La pochezza culturale de La buona scuola
di Enrico Maranzana - 28-08-2015
Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione è il titolo della legge 107/2015, la cui articolazione elude i vincoli posti dal concetto'sistema'. Unitarietà, orientamento, interazione con l'ambiente e tra componenti, feed-back caratterizzano l'approccio sistemico alla realtà.
Moretti: parlare, parlare, parlare...
di Gianfranco Scialpi - 26-08-2015
"La qualità dell'insegnamento si vede sulla qualità dell'apprendimento dei ragazzi.." Dichiarazione rilasciata dall'amministratore delegato di Finmeccanica al Meeting di Rimini.
Deportazione dei precari, ovvero troll contro trolley
di Vincenzo Pascuzzi - 20-08-2015
Come si permettono questi precari di rifiutare il ruolo, cioè il "posto fisso", graziosamente offerto dalla Buona Scuola pur nella situazione attuale e non si fiondano dovunque lasciando casa e famiglia?
Nuova emigrazione e vecchio fatalismo
di Lucio Garofalo - 31-08-2015
Negli ultimi anni, in seguito alla crisi economica che ha inciso quale fattore di accelerazione, innescando effetti depressivi, la gioventù irpina ha ripreso ad emigrare.
"Guarire" gli italiani dalla lotta politica
di Giuseppe Aragno - 27-08-2015
La crisi d'identità di ciò che resta della sinistra appare ormai singolarmente complementare alla "concezione terapeutica" della funzione di governo che ispira la rozza, ma efficace...

LA SCUOLA CHE VOGLIAMO
Legge di Iniziativa Popolare
“Per una Buona Scuola per la Repubblica”

Invito alle scuole
Rolando A. Borzetti - 31-08-2015
Il 19 agosto il Ministero dell'Interno ha emanato un decreto per applicare l'art. 8 comma 13 quater del DL 78/15 convertito con legge 125/15 che stabilisce...
Pessima scuola: arroganza e incompetenza
Cub Piemonte Uffico Stampa - 28-08-2015
Dopo l'estrema arroganza dimostrata durante tutto il processo diadozione (meglio sarebbe dire di "imposizione") del disegno di Leggesulla "buona" scuola, l'attuale fase di immissioni in ruolo sta mettendo in luce tutta l'incompetenza del Governo.
Diplomati magistrali nelle Gae
Giulia Bertelli - 26-08-2015
Di chi è la responsabilità del ritardo nelle immissioni in ruolo nella primaria? I diplomati magistrali chiedono, da quindici anni, che venga riconosciuto il loro diritto, come ha fatto il Consiglio di Stato.
leggi (1 commento/i) commenta
La convivenza difficile e il declino dell'Islam siciliano in epoca normanna
Giovanna Corradìini - 24-08-2015
Il convegno di Buccheri sul rapporto tra musulmani e cristiani nella Sicilia normanna si è dimostrato pari alle attese, per l'ampia partecipazione di pubblico e per il tenore molto qualificato della discussione, su una vicenda storica che, per quanto lontana nel tempo, non manca di agganci significativi con l'attualità.
Il caos affascinante
Francesco di Lorenzo - 08-08-2015
Tra un ministero menefreghista ed essenzialmente incompetente e sindacati che da parecchio coltivano orticelli inutili, non potevamo aspettarci altro. E, puntualmente, quello che Fuoriregistro aveva previsto è sotto gli occhi di tutti: il caos completo. Mentre passa in secondo piano la sensazione che provano alcune categorie di lavoratori della scuola che si sentono impotenti, defraudati di ciò che per un essere umano conta più di ogni altra cosa, la dignità. Dopo vent'anni, la legge è del 1996, è stata finalmente pubblicata l'anagrafe dell'edilizia scolastica. In Italia tutto diventa difficile, anche la trasmissione dei dati da parte dei Comuni. Quale il motivo di tanto ritardo? Forse negligenza, forse inefficienza o ... altro. Chissà? Naturalmente sia il ministro Giannini, sia il sottosegretario Faraone si sono abbondantemente autoincensati senza nessun motivo valido...
Incontro con l'autore: i segreti di un libro e della scrittura creativa
Lisa Cappellazzo - 08-08-2015
C'è sempre qualche bambino che viene alla cattedra e sottovoce dice all'insegnante: "Non so cosa scrivere...". Come docente, pertanto, cerco sempre di offrire nuovi stimoli e nuove vie per far sì che gli alunni superino tali ostacoli sia utilizzando materiale didattico vario, sia applicando ciò che ho appreso durante i miei studi universitari. Ad ogni modo, la scuola necessita quotidianamente di idee, progetti che favoriscano l'apprendimento e in tal senso, dopo aver fatto pubblicare il mio libro "Il pianeta viola", adatto ad un pubblico di lettori appartenente a tutte le età, mi sono chiesta: "Perché non realizzare un progetto che sviluppi la creatività ed invogli i bambini a scrivere?"