centro risorse per la didattica
Risorse per area disciplinare:   
Homepage
La redazione
 
Ricerca
Iscriviti alla news
Le newsletter
 
Attualità
Percorsi
Novità
Recensioni
 
Disabilità
Lavagna Interattiva
 
La tua segnalazione
Il tuo giudizio
 
Cataloghi in rete
 
DIDAweb
 

risorse@didaweb.net
 

  Cerca nel web:
Se sei un utilizzatore della toolbar di Google, puoi aggiungere anche il nostro pulsante:
Centro Risorse
  IL TUO GIUDIZIO SULLA RISORSA

Transdisciplinare
Intercultura
Religione
* GLI ISLAMICI E NOI ITALIANI. Dibattito (sereno)su immigrati e razzismo di GIOVANNI SARTORI - ottobre 2000

Lingua: Italiana
Destinatari: Alunni scuola media superiore, Formazione post diploma
Tipologia: Materiale di studio
Abstract:

GLI ISLAMICI E NOI ITALIANI
DIBATTITO (SERENO) SU IMMIGRATI E RAZZISMO

di

Giovanni Sartori

Razzista sì, razzista no. Lo sei se ti opponi alla immigrazione islamica. No, lo sei se proteggi l'immigrazione islamica. Questo è il tenore del dibattito sugli immigrati eccitato, di recente, dalla moschea proposta a Lodi e dalla presa di posizione del cardinale Biffi. Ma se il dibattito lo impostiamo cosi, allora non porta a nulla. Gridare al "razzismo" infiamma gli animi oscura i problemi. Qui cercherò invece di affrontarli in modo "fattuale" e al di fuori della rissa ideologica.

Intanto, perché la questione islamica si pone come un caso a sé stante? Possiamo rispondere in molti modi. Ma la risposta fattuale (come dicevo sopra) si ricava dalle richieste, da quali sono le concessioni e anche i privilegi che gli islamici chiedono ai Paesi che li accolgono. Queste richieste sono "certe", nel senso che ci vengono dal Consiglio islamico d'Italia. Eccole:

1) L'insegnamento del Corano a scuola o, in alternativa, la creazione di scuole musulmane parificate a quelle italiane; 2) il diritto della donna di essere fotografata con il velo nei documenti di identità; 3) permesso di lavoro per andare in pellegrinaggio; 4) venerdì festivo; 5) diritto di contrarre matrimoni civili con rito islamico; 6) diritto di partecipare alla preghiera di mezzogiorno. Accortamente il Consiglio islamico non chiede 1'infibulazione e la poligamia. Ma è pressoché sicuro che una comunità islamica che vota e il cui voto condiziona gli esiti elettorali aggiungerebbe queste richieste alle altre.

Così la domanda diventa: esistono altre comunità di immigrati che rivendicano diritti e privilegi di analoga portata? La riposta è no. Indiani, cinesi, giapponesi, coreani, filippini e simili hanno tutti forti identità etico-culturali che custodiscono gelosamente tra le mura domestiche, ma accettano le leggi e le regole di convivenza dei Paesi che li accolgono senza chiedere privilegi e deroghe. E dunque non c'è dubbio sul fatto che i musulmani costituiscono un caso a sé, e un caso pubblicamente e pesantemente "invasivo" destinato a imbattersi in reazioni di rigetto.

Ciò posto, il problema è di prospettare le conseguenze delle premesse (richieste) sopra ricordate. Mi soffermo, per esemplificare, sulla creazione di scuole musulmane parificate. Le vogliamo? Benissimo. Forza e avanti. Ma avanti verso che cosa? Sicuramente verso la creazione di comunità chiuse in sé stesse che si perpetuano da padri in figli, e che rifiutano l'integrazione nella società che le accoglie. Ripeto: benissimo. Ma niente imbrogli. I nostri terzomondisti non ci debbono raccontare che a questo modo andremo a creare una nuova città integrata. No. Andremo invece a creare una città disintegrata, che diventerà tanto più conflittuale quanto più andremo a trasformare i nostri "estranei" in cittadini votanti.

Non posso qui ripetere questa analisi di premesse-conseguenze per ogni richiesta. Se accettiamo il diritto islamico, allora cosa? Se accettiamo il venerdì festivo, allora quante feste avremo? Se il mussulmano si deve fermare a pregare a mezzogiorno, allora ci dobbiamo fermare tutti? E così via. Gli italiani hanno il diritto di sapere che cosa li aspetta.

Se a loro piace, tutto bene. Ma se a loro non piace, non meritano per questo di essere accusati di razzismo.

Benjamin Constant, che è stato il maggiore pensatore politico della sua epoca, scriveva nel 1797 che "quando si getta in una società un principio separato da tutti quei principi intermediari che lo adattano alla nostra situazione si produce un gran disordine; perché questo principio divelto da tutte le connessioni, privo di tutti i suoi appoggi, distrugge e sconvolge". Dedico questo passo alle nostre "anime belle" (più o meno belle) che brandiscono principi che non sanno applicare e dei quali non capiscono le conseguenze.


tratto dal Corriere della Sera di mercoledì 25 ottobre 2000



http://www.langolo.com/Forum/nov.-dic.%202000/sartori.htm


Il tuo giudizio

Giudizio:
Nome proponente:
Email proponente:
Codice validazione: <-- riportare il codice



  Iscriviti alla news
Ricevi in posta elettronica le novità e una selezione di risorse utili per la didattica.

Iscriviti qui


Novità
Le ultime risorse per la didattica catalogate ed inserite nel nostro database.

ENGLISH LESSONS AND TESTS.

"Progresso e catastrofe" - In due parole tutto il Novecento Recensione al testo di Salvatore Natoli di UMBERTO GALIMBERTI

Percorsi
Proposte di selezioni e percorsi fra le risorse e i materiali in archivio.

Percorsi
Feste e calendari multiculturali.
Calendari solari e lunari, festività religiose e tradizionali delle diverse culture.

Percorsi
Steineriane
Le ''scuole nuove'' della pedagogia steineriana, contrassegnate dal paradosso di un’accettazione pratica e di un’ignoranza teorica da parte degli stessi utenti e degli operatori della scuola pubblica, tra ''fedeltà karmica'', incarnazioni di individualità che ritornano sulla terra, bambini indaco e apparente buon senso pedagogico.

  Ambiente virtuale collaborativo in evoluzione ideato e sviluppato da Maurizio Guercio è una iniziativa DIDAweb