CINA SPECIAL CHILD
Arturo Ghinelli
Condividi questo articolo



CINA SPECIAL CHILD


Come è noto in Cina esiste una legge che vieta alle coppie di avere più di un figlio per limitare l’aumento demografico in un paese che conta già un miliardo e mezzo di persone.

Cosa succede a chi non rispetta la legge? La guida del nostro viaggio ci ha detto che chi non rispetta la legge deve pagare una multa molto elevata, se paragonata agli stipendi medi. Esiste però un’eccezione a questa legge e riguarda le coppie che appartengono alle minoranze,queste possono fare quanti figli vogliono. Le minoranze etniche sono concentrate in alcune regioni della Cina. Le minoranze che vivono nello Xinjiang,pur godendo già di una certa autonomia, vorrebbero essere sempre più autonome dal governo centrale, che teme perciò vogliano arrivare all’indipendenza vera e propria. Per questa ragione Pechino favorisce in tutti i modi il trasferimento degli Han,l’etnia cinese doc,nelle province abitate dalle minoranze. Tra i favori previsti c’è anche quello di poter superare l’unico figlio previsto dalla legge in modo da diventare maggioranza anche nei territori abitati dalle minoranze,cosa che si sta puntualmente verificando stando alle percentuali che ci ha fornito Agym, la nostra guida uygur. Così quando Agym ci ha ospitati a casa sua per una merenda abbiamo visto frotte di bambini correre a salutarci,erano quelli che lui stesso ha definito, nel suo incerto inglese,  "special child". Un bambino in offerta speciale dal governo.


Altre frotte rumorose di bambini abbiamo incontrato negli stretti vicoli dei mercati,diventati la sede dei loro giochi in attesa che i genitori chiudessero bottega. Un gruppo vendeva collanine ai turisti in visita alla "Città morta", e contemporaneamente doveva badare un asino lasciato incustodito dai genitori. Altri ancora lavoravano direttamente nei laboratori artigianali degli strumenti musicali,dei tappeti e dei berretti tipici uygur.


Tutti i bambini però erano incuriositi da questi europei, che entravano nel loro mondo, e gradivano essere fotografati. Anzi quelli tra loro che non stavano lavorando,si mettevano in posa. E poi correvano sulla macchina fotografica per vedere la loro immagine appena scattata e restavano delusi dalla mia macchina che non era digitale e perciò non permetteva loro di vedersi.


Nelle campagne del West cinese i villaggi e le scuole ricordavano quelli del maestro Gao e ho avuto l’impressione che il problema dell’abbandono scolastico che Yang Zimou ha affrontato nel film "Non uno di meno"sia ancora di scottante attualità.


Il grande sviluppo economico ha fatto crescere grattacieli nelle città, ma nelle campagne le scuole sono ancora fatte con i mattoni di argilla seccati al sole, come quelli che gli alunni del maestro Gao preparano con le loro mani per raccogliere i soldi che permetteranno alla supplente di andare a riprendersi l’alunno scappato in città a lavorare.


A 8000 Km da qui,il problema sembra essere lo stesso: mancano i soldi per la scuola.


Anche se noi, nel nostro piccolo, in dieci anni abbiamo ridotto la spesa per l’istruzione passando dal 4,2% al 3,9% del PIL, non vogliamo farci sorpassare dal gigante cinese.


Arturo Ghinelli



Condividi questo articolo

in Storie di mondo: Difendere la scuola pubblica, autogestire la formazione - incontro con lo studioso portoghese Boaventura Souza SantosUna canzone per fermare la povertàPer un pugno di semiL'Europa e le sue radici - Giovanni Lajolo, sul ''Ruolo della Chiesa e dei cristiani nel futuro dell'Europa'' - a cura di Mattia Bianchi 10/09/2005Lettera aperta degli organismi sindacali internazionali all’Assemblea generale dell’ONU: dobbiamo decidere e agire contro la povertà e farlo subito!CINA SPECIAL CHILDXinjiang, il paese del melograno sulla via della seta, ovvero la Cina senza i cinesiBanca mondiale - Lo sviluppo del mondo nelle mani di Mr MagooMarina Forti: India. Il bambù fiorirà, e sarà la fameL'UNESCO et les sociétés du savoirLa cancellazione del debito non è la soluzione ai problemi dell'Africa - James ShikwatiGiornata mondiale del rifugiato - Il Rapporto 2005 dell'Alto Commissariato delle Nazioni UnitePOVERTA’ ED EMARGINAZIONE - Il Convegno organizzato dalla Fondazione Cecchini-Pace apre a nuove riflessioni sul futuro dell’umanità''Compagno Lula'', domande dall'utopiaIL GATS Oggi - ''L'insegnamento non è un mercato''PER UNA GLOBALIZZAZIONE PIÙ GIUSTA la globalizzazione può e deve cambiare - JUAN SOMAVIA, DIRETTORE GENERALE DELL’UFFICIO INTERNAZIONALE DEL LAVOROForum Sociale Europeo - Appello alla mobilitazione per il 2 aprileLa Bolkestein ovvero l’abbandono del modello sociale europeoDirettiva Bolkestein - dossier attac.italiaNaomi Klein: ecco il mio documentario sull’ArgentinaLETTERA APERTA ALLE COMUNITÀ CRISTIANE E AI VESCOVI ITALIANIAhmed - La Giornata dei Diritti dei Bambini,il giorno dopoEconomie Mediterranee   dello stesso autore: PERCHE’ NON POSSO ANDARE IN UNA SCUOLA NORMALE?A SCUOLA DI ARABOIL COLORE DELL’ACQUADIRE FARE MANGIAREDUE  LINGUE SONO MEGLIO DI UNAPer contare e non essere contati -<b> Bisognerebbe essere capaci di sentire i bisogni di noi stessi e di tutti gli altri. </b>A Modena - 17 Novembre 2004 ore 17.00 - <b>IL POPOLO DEL LIBRO L’educazione nella tradizione e nella cultura ebraica</b>Genitori neri - <b>E' meglio essere diversi per sopravvivere meglio</b>CINA SPECIAL CHILDXinjiang, il paese del melograno sulla via della seta, ovvero la Cina senza i cinesi<b>LA STORIA E' DI TUTTI - </b> Nuovi orizzonti e buone pratiche nell'insegnamento della storia - Modena,5-10 settembre 2005Le impronte di MaroniBAMBINI  e MAESTRI CLANDESTINISono 574.133 gli alunni immigrati - Dati MIUR alcune novità e diversi dati assenti


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati