Organico funzionale?
di Lorenzo Picunio - 18-09-2014
Non è difficile immaginare cosa succederà: si dirà che non ci sono fondi, l'organico funzionale avrà un valore zero o assolutamente irrisorio, per di più su una rete di più scuole.
Il governo delle docce scozzesi
di Giuseppe Aragno - 17-09-2014
Il 23 febbraio la ministra Giannini apre i cuori alla speranza: "53 miliardi per la scuola sono pochi". Segue a ruota l'autorevole conferma del Presidente del Consiglio: "Il primo punto del programma è il rilancio dell'educazione..."
Questioni di potere
di Francesco Masala - 16-09-2014
Chi è al governo nell'ultimo anno è molto interessato alla gestione e ristrutturazione del potere, vedi riforma elettorali, del Senato della giustizia...ma ecco due cose che nella scuola da molti anni si devono fare...
La crescita: perché, percome, perquando?
di Mauro Artibani - 16-09-2014
Più di ieri, meno di domani: funziona così la crescita. Fa così il mondo biologico. Pure quello dell'economia, affollato com'è da soggetti che scalpitano per migliorare il proprio status.
Il sovrano e l'assemblea, una vecchia storia
di Giuseppe Aragno - 15-09-2014
Oggi sappiamo che quanto più forte l'accento cade sul tema della governabilità, tanto più s'intende tutelare i privilegi di classe e garantire lo sfruttamento dell'uomo sull'uomo.

Si ricomincia!
Buon anno e buon lavoro dalla
Redazione di Fuoriregistro
Denunciamo
Cub Scuola - 18-09-2014
Una vicenda surreale determinatasi nel corso delle nomine dei precari di Educazione Fisica a Torino.
Labuonascuola
Miur - 16-09-2014
Vogliamo ascoltare tutti, perché qui non c'è un "noi" e un "voi". C'è solo la nostra scuola.
La «consultazione» di Renzi si dota di argomenti... «persuasivi»
Coordinamento scuola - 15-09-2014
Il dissenso non è gradito: una ventina di lavoratrici precarie della scuola hanno partecipato oggi al dibattito su La buona scuola alla festa del PD a Sesto San Giovanni...
Cade la testa di Roberto Reggi?
La Tecnica della scuola - 12-09-2014
Il CdM ha deciso oggi di assegnare a Reggi l'incarico di direttore della Agenzia del Demanio. Inevitabilmente il sottosegretario dovrà dimettersi. Unicobas: "Reggi è il capro espiatorio".
'Coding' lungo
Francesco di Lorenzo - 08-09-2014
Il programma di Renzi sulla scuola non è di destra né di sinistra e neanche di centro, non è un programma. Infatti lui stesso lo chiama patto. In pratica non è niente, parole del tutto inutili che non servono ad affrontare veramente i problemi della scuola italiana, tanto che le ha rivendicate in toto l'ex ministro Gelmini. Purtroppo le probabilità di essere turlupinati sono parecchie e non campate in aria. La dinamica delle reazioni alle parole di Renzi e del governo sulla scuola è la solita: si va dalla cautela del giudizio della Cisl, alle perplessità della Uil e le preoccupazioni della Cgil. Il Movimento Cinque Stelle è critico insieme ai Cobas e al Partito della Rifondazione Comunista. Le associazioni non sono da meno: tra quelle dei dirigenti, dei genitori e degli studenti, alcune sono direttamente contrarie, alcune sono più attendiste e possibiliste. Alcune ancora si sono rese disponibili a collaborare su tutto, pur di dare il proprio contributo, anche su cose difficili da capire o addirittura inesistenti, come per esempio il 'codesign'. Che cos'è? Un refuso? Una parola nuova, una presa per i fondelli?
leggi (1 commento/i) commenta condividi
Fare inclusione
Anna Fogarolo - 11-09-2014
La fantasia e la creatività dell'insegnante di sostegno non ha eguali, ogni giorno oggetti di uso quotidiano diventano splendidi strumenti capaci di insegnare e integrare; per la prima volta alcune di queste idee, che da sempre caratterizzano il percorso dell'inclusione e dell'apprendimento scolastico, vengono raccolte e analizzate da un libro che propone strumenti didattici autocostruiti per attività educative di sostegno.
Idee, giochi, attività, sono presentate come vere e proprie attività educative troppo spesso segregate dentro gli armadi degli insegnanti di sostegno. Mollette, rulli profumati, pinze, rotoli vuoti di carta igienica, strumenti a basso costo diventano oggetti preziosi, spesso costruiti a costo zero.