi migratori nel nostro paese. L'intesa prevede la realizzazione di progetti (anche congiunti) e l'utilizzo di fondi nazionali e comunitari. I progetti avranno carattere multidisciplinare e riguarderanno non  solo il lavoro ma anche l'educazione e l'abitazione.



I due paesi si sono impegnati a reperire risorse in tal senso per programmi, innovativi e sperimentali, per l'integrazione sociale dei romeni che vivono in situazioni di emarginazione  socio-economica e della comunità rom attualmente presenti in Italia e Romania. L'Italia metterà a disposizione della Romania le conoscenze finora raggiunte nonché lo scambio di buone prassi in materia di inclusione sociale. Sarà inoltre favorita nel nostro paese (come ha già cominciato a fare il governo romeno) l'informazione ai cittadini romeni, inclusi i rom, sulle opportunità di lavoro ed inclusione sociale che esistono nel loro paese di origine.    




Vedi l'accordo   (.pdf 62 Kb)


1


DICHIARAZIONE CONGIUNTA FRA
IL MINISTRO DELLA SOLIDARIETA’ SOCIALE DELLA
REPUBBLICA ITALIANA


ed


IL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA FAMIGLIA E DELLE PARI
OPPORTUNITA’ DELLA ROMANIA
IN MATERIA DI PROMOZIONE DELL’INCLUSIONE SOCIALE


Il Ministro della Solidarietà sociale della Repubblica Italiana ed il Ministro del Lavoro, della Famiglia e delle Pari Opportunità della Romania,


Volendo rafforzare la cooperazione bilaterale tra i due Ministeri nell'ambito delle rispettive competenze, avviando anche una concertazione regolare;


Viste le previsioni della Carta Sociale Europea (rivista)


Vista la Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali del Consiglio d’Europa, ed in particolare l’art. 14 che prevede che il ''godimento dei diritti e delle libertà riconosciuti nella presente Convenzione deve essere assicurato senza nessuna discriminazione, in particolare quelle fondate sul sesso, la razza, il colore, la lingua, la religione, le opinioni politiche o di altro genere, l'origine nazionale o sociale, l'appartenenza a una minoranza nazionale, la ricchezza, la nascita o ogni altra condizione'';


Vista la raccomandazione n. 4/2005 del Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa che, nel quadro complessivo di sostegno alle politiche nazionali per la lotta alla povertà, raccomanda agli Stati Membri di impegnarsi per il miglioramento delle condizioni abitative di Rom e Camminanti presenti in Europa, rispettando il diritto dell’individuo a scegliere liberamente il proprio stile di vita,  sedentario o nomade, ed a contrastare la creazione di ghetti e la segregazione della popolazione Rom dal resto della società;


Vista la raccomandazione n. 17/2001 del Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa sul miglioramento delle condizioni economiche ed occupazionali delle comunità Rom, Sinti e Camminanti presenti in Europa;


Vista la Direttiva 2000/43/CE del Consiglio, del 29 giugno 2000, che attua il principio della parità di trattamento fra le persone indipendentemente dalla razza e dall'origine etnica, nei campi dell’accesso all’occupazione, alla formazione ed all’orientamento, dell’affiliazione o attività in organizzazioni di lavoratori, della protezione sociale e dell’assistenza sanitaria, delle prestazioni sociali, dell’istruzione, dell’accesso ai beni e servizi, incluso l’alloggio;


Vista la decisione del Consiglio dei Ministri dell’OSCE n.3/03 per un Piano d’azione per migliorare la situazione dei Rom e dei Sinti nell’area dell’OSCE, che mira ''a potenziare le iniziative degli Stati partecipanti e delle competenti istituzioni e strutture dell’OSCE tese ad assicurare che le popolazioni Rom e Sinti siano in grado di svolgere a tutti gli effetti e in condizioni paritarie un ruolo nelle nostre società e ad eliminare la discriminazione nei loro confronti'';


Vista la Comunicazione della Commissione Europea al Consiglio, al Parlamento Europeo, al Comitato Economico e Sociale Europeo e al Comitato delle Regioni ''Una strategia quadro per la non discriminazione e le pari opportunità per tutti'' (COM 2005/224), che sottolinea la necessità per l’Unione allargata di definire un approccio coerente ed efficace volto a permettere l’integrazione sociale delle minoranze etniche e la loro piena partecipazione al mercato del lavoro;


Vista la lettera congiunta, datata 7 novembre 2007, firmata dal Presidente del Consiglio Romano Prodi e dal Primo Ministro Calin Popescu Tariceanu, al Presidente della Commissione Europea Josè Manuel Barroso;


Viste le Conclusioni del Consiglio Europeo del 14 dicembre 2007 che, fra l’altro recitano: “Le politiche di inclusione attiva dovrebbero associare l’integrazione nei mercati del lavoro, la mobilità della popolazione attiva, la motivazione a cercare attivamente un’occupazione, un adeguato sostegno del reddito e servizi sociali di qualità, accessibili ed efficaci […] Il Consiglio europeo si rallegra dei risultati dell'Anno europeo delle pari opportunità per tutti e invita gli Stati membri a intensificare gli sforzi per prevenire e combattere le discriminazioni all'interno e all'esterno del mercato del lavoro. A tale proposito il Consiglio europeo, conscio della situazione molto particolare in cui versa la comunità Rom in tutta l'Unione, invita gli Stati membri e l'Unione stessa ad utilizzare tutti i mezzi per migliorarne l'inclusione.”


Considerata la numerosa presenza in Italia di cittadini romeni, anche Rom;


Volendo ulteriormente valorizzare la buona collaborazione esistente tra i due Paesi e i rapporti di amicizia e solidarietà tra i rispettivi Popoli;


Essendo consapevoli dei problemi creati dagli spostamenti massici di popolazione, che, per le modalità in cui avvengono e per il numero delle persone coinvolte, non possono essere gestiti in modo adeguato, e ritenendo necessario produrre tutti gli sforzi per la loro prevenzione;


Considerata la necessità di promuovere sia in Italia che in Romania politiche di integrazione sociale rivolte alle fasce di popolazione a rischio di particolare emarginazione socio-economica, incluse le comunità Rom in Romania e quelle attualmente presenti in Italia, e intese a combattere fenomeni di degrado sociale e di illegalità; e altresì di scambiare le buone pratiche realizzate nei due Paesi


Considerata l’opportunità di sfruttare appieno le potenzialità offerte dall’impiego dei Fondi strutturali comunitari, ed in particolare del Fondo Sociale Europeo, che prevede tra le sue priorità l’integrazione sociale delle persone svantaggiate e la lotta contro tutte le forme di discriminazione sul mercato del lavoro;


I due Ministri convengono su quanto segue:


Articolo 1


I due Ministri coopereranno attivamente, in Italia ed in Romania, nel quadro della lotta alla povertà ed all’emarginazione sociale dei cittadini romeni, inclusi i Rom.


Articolo 2


Nell’ambito della collaborazione bilaterale, i programmi che saranno avviati avranno lo scopo di raggiungere i seguenti obiettivi:


a. Sviluppare la collaborazione tra il Ministero della Solidarietà Sociale della Repubblica Italiana ed il Ministero del Lavoro, della Famiglia e delle Pari Opportunità della Romania, per promuovere competenze tecniche e amministrative dei funzionari incaricati di ideare, sviluppare e gestire i programmi in Romania in materia di inclusione sociale finanziabili in ambito comunitario;


b. Sostenere la realizzazione degli accordi presi dalle autorità locali dei due Paesi per lo scambio di buone prassi in materia di inclusione sociale, in particolare di cittadini romeni che vivono in situazione di emarginazione socio-economica e delle comunità Rom:


c. Sviluppare e realizzare nei due Paesi, anche con il reperimento di specifiche risorse nazionali e comunitarie, progetti – anche innovativi e sperimentali - di integrazione sociale di cittadini romeni che vivono in situazione di emarginazione socioeconomica e di comunità Rom attualmente presenti nei due Paesi;


d. Favorire, attraverso una migliore informazione dei cittadini romeni, inclusi quelli Rom, presenti in Italia, la conoscenza di opportunità di lavoro e di inclusione sociale in Romania;


Articolo 3


Per dare attuazione agli obiettivi di cui all’art.2, verra’ nominato un punto di contatto presso ciascun Ministero.


Firmata a Bucarest, il 20/12/ 2007


                Il Ministro                                                 Il Ministro del Lavoro
della Solidarieta’ Sociale                                  della Famiglia e delle
della Repubblica Italiana                                        Pari Opportunita’
                                                                                 della Romania


Paolo Ferrero                                                           Paul Pacuraru


 


http://www.solidarietasociale.gov.it/NR/rdonlyres/EAC5DF0F-C023-4475-816C-1F15B92E2FBB/0/AccordoItaliaRomania_20dicembre2007.pdf



Condividi questo articolo

in Il popolo che danza: Vengo dall'Oriente - Laboratorio 2006/2007La memoria di nonna Milka. Una visita ai luoghi dell'ex campo di internamento per rom e sinti di Agnone, in Molise, insieme a una sopravvissuta.Istituto per gli Studi sulla Pubblica Opinione (ISPO) -  Ricerca quali-quantitativa ''Italiani, Rom e Sinti a confronto''Conferenza europea della popolazione Rom.''La legalità strumento migliore per combattere stereotipi e pregiudizi'' 23.01.2008Conferenza europea sulla popolazione Rom. Riconoscere i Rom come minoranza linguistica - 22.01.2008Le storie di Stanka e Maria, la deportazione dei rom e sinti in Friuli Venezia Giulia durante la seconda guerra mondiale.Zingari, rom, sinti - Attilio Scarpellini Lettera22C’è un rom al semaforo - Pierluigi SulloComunicato finale della XVIII Sessione Plenaria del Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti sul tema Viktória Mohácsi,europarlamentare MEP-ALDE, ungherese e rom, sulle dichiarazioni di Silvio Berlusconi.Roma 22 e 23 gennaio 2008 Conferenza Europea sulla popolazione RomOperazione Il Presidente UniónRomaní sulle due ragazze rom morte a napoli nell'indifferenzaEmergenza Prioritaria - Il razzismo ha trasformato gli italiani in un popolo disumano - di Roberto Malini - Gruppo EveryOneVento d'Europa: bambini, ragazzi, donne e giovani adulti Rom nelle nostre scuole. Tavolo di lavoro per una scuola che ti cammini accantoL'impronta del razzismo - Dijana PavlovicViktória Mohácsi: l'Italia e i Rom''Rom bastardo'' - Un documentario racconta il razzismo verso i romFIRMATO ACCORDO ITALIA-ROMANIA CONTRO POVERTA' CITTADINI ROMENI E ROMI Rom si appellano al Papa - di Associazione Italiana Zingari OggiIL COMMISSARIO PER I ROM È CONTRO LA DIRETTIVA EUROPEA N 43/2000Rom : la protesta di Ponticelli organizzata e tempisticamente perfettaRazzismo sui Rom : tifosi minacciano Pirlo , Ibrahimovic e MihajlovicAPPELLO per UNA MOBILITAZIONE NAZIONALE CONTRO LA PULIZIA ETNICA, IL DECRETO SICUREZZA E LA DIRETTIVA EUROPEA DELLA VERGOGNACanto zingaro di primaveraVEDI >>> Domande al popolo zingaro - documentario a cura dell'AIZODall'Università di Pisa: un ProfessoreVEDI >>> MI SUN ROMANES - La condizione dei Rom a Milano - Testi di Carlo CuomoIo, rom italiana, non mi sento più protetta dal mio paeseANTI-ROMA VIOLENCE IN ITALY: ARE WE BACK TO 1930?Se questo è un uomo. Rom e romeni in attesa dell’allontanamento dall’Italia. prof. Lorenzo Renzi, ordinario di Romanistica presso l'Universita' di PadovaPorrajmos di Marco DonatiDalla televisone tedesca: Gewalt gegen Roma in ItalienKampi: Roma Ghettos in Rome/Italy Maps - Map: Description of each Ghetto39 Bambini Rom ad Auschwitz - Video documentoLa strada verso il “Porrajmos” (la distruzione)
Racconti e testimonianze sullo “sterminio dimenticato” del popolo dei Rom e SintiViktoria Mohacsi (Eldr) dopo la visita di due giorni negli insediamenti di Roma e Napoli. ''Ecco le mie denunce al Parlament europeo''Italia invasa dai rom? E'14esima in Europa - Rolando A. BorzettiGli zingari in Italia: cultura e musica - di Nico Staiti  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati