Occupazione, ovvero l'interruzione-dissociazione del
di Marcella Raiola - 22-11-2014
"Interruzione di pubblico servizio". Così viene definita l'occupazione delle scuole. La restrizione della fruibilità di uno spazio "pubblico", aperto a tutti, è la colpa...
La non-scuola che il Premier chiama
di Bianca Maria Cartella - 17-11-2014
Una non-consultazione che, con buona pace di molti, non otterrà lo stesso successo del non-compleanno di Alice in Wonderland.
Occasioni!!!
di Cosimo De Nitto - 16-11-2014
Oddio, se anche Antonio Valentino comincia ad avanzare qualche dubbio sul vuoto pedagogico, didattico, professionale, di governance della "buona scuola" di Renzi...
La sinistra conservatrice di Paolo Macrì
di Giuseppe Aragno - 21-11-2014
Il 26 maggio del 1927, nel discorso dell'Annunziata, Mussolini, che di reazione s'intendeva più degli intellettuali della nuova destra, presenta l'Italia come «una democrazia accentrata,
Difficile definire il contenuto del nulla perché non contiene
di Cosimo De Nitto - 12-11-2014
Se un cittadino qualsiasi, magari al bar e dopo qualche generosa libagione, "filosofeggia" circa il sacro principio meritocratico secondo cui "chi merita di più deve avere di più"...

LA SCUOLA CHE VOGLIAMO
Legge di Iniziativa Popolare
“Per una Buona Scuola per la Repubblica”

Giornata Internazionale per l'eliminazione della Violenza sulle Donne
Info Teatro Scientifico ; - 21-11-2014
Torna ogni anno, il 25 novembre, in occasione della Giornata Internazionale per l'eliminazione della Violenza sulle Donne...
Elezioni RSU, sindacati e governo e se questa fosse la soluzione?
Libero Tassella - 17-11-2014
Già è Iniziata la campagna elettorale RSU marzo 2015, come si evince da interventi polemici tra sindacati in questa grave congiuntura; ciò porterà ancora a maggiori divisioni...
Sciopero del 14 novembre: ennesima illegalità del Ministero
Cosimo Scarinzi - 11-11-2014
Il Ministero dell\'Istruzione Università Ricerca dando prova
dell\'efficienza della quale ci parla quotidianamente il capo del governo
non ha ancora provveduto alle 15 del 5 novembre a far...
Produttività vs Valore: gulp!
Mauro Artibani - 10-11-2014
Cosa debbono fare le Imprese per tenere il mercato in equilibrio dinamico?
Tenere elevato il livello di produttività nella gestione dei fattori.
Per una scuola più emozionante
Francesco di Lorenzo - 21-11-2014
Gli obiettivi che la nostra scuola si era dati con gli altri paesi europei si allontanano. Siamo indietro per tasso di abbandono, competenze linguistiche, matematiche e scientifiche. A tre anni dal diploma, risulta occupato solo il 48,3% mentre la media europea viaggia sul 75,5%; la nostra quota di laureati 30-34enni è del 22,4%, mentre in Europa sono sul 36,9%. Ci sono due indicatori positivi: partecipazione all'istruzione preelementare enumero dei laureati, che cresce. Dal sondaggio del Telefono Azzurro e della Doxa Kids su pensieri, comportamenti ed emozioni degli adolescenti, emerge che gli essi sognano una scuola con più sport, tecnologia e musica-arte-cultura. Una scuola che tenga conto delle emozioni, che li orienti meglio verso il mondo del lavoro. Certo, non tutti la pensano così, ma partire da questi è un obbligo per operatori della scuola e genitori
L'Europa dopo la prima guerra mondiale
Gennaro Tedesco - 21-11-2014
Il 1918 è l'anno del rientro dal fronte: ritornano a casa, alla vita civile, milioni di tedeschi, italiani, francesi, inglesi. In Italia e in Germania più che in Francia e in Inghilterra la fine del primo conflitto mondiale introduce segni evidenti di disgregazione politica e sociale oltre che economica. Certo tutta l'Europa, all'indomani della prima tragedia mondiale, è attraversata da una crisi economica lacerante e profonda. La produzione bellica cessa, non si riesce, per il momento, a intravedere qualcosa di alternativo ad essa.
Le industrie europee, uscite dal conflitto, non possono più produrre per il mercato unico e standardizzato imposto dalle esigenze belliche. Le forniture belliche richiedono una concentrazione di capitali che conduce alla formazione di cartelli industriali monopolistici, altamente tecnologici e organizzati.