centro risorse per la didattica
Risorse per area disciplinare:   
Homepage
La redazione
 
Ricerca
Iscriviti alla news
Le newsletter
 
Attualità
Percorsi
Novità
Recensioni
 
Disabilità
Lavagna Interattiva
 
La tua segnalazione
Il tuo giudizio
 
Cataloghi in rete
 
DIDAweb
 

risorse@didaweb.net
 

  Cerca nel web:
Se sei un utilizzatore della toolbar di Google, puoi aggiungere anche il nostro pulsante:
Centro Risorse
  SCHEDA RISORSA

Condividi questa risorsa didattica
Transdisciplinare
Informatica
Tecnologia
Il Forum, solo l'inizio di un lungo percorso.

Lingua: Italiana
Destinatari: Alunni scuola media superiore, Formazione post diploma
Tipologia: Documentazione

Abstract:

Il Forum, solo l'inizio di un lungo percorso

Siamo alle battute conclusive per il Summit internazionale sulla libertà di informazione che si concluderà domani. A Tunisi infuriano le polemiche, da una parte gli oppositori al regime di Ben Alì, che chiedono a gran voce libertà civili e di espressione, dall’altra, il caso del segretario generale di Rsf, Menard, a cui è stato impedito l’accesso al summit.

Abbiamo avuto modo di raccogliere la testimonianza dell’On. Vincenzo Vita, giunto al Summit come rappresentante UPI (unione delle province italiane).

"Il world summit si avvia alle battute conclusive c’è ancora qualche fermento a causa di alcuni atteggiamenti di attacco alla libertà di informazione tenuto dal governo tunisino nei giorni passati.

Ieri una nostra delegazione è andata all’assemblea del comitato per le libertà e per i diritti … sicuramente non può sussistere un world summit sulla libertà di informazione se non viene tutelato il bene primario, l’esercizio della libertà di espressione.

Quanto al compromesso che si è profilato e che sarà formalmente varato domani da Kofi Annan, è solo un primo passo, la strada è ancora lunga: si tratta di un’intesa un po’ fragile e ancora troppo generica, nelle modalità di evoluzione, che ha però un approccio positivo, ovvero il superamento del vecchio organismo privato, con sede in California, la Icann.

La Icann nacque come punto di riferimento di Internet quando la rete era ancora piccola e pionieristica, ora serve tutt’altro, non un ruolo di controllo da parte dei governi (come vorrebbero Iran e Cina, per esempio) e neppure un organismo di tipo tradizionale delle Nazioni Unite, escluso dallo stesso Kofi Annan; serve piuttosto la costruzione di un’autorità mondiale per le comunicazioni che sia luogo di riferimento per le garanzie dei cittadini, del villaggio globale, per la tutela della libertà di espressione, per la battaglia concreta contro il digital divide, questo anche attraverso un fondo capace di intervenire materialmente.

Al riguardo, l’Unione delle province italiane, ha presentato due proposte: l’una volta al gemellaggio attivo tra le province del nord e del sud del mondo (ogni provincia si può far carico di un altro territorio suo omologo in una zona povera) l’altra, invece, è quella di destinare, annualmente, una piccola percentuale delle gare d’appalto per implementare il fondo per la solidarietà digitale che già si è costituito attraverso l’opera di numerose municipalità riunitesi in un summit preparatorio la settimana scorsa a Bilbao.
Il forum che è stato proposto per superare l’Icann, è da salutare come l’inizio di un percorso ed è fondamentale, come ha sottolineato anche il Ministro Stanca, che veda un ruolo attivo da parte dell’Europa.

Va aggiunto, che, oltre ai governi, devono partecipare a questo processo le autonomie locali, gli organismi non governativi e le associazioni della società civile, affinché “la rete delle reti”sia davvero il territorio dei diritti, della libertà e della crescita culturale.

In tal senso è indifferibile una vasta opera di formazione e di alfabetizzazione informatica e digitale".

In rapporto alla vicenda di Menard, aggiunge, infine:" Desta davvero inquietudine il grave atto con cui le autorità tunisine hanno negato l’ingresso nel paese a Robert Menard, segretario generale di Reporter Senza Frontiere. Non si può parlare di società dell’informazione attraverso un così complesso e importante summit internazionale e non garantire regole minime di libertà, a partire da quella di informazione. C’è solo da augurarsi che l’incidente abbia una immediata soluzione e che a Robert Menard sia permesso di partecipare ai lavori del Vertice di Tunisi."

17/11/2005



http://www.articolo21.info/notizia.php?id=2756

Condividi questa risorsa didattica

I giudizi degli utenti

Assenti

Aggiungi il tuo giudizio    Precedenti risultati   


  Iscriviti alla news
Ricevi in posta elettronica le novità e una selezione di risorse utili per la didattica.

Iscriviti qui


Novità
Le ultime risorse per la didattica catalogate ed inserite nel nostro database.

ENGLISH LESSONS AND TESTS.

"Progresso e catastrofe" - In due parole tutto il Novecento Recensione al testo di Salvatore Natoli di UMBERTO GALIMBERTI

Percorsi
Proposte di selezioni e percorsi fra le risorse e i materiali in archivio.

Percorsi
Feste e calendari multiculturali.
Calendari solari e lunari, festività religiose e tradizionali delle diverse culture.

Percorsi
Steineriane
Le ''scuole nuove'' della pedagogia steineriana, contrassegnate dal paradosso di un’accettazione pratica e di un’ignoranza teorica da parte degli stessi utenti e degli operatori della scuola pubblica, tra ''fedeltà karmica'', incarnazioni di individualità che ritornano sulla terra, bambini indaco e apparente buon senso pedagogico.

  Ambiente virtuale collaborativo in evoluzione ideato e sviluppato da Maurizio Guercio è una iniziativa DIDAweb