centro risorse per la didattica
Risorse per area disciplinare:   
Homepage
La redazione
 
Ricerca
Iscriviti alla news
Le newsletter
 
Attualità
Percorsi
Novità
Recensioni
 
Disabilità
Lavagna Interattiva
 
La tua segnalazione
Il tuo giudizio
 
Cataloghi in rete
 
DIDAweb
 

risorse@didaweb.net
 

  Cerca nel web:
Se sei un utilizzatore della toolbar di Google, puoi aggiungere anche il nostro pulsante:
Centro Risorse
  SCHEDA RISORSA

Condividi questa risorsa didattica
Transdisciplinare
Arrestata maestra d'asilo, "atti sessuali" con i bimbi. In casa sequestrato 'materiale probatorio'. Acquisite le testimonianze degli alunni. Gravina di Puglia (Bari) 12 NOVEMBRE 2004

Lingua: Italiana
Destinatari: Insegnanti, Formazione post diploma
Tipologia: Documentazione

Abstract:


Arrestata maestra d'asilo, "atti sessuali" con i bimbi.
In casa sequestrato 'materiale probatorio'. Acquisite le testimonianze degli alunni

GRAVINA (BARI) - Arrestata una maestra di scuola dell'infanzia di Gravina in Puglia: è accusata di "atti sessuali" nei confronti di alunni di 4 anni. La donna, di 44 anni, nubile, è agli arresti domiciliari. Un'altra insegnante, di 53 anni, ed un bidello, di 61 anni, sono stati denunciati a piede libero. Secondo l'accusa, la maestra, che insegna in una scuola materna di Gravina, faceva spogliare gli alunni nel corso della proiezione di un filmato su Adamo ed Eva, aiutata dalla collega e dal bidello. I bambini, invitati a simulare pratiche sessuali, venivano fotografati e sottoposti a molestie dalla maestra d'asilo con il pretesto di insegnargli la creazione dell'uomo. L'indagine è partita dalla denuncia dei genitori ai quali i bambini avevano raccontato gli strani metodi 'educativi'. Chi si sottraeva alla lezioni "particolari" veniva punito o minacciato di "tottò", botte, che almeno un bambino ha ammesso di aver subito mentre un altro, che non si era voluto spogliare, sarebbe stato cacciato dall'aula e lasciato nel corridoio vicino al bagno. La proiezione del film 'La creazione dell' uomo, Adamo ed Eva', avveniva in un'aula appartata davanti a 19 bambini di quattro anni. Le due maestre chiedevano ai bambini di spogliarsi completamente e di mettere davanti ai genitali foglie di fico tenute insieme con spilli. Gli alunni venivano quindi invitati a palparsi a vicenda e ad assumere posizioni tipiche dell'atto sessuale, pose che venivano filmate e fotografate dal bidello. Maestre e bidello oscuravano le finestre con attaccapanni e armadi. I bambini - sempre secondo gli investigatori - erano totalmente assoggettati alle minacce e alle raccomandazioni degli insegnanti che costringevano i piccoli a mantenere una certa riservatezza sull'argomento facendo con loro una sorta di 'gioco del silenzio'. In una circostanza un bambino si punse i genitali con uno spillo mentre si attaccava la foglia di fico e perse del sangue. Durante un'intercettazione ambientale nella scuola, una collega della maestra arrestata disse: "Temo di aver coperto qualcosa che avevo scoperto". Gli altri insegnanti, quindi, sapevano delle inquietanti lezioni delle loro colleghe? "Non è chiaro - spiegano i carabinieri - quale fosse il ruolo degli altri insegnanti e dello stesso dirigente scolastico, del grado di conoscenza del grave fenomeno che con difficoltà si poteva ritenere strettamente riservato all'aula". Riprese video di quanto accadeva nell'aula non ce ne sono perchè la microcamera che i carabinieri installarono fu subito scoperta dal bidello indagato ed oscurata. Inoltre, almeno al momento, non è stata trovata traccia di fotografie e filmati che ritraggono i bambini nudi e in pose di atti sessuali. Durante le perquisizioni compiute all'alba di oggi a casa degli indagati sono state sequestrate numerose videocassette, dvd e cd rom. Agli atti dell' inchiesta ci sono i racconti di quattro bambini che avrebbero confermato quanto accadeva nella loro classe. Scrive il giudice per le indagini preliminari nel provvedimento cautelare: "I loro racconti non possono essere stati ingenerati da negative , pregresse esperienze, anche a sfondo sessuale, che possano averli turbati e segnati al punto tale da riviverle nel proprio ricordo attribuendole alla propria maestra; appare inoltre difficilmente ipotizzabile un concerto calunniatorio da parte di soggetti così piccoli da rendere meramente ipotetica la possibilità che costoro possano essersi accordati al fine di architettare un racconto falso". La maestra, arrestata oggi all'alba, sarà interrogata dal giudice prima di domenica. (12 novembre 2004)


[FONTE: Repubblica.it]

PEDOFILIA A SCUOLA

Molestava i suoi alunni
Arrestata maestra in Puglia

 

http://qn1.quotidiano.net/art/2004/11/12/5362654


BARI, 12 NOVEMBRE 2004 -

 



http://qn1.quotidiano.net/art/2004/11/12/5362654

Condividi questa risorsa didattica

I giudizi degli utenti

Assenti

Aggiungi il tuo giudizio    Precedenti risultati   


  Iscriviti alla news
Ricevi in posta elettronica le novità e una selezione di risorse utili per la didattica.

Iscriviti qui


Novità
Le ultime risorse per la didattica catalogate ed inserite nel nostro database.

ENGLISH LESSONS AND TESTS.

"Progresso e catastrofe" - In due parole tutto il Novecento Recensione al testo di Salvatore Natoli di UMBERTO GALIMBERTI

Percorsi
Proposte di selezioni e percorsi fra le risorse e i materiali in archivio.

Percorsi
Feste e calendari multiculturali.
Calendari solari e lunari, festività religiose e tradizionali delle diverse culture.

Percorsi
Steineriane
Le ''scuole nuove'' della pedagogia steineriana, contrassegnate dal paradosso di un’accettazione pratica e di un’ignoranza teorica da parte degli stessi utenti e degli operatori della scuola pubblica, tra ''fedeltà karmica'', incarnazioni di individualità che ritornano sulla terra, bambini indaco e apparente buon senso pedagogico.

  Ambiente virtuale collaborativo in evoluzione ideato e sviluppato da Maurizio Guercio è una iniziativa DIDAweb