La Shoah

Nel ''vento del pensiero'': storia e memoria dell'olocausto.
Condividi questo articolo


La Shoah







" I lager sono i laboratori dove si sperimenta la trasformazione della natura umana[...]. Finora la convinzione che tutto sia possibile sembra aver provato soltanto che tutto può essere distrutto. Ma nel loro sforzo di tradurla in pratica, i regimi totalitari hanno scoperto, senza saperlo, che ci sono crimini che gli uomini non possono né punire né perdonare. Quando l'impossibile è stato reso possibile, è diventato il male assoluto, impunibile e imperdonabile, che non poteva più essere compreso e spiegato coi malvagi motivi dell'interesse egoistico, dell'avidità, dell'invidia, del risentimento; e che quindi la collera non poteva vendicare, la carità sopportare, l'amicizia perdonare, la legge punire. "

"La manifestazione del vento del pensiero non è conoscenza, ma è la capacità di distinguere il giusto dall'ingiusto, il bello dal brutto. E in realtà questo può impedire le catastrofi, almeno per me, nei rari momenti in cui si è arrivati ad un punto critico."

Hannah Arendt


La Shoah

Nel "vento del pensiero": storia e memoria dell'olocausto.


Percorso a cura del Centro Risorse Didaweb



Condividi questo articolo

in Nel vento del pensiero: IL DISAGIO ESISTENZIALE NEL RACCONTO DI SE’Identità e differenza - Punti chiave emersi nell'intervento tenuto dal Prof. Bruno Rossi al corso di perfezionamento in ''Relazione, comunicazione e didattica interculturale''Sulla narrazione, la costruzione del sapere e la postmodernità - di Federico Batini<b>L'AUTOBIOGRAFIA IN EDUCAZIONE </b>- DAL RACCONTO AUTOBIOGRAFICO AL METODO AUTOBIOGRAFICOLavoro interculturale e narrazione a cura di Duccio Demetrio<b>Itinerari di pre-comprensioni tra narrazione e riflessività </b><i>“…ciò che prendiamo per vero o giusto è largamente prodotto da testi narrativi… Se vogliamo operare per il cambiamento sociale, dovremo quindi utilizzare i linguaggi condivisi...</i><b>MASSA’ SHORASHIM  “Viaggio verso le radici” in Polonia
-</b>Cecilia EdelsteinLA DIALOGICITA’ AUTOBIOGRAFICA COME STRUMENTO DI CAMBIAMENTOMemoria e soggettività rammemorante - Modalità e contenuti della memoria femminile - di Rosella PrezzoSPECIALE Amisnet sulla memoria storica<b>Viaggio ad Auschwitz tra memoria storica e sentimenti.</b> Di Alessio MarchettiRUANDA: A DIECI ANNI DAL GENOCIDIO - La settimana della memoria<b>27 gennaio - Giornata della memoria </b>- Lettera aperta alle scuole italianeLa Shoah <BR><IMG height=135 src=http://images.artnet.com/artwork_images_118441_776459_samuel-bak.jpg width=178 align=center border=0><BR><b>Nel 
<i>''vento del pensiero''</i>: storia e memoria dell'olocausto.</b>LA CAPACITA’ RIFLESSIVA I livelli metodologici di espressione autobiograficaAUTOBIOGRAFIA E ARCHETIPILA RICOGNIZIONE BIOGRAFICA.I PROCESSI DI RIMEMORAZIONE. MEMORIA E REALTA’NEL GIOCO DELLE IDENTITA’ - Alla ricerca del senso perduto. Elaborato di Ricerca dei saggi di J. BrunerTasformare l'informazione in conoscenza e la conoscenza in coscienza - di Elie WieselLA NARRAZIONE COME STRUMENTO DI FORMAZIONE -Di Lucia Guzzardi  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati