di Enrico Maranzana - 12-01-2017
Per promuovere competenze è necessario dilatare il significato di "disciplina": non più insieme strutturato di conoscenza ma entità in divenire che, riconosciuto e definito un problema, lo risolve. La disattenzione all'ordinaria attività di classe e all'unitarietà della gestione colloca il PNSD su un binario morto.
di Gianfranco Scialpi - 10-01-2017
Navigando in Rete si parla spesso di classi-pollaio. Rare sono le riflessioni sulla pratica diffusa di sdoppiare le classi, prive del docente, perché assente per un giorno. In determinati casi, questa procedura fa lievitare le classi oltre i limiti consentiti.
di Luca Castrignanò - 09-01-2017
Vista la confusione e il disorientamento provocati dalla sconfitta del tentativo referendario e dalla concreta applicazione di quanto previsto dalla Legge 107 è necessario aprire il campo alla riflessione sulle trasformazioni in atto.
di Giuseppe Aragno - 14-01-2017
Due parole, da cittadino del mondo, che oltre le Alpi è talora "italiano mafioso", o meridionale in senso leghista e nelle capitali d'Europa si sente dire: "da quelle parti, professore, meglio evitare".
di Mauro Artibani - 20-12-2016
Per la prima volta nella storia i giovani sotto i 35 anni saranno più poveri dei loro padri, dei loro nonni, pure dei coetanei di 25 anni fa. Lo rileva il Censis nel suo Rapporto sulla situazione sociale del paese per il 2016.
Cobas Scuola Bologna - 13-01-2017
A seguito delle polemiche suscitate dalla lettera presentata dal Comitato genitori "Difendiamo i nostri figli" riportata dall'articolo del Resto del Carlino sullo spettacolo "Fa'afafine", presente nel cartellone della stagione teatrale per le scuole dell'Unione Reno Galliera, raccogliamo le segnalazioni di diversi insegnanti delle scuole del territorio che denunciano un'azione intimidatoria portata avanti da alcuni Dirigenti scolastici.
Associazione culturale Arte - 12-01-2017
L'Associazione Culturale "Arte" con il patrocinio della Provincia del Verbano Cusio Ossola, le amministrazioni comunali di Omegna, Casale Corte Cerro e Verbania, organizzerà in aprile 2017 la XIII^ edizione del concorso "Insieme per suonare cantare danzare" e la VIII^ edizione del concorso di composizione "Gianni Rodari" rivolti a bambini e ragazzi.
Cobas Scuola Bologna - 09-01-2017
La sentenza riconosce un cospicuo risarcimento ad Ata e Docenti chiamati per numerosi anni a ricoprire posti a tempo determinato e ci dà la forza di continuare l'azione di conflitto che svolgiamo quotidianamente, dal basso, contro l'attacco ai diritti dei lavoratori e contro il tentativo di destrutturare la scuola pubblica. L'invito a docenti, personale ata e dirigenti della scuola è a sostenere questo conflitto, con l'iscrizione e la partecipazione all'ideazione e all'organizzazione delle iniziative.
Gianfranco Scialpi - 19-12-2016
Indubbiamente V. Fedeli (nuovo Ministro dell'Istruzione) ha commesso un errore nel dichiarare nel suo CV il possesso di una laurea che non corrisponde ai fatti. Grave superficialità davanti ai tantissimi insegnanti laureati, molti dei quali continuano ad alimentare il loro "tesoretto" culturale e professionale frequentando Master, corsi di formazione e aggiornamento. E questo impegno non comporta benefici economici!
Francesco Di Lorenzo - 09-01-2017
Tullio De Mauro diventa ministro il 25 aprile del 2000. Durerà in carica fino all'11 giugno del 2001. Massimo D'Alema si è appena dimesso da capo del governo, Luigi Berlinguer si è giocato tutta la sua popolarità con il concorsone. Il suo partito non l'ha riconfermato. De Mauro è professore universitario. È un insigne linguista. In campo accademico detiene un grande potere, che gli deriva da uno sterminato curriculum e da un'estrema serietà professionale. Le sue idee sulla scuola sono molto ben definite. Sembra naturale che possa dare un contributo importante alla scuola italiana. Il suo è un traguardo ampiamente meritato. Nella sua carriera si è sempre interessato della scuola viva, quella di tutti i giorni. Insomma, le persone che si intendono di scuola lo conoscono bene e hanno fiducia in lui. Una parte, però, non tutti.
Gennaro Tedesco - 14-01-2017
All'interno di un contesto ludico, poliedrico e caleidoscopico, nel romanzo di Crichton la tecnologia, l'informatica, la telematica, i linguaggi ibridi e non lineari, il continuo e progressivo rimando e rimescolamento interdisciplinare e interculturale determinano e forgiano un ambiente di apprendimento e di comunicazione multilineare, franta e significativa, del tutto particolare...