Irresponsabili scambi
di Bianca Maria Cartella - 29-06-2015
Il governicchio si è reso protagonista inconsapevole di irresponsabili scambi, aventi come bersaglio gli insegnanti e tutti coloro i quali orbitano - con diversi ruoli e funzioni - nel mondo della scuola. Un universo divenuto cratere. Neanche le ...
Scuola: ogni popolo ha il governo che si è meritato
di Giuseppe Aragno - 26-06-2015
Lo so, il mondo della scuola mostra i segni del lutto, ma ingannerei me stesso se mi accodassi al coro di "Bella ciao", puntando ipocritamente il dito solo sul governo e su Confindustria.
Horror vacui
di Banca Maria Cartella - 25-06-2015
Questo è il vero horror vacui! Dopo un Disegno di Legge anonimamente stilato, frettolosamente approvato dalla Camera, posto al voto della fiducia in Senato mediante un maxiemendamento-truffa, arrivano i 540 giorni di vuoto totale.
Accordo porcata: c'è chi dice NO!
di Unione Sindacale Italiana - AIT - 29-06-2015
Ribadiamo il nostro NO al testo unico sulla rappresentanza. Sottoscrivere quell'accordo significa affossare definitivamente il sindacalismo conflittuale.
La burocrazia al servizio dei conservatori
di Laura Alberico - 23-06-2015
Non è un buon vento quello che si alza dai meandri della politica. "Panem et circences" per spargere speranze sul cambiamento, illusioni di un cambiamento di rotta che diventi la svolta sociale ed economica di un paese che incancrenisce sulla crisi e ...

LA SCUOLA CHE VOGLIAMO
Legge di Iniziativa Popolare
“Per una Buona Scuola per la Repubblica”

Il significato politico del voto di fiducia sul ddl scuola
Contropiano.org - 27-06-2015
La scuola interessa l'intera società nelle sue diverse articolazioni: insegnanti, studenti, famiglie.Tutti questi soggetti sono stati umiliati, respinti, addirittura ricattati con la storia dell'assunzione dei precari in un'espressione di delirio di onnipotenza e di visione "muscolare" della politica.
leggi (1 commento/i) commenta condividi
Riforma? No, compravendita
Gianfranco Pignatelli - 26-06-2015
Il PD tradisce la scuola, il mondo della scuola lascia il PD. Il neofascismo sfascista della scuola è la vera merce di scambio del Nazzareno.
DdL Scuola: ecco il testo ufficiale del maxi-emendamento
Andrea Carlino - 24-06-2015
Le opposizioni hanno denunciato l'ennesima forzatura di una maggioranza sorda al confronto che, su un provvedimento fortemente contestato da docenti e studenti, ha impedito alla Commissione istruzione di votare e migliorare il testo.
La visita di Matteo Renzi a Torino
Cub Piemonte Uffico Stampa - 23-06-2015
Abbiamo visto ancora una volta un Presidente del Consiglio che manifesta una vitalità tale da far pensare più a uno stato febbrile che a un'effettiva chiarezza di intendimenti e di proposte...
Un minuto di silenzio
Francesco di Lorenzo - 27-06-2015
Il macth si è concluso: 159 sì, contro 112 no. Con la fiducia del governo, la Buonascuola è passata al Senato. Ed ora sono 'fatti' nostri. Che purtroppo incideranno nella vita di tutti. La bagarre che si è scatenata al Senato, portata avanti dagli esponenti dei Cinque Stelle, si è unita alle dichiarazioni dei sindacati (tutti o quasi) che hanno annunciato il proseguimento della battaglia: Renzi non pensi di aver vinto la guerra, dicono in coro. Staremo a vedere quali strategie hanno in mente. Oltre la Buonascuola, ora c'è da prendere in considerazione la 'buona università'. E anche qui le cose non vanno per il meglio. La scelta di privilegiare e finanziare pochi poli universitari, così come è trapelato, non sembra avere un buon riscontro. Si contesta inoltre il sistema delle assunzioni, una sorta di 'jobs act ' relativo al mondo accademico, che non va giù a nessuno. E pensare che precisamente 48 anni fa, era il 26 giugno, moriva don Lorenzo Milani. Verrebbe voglia, per chi ha amato le sue idee, di osservare un minuto di silenzio, in modo autonomo, unilaterale, senza enfasi, per ricordare il suo lavoro. La sua, vera, 'buonascuola', resterà nel cuore e nelle idee di chi lo ha amato.

L'ABC della buona scuola
Tullio Carapella - 27-06-2015
Per parte mia, essendo certo che mai nessuno dalle parti del governo si prenderà la briga di leggere le riflessioni che seguono, così come non hanno mai letto due milioni di riflessioni precedenti, provo a raccogliere un paio di idee sull'anno che si chiude e sui temi che l'hanno caratterizzato, e nel farlo non nasconderò la mia inadeguatezza di fronte ai potenti mezzi della scuola 2.0, e mi farò guidare dall'abbecedario.