Giuseppe Aragno - ultimi interventi
Giuseppe Aragno - 27-03-2021
Un ago dopo l'altro, il mio turno si avvicina. Alla Stazione Marittima, luogo simbolo della «regina del Mediterraneo» e del «porto dell'Impero» di Mussolini, la puzza delle camicie nere non è ancora svanita e qualcosa sopravvive del delirio fascista.
Giuseppe Aragno - 29-10-2020
Contagi, tamponi, malati, quarantene, terapia intensiva, morti e ospedali in crescenti difficoltà. La rincorsa delle ordinanze pare ormai inarrestabile come la pandemia.
Giuseppe Aragno - 03-10-2020
Parlo ancora a me stesso, ma non mi nascondo. E' un soliloquio che prepara un dialogo.
"In tempo di crisi gli sciocchi alzano muri, i saggi costruiscono ponti".
Giuseppe Aragno - 28-09-2020
Il fascismo storico passò anche perché la percezione del pericolo giunse tardi, complice una sinistra rissosa e divisa, quando la crisi del dopoguerra diventò devastante e il capitalismo divenne così forte da imporre le sue leggi
Giuseppe Aragno - 23-09-2020
Com'è naturale, sui social c'è un mare di interventi sull'esito delle elezioni regionali. Molto meno interesse riscuote il drammatico esito del Referendum.
Giuseppe Aragno - 31-12-2019
L'anno purtroppo si chiude con una notizia triste, che non fa ben sperare per il futuro. Ieri sera i carabinieri hanno eseguito l'arresto e la traduzione in carcere di Nicoletta Dosio,..
Giuseppe Aragno - 29-06-2019
Non a caso alla facoltà di storia Salvini diede forfait. L'analfabetismo di valori non gli consentì di cogliere il valore della ribellione morale, così come oggi non coglie la forza di una fede autentica.
Giuseppe Aragno - 06-01-2019
A Norimberga, quando non fu possibile negare, la strategia difensiva di chi aveva internato, torturato e ucciso milioni di Rom, omosessuali, testimoni di Geova, ebrei e oppositori politici, s
Giuseppe Aragno - 30-03-2018
E' incredibile, ma vero: quasi quarant'anni dopo il terremoto che nel 1981 mise in ginocchio Napoli e l'Irpinia, la barbarie che ci governa ha presentato il conto, chiedendo ai figli e ai nipoti dei terremotati di restituire con gli interessi i costi dei soccorsi.
Giuseppe Aragno - 17-03-2018
Nel 1965, vent'anni dopo la fine di Mussolini, Renzo De Felice, iniziando la sua nota biografia di Mussolini, tiene a precisare: non può essere che politica. "Dove, ben s'intende, per «politica» non intendiamo [...] «fascista» o «antifascista» che [...] vorrebbe dire cercare di riportare artificiosamente in vita una realtà definitivamente morta".