Xinjiang, il paese del melograno sulla via della seta, ovvero la Cina senza i cinesi
Arturo Ghinelli
Condividi questo articolo



Xinjiang, il paese del melograno sulla via della seta, ovvero la Cina senza i cinesi


Quest ’ estate sono tornato per la seconda volta in Cina,dopo sei anni dal primo viaggio,e ho toccato con mano,meglio ho visto con i miei occhi,perché il suo PIL è aumentato dell’8% nell’ultimo anno. Milioni di persone che lavorano instancabilmente notte e giorno con la speranza di un domani migliore e la certezza che …"il nostro governo sta studiando come risolvere questo problema". L’entusiasmo con cui i genitori accettano che il turista fotografi i propri figli. La tenacia nel ricostruire la strada interrotta dall’alluvione e l’orgoglio nel tinteggiare di fresco la Città Proibita in vista delle Olimpiadi del 2008.


summermarket.jpg


Ma la sorpresa maggiore di questo viaggio è stata la scoperta dello Xinjiang,la provincia autonoma degli Uygur,il centro dell’Asia,dove si incontrano e convivono etnie e nazionalità disparate e per noi europei assolutamente sconosciute. Mongoli,kazakhi,tagiki,uzbechi si ritrovano tutte le domeniche al mercato di Kashgar,parlano lingue diverse, hanno religioni diverse eppure convivono e fanno fronte comune contro l’etnia dominante: i cinesi o per meglio dire i temibili Han,che bevono alcool e non credono in nessun Dio. Non per niente il simbolo dello Xinjiang è il melograno: il dolce frutto che racchiude dentro di sé tanti semi diversi.


La leggenda vuole che dal matrimonio della Dea Terra con il lupo siano nati sette figli diversi,ma fratelli: kyrighisi, uzbechi, tatari, tagiki, mongoli, kazakhi e uygur.


Le scritte sono tutte doppie in cinese e in arabo, qualcuna anche in uygur.


school kids khotan


Un paese multiculturale come tanti altri o una società interculturale da portare ad esempio per chi non ha ancora capito che siamo tutti meticci? Non so rispondere con certezza,venti giorni non bastano per capire la complessità di un paese. Certo l’impressione è stata buona,pare proprio che ce la mettano tutta per convivere in pace. A fianco delle moschee sorgono le pagode buddiste e le grotte dai mille Budda, dopo essere stata deturpate dai primi missionari islamici,oggi vengono offerte con orgoglio al visitatore occidentale come pietre di una storia comune,anche se corrose dal tempo e dall’integralismo.



Arturo Ghinelli


altre immagini:
http://www.mexicanpictures.com/archives/travel/xinjiang/



Condividi questo articolo

in Storie di mondo: Difendere la scuola pubblica, autogestire la formazione - incontro con lo studioso portoghese Boaventura Souza SantosUna canzone per fermare la povertàPer un pugno di semiL'Europa e le sue radici - Giovanni Lajolo, sul ''Ruolo della Chiesa e dei cristiani nel futuro dell'Europa'' - a cura di Mattia Bianchi 10/09/2005Lettera aperta degli organismi sindacali internazionali all’Assemblea generale dell’ONU: dobbiamo decidere e agire contro la povertà e farlo subito!CINA SPECIAL CHILDXinjiang, il paese del melograno sulla via della seta, ovvero la Cina senza i cinesiBanca mondiale - Lo sviluppo del mondo nelle mani di Mr MagooMarina Forti: India. Il bambù fiorirà, e sarà la fameL'UNESCO et les sociétés du savoirLa cancellazione del debito non è la soluzione ai problemi dell'Africa - James ShikwatiGiornata mondiale del rifugiato - Il Rapporto 2005 dell'Alto Commissariato delle Nazioni UnitePOVERTA’ ED EMARGINAZIONE - Il Convegno organizzato dalla Fondazione Cecchini-Pace apre a nuove riflessioni sul futuro dell’umanità''Compagno Lula'', domande dall'utopiaIL GATS Oggi - ''L'insegnamento non è un mercato''PER UNA GLOBALIZZAZIONE PIÙ GIUSTA la globalizzazione può e deve cambiare - JUAN SOMAVIA, DIRETTORE GENERALE DELL’UFFICIO INTERNAZIONALE DEL LAVOROForum Sociale Europeo - Appello alla mobilitazione per il 2 aprileLa Bolkestein ovvero l’abbandono del modello sociale europeoDirettiva Bolkestein - dossier attac.italiaNaomi Klein: ecco il mio documentario sull’ArgentinaLETTERA APERTA ALLE COMUNITÀ CRISTIANE E AI VESCOVI ITALIANIAhmed - La Giornata dei Diritti dei Bambini,il giorno dopoEconomie Mediterranee   dello stesso autore: PERCHE’ NON POSSO ANDARE IN UNA SCUOLA NORMALE?A SCUOLA DI ARABOIL COLORE DELL’ACQUADIRE FARE MANGIAREDUE  LINGUE SONO MEGLIO DI UNAPer contare e non essere contati -<b> Bisognerebbe essere capaci di sentire i bisogni di noi stessi e di tutti gli altri. </b>A Modena - 17 Novembre 2004 ore 17.00 - <b>IL POPOLO DEL LIBRO L’educazione nella tradizione e nella cultura ebraica</b>Genitori neri - <b>E' meglio essere diversi per sopravvivere meglio</b>CINA SPECIAL CHILDXinjiang, il paese del melograno sulla via della seta, ovvero la Cina senza i cinesi<b>LA STORIA E' DI TUTTI - </b> Nuovi orizzonti e buone pratiche nell'insegnamento della storia - Modena,5-10 settembre 2005Le impronte di MaroniBAMBINI  e MAESTRI CLANDESTINISono 574.133 gli alunni immigrati - Dati MIUR alcune novità e diversi dati assenti


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati