Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 7 - a.s. 13/14
fuoriregistro
newsletter n. 7 - a.s. 13/14

BACHECA
Niente news domenica prossima
Fuoriregistro - 26-10-2013
Buon ponte e a rileggerci tra quindici giorni!
Scrittura e arti nelle carceri, oltre i confini, oltre le mura
Cascina Macondo - 25-10-2013
Un innovativo progetto di cooperazione internazionale della durata di tre anni che aspira a costruire connessioni creative tra il sistema penitenziario e la società, promuovendo i valori dell'inclusione e della cittadinanza...
Dopo gli F35 all'aviazione ora le navi da guerra alla marina militare
Uilpa - 24-10-2013
Governi di destra, di sinistra, tecnici, di larghe intese (e corte vedute), tutti caratterizzati da un unico comune denominatore: tagliare sul sicuro e lasciare indenni i poteri forti, le corporazioni, i santuari del potere finanziario.
Non svendiamo Budelli
Change.org - 22-10-2013
La spiaggia rosa e l'intera isola di Budelli sono state svendute all'asta ad un banchiere neozelandese. Ora Alfonso Pecoraro Scanio chiede che il parco nazionale della Maddalena eserciti il diritto di prelazione e faccia di Budelli un Bene Comune.
Permessi retribuiti per il diritto allo studio
Sindacato Sab - 21-10-2013
Il 15 novembre, in generale ed in modo perentorio, salvo diverse scadenze stabilite dai vari Uffici Scolastici Regionali, scadono i termini di presentazione delle domande per dirigenti, docenti ed ATA di ruolo e precari.
GALASSIA SCUOLA
Morire di TIS
di Gigi Monello - 25-10-2013
Lunedì: il dirigente Lepidazzi mi guarda e con schifata cordialità mi dice che dopo "attento monitoraggio" si è accertato che l'abbigliamento prevalentemente scuro da me indossato ha effetti psico-dinamici deprimenti sull'utenza, "Professore, lei mi abbassa il TIS"...
Una composizione fuori traccia
di Enrico Maranzana - 23-10-2013
La proposta di cambiamento dell'istituzione scolastica, elaborata dal Corriere della sera con Andrea Ichino e Guido Tabellini, è analoga alla composizione di uno studente che, non afferrando il senso della traccia d'un tema d'italiano, si arrabatta a raccogliere dati, desumendoli da esperienze pregresse...
Invalsi: alcune domande al Ministro Carrozza
di Vincenzo Pascuzzi - 22-10-2013
Il 16 ottobre 2013 il ministro dell'istruzione ha affermato: "Ci sarà un ripensamento complessivo rispetto al Sistema nazionale di valutazione per scuola e università. Non è corretto che un'agenzia di valutazione definisca gli obiettivi del sistema". Appena 5 giorni dopo...
I BES e il fumo
di Francesco Masala - 22-10-2013
Se il gioco è inventare qualcosa di nuovo, per distrarre l'attenzione, e non solo, il nostro think tank ministeriale ha creato un'arma di distrazione di massa, i BES...
Gli strani bandi dell'università di Foggia
di Antonio Vigilante - 21-10-2013
Facciamo che tu sei un filologo bravo, che ha letto un sacco di libri e ne ha scritti una decina, adottati all'università. Quella della città in cui vivi bandisce un posto da docente a contratto per l'insegnamento di filologia. Che bello, pensi, puoi insegnare le cose che sai, ed insegnare è bello. Poi però leggi il bando...
GRANDANGOLO
Alfano: l'Angelo dei migranti
di Giuseppe Aragno - 23-10-2013
«Assassini, assassini! Basta con la Bossi-Fini!». Così Agrigento ha voluto salutare i rappresentanti del governo italiano, ministra Kyenge. Persino «Repubblica», che di certo non teme rivali quando si tratta di evocare provocatori, infiltrati, terroristi e gli immancabili anarco-insurrezionisti, stavolta farà fatica a criminalizzare i nuovi contestatori. Un sacerdote che lei certamente conosce,
Economista sarà lei!
di Mauro Artibani - 22-10-2013
Io sono un Economaio, che studia l'Economia dei consumi, quella che gli accademici non scorgono e che le facoltà di Economia non insegnano. Giust'appunto Loro, quelli mentori dell'economia della produzione, propagandano un paradigma che spacciano in ogni dove.
NOTIZIE DAL FRONTE
Tra Carrozza e De Sanctis: un'eternità
Francesco di Lorenzo - 26-10-2013
La scuola perde la centralità che le spetta nel dibattito politico e sociale, ritorna ai margini e continua a vivacchiare con piccoli aggiustamenti che non portano a nulla. Oppure, ancora peggio, passano una serie di miniriforme decise nel chiuso di una stanza, proposte da un gruppo ristretto di esperti senza sentire il bisogno di presentarle e farle discuterle prima. È quanto rilevano alcuni sindacati sulla sperimentazione del liceo quadriennale avviata dal ministro Carrozza, accusata di voler innescare un meccanismo utile ad evitare la discussione e far trovare tutti davanti al fatto compiuto. A Torino si svolgono intanto un convegno e una mostra incentrati sulla figura di Francesco De Sanctis, primo ministro della Pubblica Istruzione dell'Italia unita. La sua volontà, le sue idee ben precise, l'entusiasmo che trasmetteva con parole ed azioni, poche altre volte hanno caratterizzato uomini che si sono interessati di scuola.
IN CLASSE
Perché parlare di emergenze a scuola?
Brigate di Solidarietà Attiva - 26-10-2013
L'intervento presso l'Istituto Greppi si propone di affrontare il tema delle forme di autogestione durante le emergenze come spunto di riflessione sulle criticità e potenzialità delle dinamiche sociali che in esse si scatenano. Simili dinamiche possono essere rapportate all'esperienza soggettiva degli studenti nei propri contesti di vita quotidiana. La scuola rischia di diventare una di quelle emergenza "croniche" che in fase di crisi economica faranno fatica a risolversi. Mancano fondi sia per le strutture sia per il personale, le attività si riducono ogni giorno di più a fronte di un disagio sociale crescente, soprattutto nelle periferie. In queste condizioni, dove la realizzazione d'interventi "strutturali" non dipende dalla volontà della cittadinanza, l'allenamento delle capacità di cooperazione sociale e l'instaurarsi di dinamiche relazionali virtuose potrebbero quantomeno rappresentare un ottimo fattore protettivo per gli studenti dei quartieri degradati o isolati.

  Newsletter precedente Newsletter successiva