La Bolkestein ovvero l’abbandono del modello sociale europeo
Condividi questo articolo


La Bolkestein ovvero l’abbandono del modello sociale europeo
di red.

La direttiva Bolkestein propone l’obiettivo di abbattere qualsiasi barriera nell'offerta di servizi nei paesi europei e dunque impone ai Venticinque una concorrenza commerciale spietata e senza limiti in tutte le attività de servizi. La definizione di servizio codificato nel documento è la seguente: «Ogni settore di attività economica in cui un servizio può essere fornito da un privato». Definizione estesa che potrebbe comprendere una moltitudine di attività, comprese quelle legate alla sanià e all'istruzione.


Ma il cuore della Bolkestein - quella che motiva le polemiche, le scaramucce diplomatiche e le marce dei sindacati europei - risiede nell'art. 16 relativo al principio del paese d'origine: un fornitore di servizi è sottoposto esclusivamente alla legge del paese in cui ha sede l'impresa, e non a quella del paese dove fornisce il servizio. Per dirla in parole comprensibili: un' impresa polacca dislocata in Italia o Germania non dovrà più chiedere l'autorizzazione alle autorità italiane e tedesche per erogare servizi in quei paesi se ha già ottenuto l'autorizzazione delle autorità polacche, e ai suoi lavoratori applicherà la legislazione polacca (retribuzione, orario di lavoro, tutele …). Questo principio decreta la fine del proposito dell’Ue di armonizzare le normative dei singoli Stati e affida questo compito al mercato.


Nel comunicato di un’organizzazione aderente alla manifestazione svolta a Bruxelles il 19 marzo e organizzata dai sindacati europei per dire stop alla Bolkestein si legge: «Siamo di fronte ad un incitamento legale a spostare le imprese verso i Paesi a più debole protezione sociale e del lavoro, e una volta approvata definitivamente la Direttiva, a pressioni fortissime sui Paesi i cui standard sociali e di lavoro sono storicamente molto più avanzati». Difatti sono soprattutto i Paesi dell'Europa dell'est a guardare con favore alla normativa che apre nuovi mercati per i servizi a più basso costo delle loro imprese.


http://www.unita.it/index.asp?SEZIONE_COD=HP&TOPIC_TIPO=&topic_id=41655



Condividi questo articolo

in Storie di mondo: Difendere la scuola pubblica, autogestire la formazione - incontro con lo studioso portoghese Boaventura Souza SantosUna canzone per fermare la povertàPer un pugno di semiL'Europa e le sue radici - Giovanni Lajolo, sul ''Ruolo della Chiesa e dei cristiani nel futuro dell'Europa'' - a cura di Mattia Bianchi 10/09/2005Lettera aperta degli organismi sindacali internazionali all’Assemblea generale dell’ONU: dobbiamo decidere e agire contro la povertà e farlo subito!CINA SPECIAL CHILDXinjiang, il paese del melograno sulla via della seta, ovvero la Cina senza i cinesiBanca mondiale - Lo sviluppo del mondo nelle mani di Mr MagooMarina Forti: India. Il bambù fiorirà, e sarà la fameL'UNESCO et les sociétés du savoirLa cancellazione del debito non è la soluzione ai problemi dell'Africa - James ShikwatiGiornata mondiale del rifugiato - Il Rapporto 2005 dell'Alto Commissariato delle Nazioni UnitePOVERTA’ ED EMARGINAZIONE - Il Convegno organizzato dalla Fondazione Cecchini-Pace apre a nuove riflessioni sul futuro dell’umanità''Compagno Lula'', domande dall'utopiaIL GATS Oggi - ''L'insegnamento non è un mercato''PER UNA GLOBALIZZAZIONE PIÙ GIUSTA la globalizzazione può e deve cambiare - JUAN SOMAVIA, DIRETTORE GENERALE DELL’UFFICIO INTERNAZIONALE DEL LAVOROForum Sociale Europeo - Appello alla mobilitazione per il 2 aprileLa Bolkestein ovvero l’abbandono del modello sociale europeoDirettiva Bolkestein - dossier attac.italiaNaomi Klein: ecco il mio documentario sull’ArgentinaLETTERA APERTA ALLE COMUNITÀ CRISTIANE E AI VESCOVI ITALIANIAhmed - La Giornata dei Diritti dei Bambini,il giorno dopoEconomie Mediterranee  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati