Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro del 02/04/2006 - a.s. 05/06
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 02/04/2006
raccontiscaffali

Sommario

PIANETA SCUOLA

Trentamila firme

di Francesco Mele per il Comitato
La scuola di Silente
di Michele Corsi
La personalizzazione secondo la Moratti
di Maurizio Tiriticco
Un'altra storia emblematica
di Maria Teresa De Nardis
Esperienze
di Gianni Mereghetti
Chi finanzia cosa?
di Anna Pizzuti

ORIZZONTI

Viaggio in Europa

di Roxane e Nicola per Fuoriregistro
Striscioni
di Emanuela Cerutti
Cinema Plaza
di Giuseppe Aragno
La paura
di Lucio Garofalo
Medaglie d'oro
di Gennaro Carotenuto
La riforma che uccide la Costituzione
di Comitato Unitario Pistoiese


Consulta qui altre rassegne


Trentamila firme
di Francesco Mele per il Comitato

PER COMINCIARE A PARLARE DI BUONA SCUOLA

Milano e il suo vasto hinterland, Bologna e vari comuni della provincia, Roma fino ai Castelli, Venezia per mare e per terra, e poi Parma, Carpi, Napoli, Padova, Torino, Forlì, Prato, Cosenza, Bari ...fino alle isole. La passione si espande a macchia d'olio e si fatica a tener dietro alle notizie di nuovi comitati e di nuove firme raccolte.

È passato solo un mese e mezzo dal 10 febbraio e già sono state raccolte più di 30.000 firme a sostegno della legge di iniziativa popolare
"Per una Buona Scuola per la Repubblica"

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


La scuola di Silente
di Michele Corsi

Ho letto varie interpretazioni sul perché Harry Potter abbia spinto alla lettura forsennata una quantita' strepitosa di ragazze e (udite udite) di ragazzi, una generazione dipinta come asservita al mondo delle immagini. Non ne ho una nuova. Mi limito però a fare una osservazione: la saga più di successo di tutti i tempi della letteratura cosiddetta per l'infanzia gira tutta intorno ad una scuola, anche se una scuola sui generis, una scuola di magia.



La personalizzazione secondo la Moratti
di Maurizio Tiriticco

Ho sempre sostenuto che il concetto e la pratica della personalizzazione sono cose troppo serie per essere malamente strumentalizzate ai fini di una riforma della scuola che riforma non è e che intende soltanto riportarci molto indietro nel tempo, quando la scuola era funzionale alla conservazione dell'ordine sociale costituto!
Che cosa si nasconde dietro la scelta di personalizzazione operata dal centro-destra, come se di personalizzazione fossimo assolutamente digiuni? Quale reale significato assume? Di fatto, dietro un discorso apparentemente innovatore si è messo mano ad un grimaldello che tende a scardinare le scelte di fondo e la storia stessa della nostra scuola repubblicana e democratica.



Un'altra storia emblematica
di Maria Teresa De Nardis

Maria Teresa De Nardis è una docente fuori ruolo utilizzata in biblioteca. Fino a 7 anni fa era un'apprezzata docente di Scienze naturali nelle Scuole superiori; poi le ripetute assenze dovute alle sue condizioni di salute le hanno fatto compiere la scelta, per rispetto nei confronti dei suoi alunni, di chiedere di essere messa fuori ruolo e utilizzata in biblioteca, ritenendo di poter essere ancora utile alla scuola e alla società.
Ma.



Esperienze
di Gianni Mereghetti

Che un viaggio di istruzione non sia il pretesto per liberare ogni istintività, ma che non sia nemmeno lo strumento per incanalare la curiosità in programmi pseudoculturali precostituiti, questo mi hanno insegnato i "miei" studenti con l'intensità del loro sguardo, con le loro domande, con la loro curiosità. Per me allora è stato semplice, mi è bastato seguire la direzione del loro sguardo...



Chi finanzia cosa?
di Anna Pizzuti

"Alternanza scuola-lavoro, arrivano 205 milioni di euro": titola così Italia Oggi una sua nota, riportata dalla rassegna stampa della Flccgil, e spiega "Sono pari a 204.709.570,00 euro le risorse del 2005 destinate alla formazione nell'alternanza scuola lavoro. Lo stabilisce il decreto 27 febbraio 2006 del ministero del lavoro, pubblicato sulla G.U. n. 69/2006 con la ripartizione tra regioni e province autonome".



Viaggio in Europa
di Roxane e Nicola per Fuoriregistro

Nicola mi guarda senza più sorriso, con una tristezza strana negli occhi, azzurri, perché di lontanissima origine normanna. Il café crème si è un po' raffreddato.

- La giustizia non è uguale per tutti, Roxane. E questo riguarda i palazzi del potere. Ma c'è un'altra cosa: nulla sarebbe possibile se noi, dalla strada, non lo lasciassimo accadere. E' così complicata la nostra Italia.



Striscioni
di Emanuela Cerutti

Miserabili.
Non è un insulto. E' l'opera in cui Hugo ha trovato una chiave di lettura, forse l'interruttore.
Qui arrête les révolutions à mi-côte? La bourgeoisie.
Pourquoi?
Parce que la bourgeoisie est l'intérêt arrivé à satisfaction. Hier c'était l'appétit, aujourd'hui c'est la plénitude, demain ce sera la satiété.

Mai visti degli striscioni tanto belli.



Cinema Plaza
di Giuseppe Aragno

Via Bernini è larga e quieta al primo sole pomeridiano di questa primavera lenta e pigra. L'attraverso pensoso, con le mani in tasca e il passo lento delle mie pause di riflessione. Poche decine di metri più in là, al culmine della salita, le cariatidi dei palazzi umbertini pare mi guardino da Piazza Vanvitelli e, come spesso mi accade quando vado in giro, un numero civico, un angolo, un incrocio richiamano alla mente la storia ricca e complessa d'una città che siamo in pochi a conoscere: quella nascosta in fasci e faldoni nelle carte antiche e affascinanti dell'archivio di Stato.


La paura
di Lucio Garofalo

La paura è antica quanto il genere umano, è un istinto primitivo, preesistente ad ogni forma di intelligenza, razionalità e cultura. La paura nasce con la comparsa della vita animale e si lega intimamente all'istinto di auto-conservazione di ogni specie vivente. Essa discende anzitutto dalla paura più naturale e fisiologica che è la paura della morte.
In tal senso, la paura è una pena che si sconta e si vince vivendo.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Medaglie d'oro
di Gennaro Carotenuto

Egregio Presidente, colpisce che per i cosiddetti "eroi di Nassiriya" non sia stata riservata la stessa medaglia d'oro né lo stesso vitalizio concesso ai familiari di Quattrocchi. Colpisce che niente di tutto questo sia stato da lei concesso alla memoria del costruttore di pace Enzo Baldoni, assassinato in circostanze del tutto analoghe, né di giornalisti come Maria Grazia Cutuli uccisa in Afghanistan.
Colpisce ancora di più che niente di tutto questo sia successo per il servitore dello stato Nicola Calipari. Baldoni, Cutuli, Calipari, forse non sono morti da italiani egregio Presidente?



La riforma che uccide la Costituzione
di Comitato Unitario Pistoiese

Si può dire che lo spirito della Costituzione è stato, per unità e condivisione, uno dei miracoli della storia italiana. Anche per questo, a tutt'oggi, la Costituzione italiana del '48 viene considerata una delle più moderne ed avanzate del mondo. Oggi, una maggioranza parlamentare eletta nel 2001 solo dal 38% dei cittadini, ha affidato a solo 4 persone l'incarico di scrivere un disegno di legge che scardina la Costituzione con la modifica di ben 53 articoli su 138!


 

Brevi di cronaca
7 in condotta, dall'aula al Web
Tgcom - 27-03-2006
E' la raccolta dei richiami scritti che hanno segnato la carriera scolastica di moltissimi alunni. In meno di un mese il sito è stato contattato da oltre 40mila visitatori con decine di interventi che ogni giorno aumentano esponenzialmente. Se l'autenticità di tutte le note non è garantita (ma a volte è disponibile anche un'immagine che ne attesta l'autenticità), il divertimento è assicurato.

[ leggi ][ commenta
La scuola e l'università dei programmi elettorali
http://www.lavoce.info - 01-04-2006
Nel programma della Casa delle libertà il tema dell'istruzione è trattato con estrema superficialità. Si promette "aiuto e sostegno alla famiglia, garantendo servizi pubblici sempre più di qualità nella scuola", tema che poi viene articolato in un non meglio precisato "libretto vincolato per ogni nuovo nato, per aiutare le famiglie nel costo degli studi". Nel programma dell'Unione la scuola, l'università e la ricerca sono un tema dominante.
[ leggi ][ commenta
Laboratori e docenti di laboratorio: una risorsa indispensabile
FLC Cgil - 31-03-2006
Il Comitato Direttivo Nazionale della FLC Cgil con un ordine del giorno ribadisce il ruolo dei docenti tecnico-pratici, la loro appartenenza alla funzione docente e il diritto ad una pari dignità con il resto del corpo docente. Nel corso della sua prima seduta il comitato direttivo nazionale della FLC Cgil ha assunto un ordine del giorno sui laboratori e sui docenti tecnico-pratici la cui assunzione era originariamente prevista nel corso del I Congresso nazionale, ma che per una serie di disguidi non era potuta avvenire.

[ leggi ][ commenta
Superiori, notti bianche contro il governo
Il mattino di Padova - 30-03-2006
Notti bianche in cinque istituti superiori per protestare contro i tagli (sino al 70%) decisi dal governo uscente per la scuola pubblica. La protesta by-night coinvolgerà tre licei scientifici (Cornaro, Curiel e Fermi), un liceo classico (il Tito Livio) e un istituto tecnico (lo Scalcerle). In tutte queste scuole, per una notte a testa, gli studenti assieme ai docenti, spesso anche in compagnia dei genitori, continueranno a fare scuola dopo lo squillo della campanella, che segna la fine delle lezioni intorno alle 13.30, sino alla ripresa delle ore curricolari la mattina successiva.
[ leggi ][ commenta
Tassare i poveri per favorire i ricchi
l'Unità - 29-03-2006
Ultimamente sto riflettendo sempre di più su questa intenzione ironica, che sostituisce alla "classe" sociale quella scolastica, perché potrebbe rivelarsi una sorta di lapsus freudiano. Un'espressione che ne tradisce inconsciamente un'altra. Se è vero che nelle società postindustriali il capitale intellettuale si va sovrapponendo a quello economico. E che ciò che un tempo poteva essere ricondotto a uno scontro fra capitale e lavoro oggi si manifesta nella disputa fra chi detiene il controllo del sapere e dei mezzi che lo divulgano e chi no. (L.G.)

[ leggi ][ commenta
Ma basta alzare l'asticella dell'obbligo, se la dispersione aumenta?
Tuttoscuola - 28-03-2006
Il biennio unitario nel 2° ciclo con obbligo scolastico fino a 16 anni, proposto nel programma dell'Unione, e' al centro del dibattito e di considerazioni critiche sia a destra che a sinistra. Tuttoscuola vuole aggiungere un ulteriore elemento di riflessione riproponendo e approfondendo i dati, gia' in parte anticipati tre settimane fa, sulla dispersione scolastica negli istituti secondari di 2° grado, e apparentemente sfuggiti a molti.
[ leggi ][ commenta
Bertinotti: investire nella scuola, mantenendo la gestione statale
La Tecnica della scuola - 28-03-2006
E' nota la posizione di Bertinotti, come di tutta l'area più radicale della sinistra, a proposito delle riforme sulla scuola approvate durante l'ultimo quinquennio di legislatura: il segretario di Rifondazione sostiene che andrebbero abrogate senza tuttavia avere fretta di legiferare un corpo organico di leggi sulla scuola in un breve periodo.
Il leader dell'Unione, Romano Prodi, ha invece di recente ribadito che sulla scuola non servirà usare l'accetta, ma solo modifiche e revisioni ragionate.
[ leggi ][ commenta
Insegnanti, cronache da 5 anni di umiliazioni
l'Unità - 27-03-2006
Storie emblematiche della condizione degli insegnanti sotto il governo Berlusconi. Da sempre retribuiti in maniera inadeguata, sono ora anche sottoposti a continui cambiamenti, confusi dalla riforma Moratti sulla scuola, quella legge 53 del 2003, contro la quale si è scagliato tutto il mondo che gravita intorno all'istruzione, dai sindacati alle associazioni sindacali della docenza, dai genitori agli insegnanti.
[ leggi ][ commenta


Tam Tam
Dell'arte di decriptare le mail
Metrofrance.com - 01-04-2006
 software libero 
L'Università di Chicago, Graduate School di Businnes, si è occupata dei malintesi che le e-mail possono generare. In effetti è difficile comunicare emozioni o sottili intenzioni attraverso la posta elettronica. Per capire a quale grado di difficoltà è sottoposta l'informazione virtuale, 60 studenti sono stati invitati ad analizzare 20 dichiarazioni, di cui una metà era sincera, l'altra sarcastica. Alla fine, soltanto una mail su due è stata correttamenmte interpretata.
[ leggi ][ commenta
I bambini sloveni nei campi di concentramento italiani
JUGOINFO - 31-03-2006
 storie 
Il tema dei bambini vittime della guerra non è stato ancora esplorato a fondo. Benché nella retorica quotidiana i giovani assumano il valore di simbolo del futuro, ben poco in verità, si è indagato sulla loro condizione e sulla loro sorte in una guerra senza quartiere, come laseconda guerra mondiale. Il diario di Anna Frank ha forse consentito a molti di intuire di che cosa nazismo e fascismo sono stati capaci contro i bambini, ma, come si può evincere dalla storia qui raccontata, quello di Anna fu soltanto un tassello di una tragedia molto più vasta.
[ leggi ][ commenta
La dead line Argentina
Altrenotizie.org - 30-03-2006
 pianeta 
L'Argentina fu forse il reparto d'eccellenza per il modello imperante, che consegnava a militari locali con la bava alla bocca un subcontinente intero, che tentava di smarcarsi dal dominio soffocante e saccheggiatore di Washington. Dietro il sangue versato a fiumi, arrivava il denaro, sprecato a fiumi.
[ leggi ][ commenta
L'educazione contro il declino di Raffaele Iosa
Gianni Gandola - 29-03-2006
 libri 
Un libro denso di cose, di "pensieri lunghi". Dalla critica alla surmodernità, all'obesità cognitiva, alla frenesia didatticista, al disciplinarismo eccessivo, alle scuole progettificio, per un tempo lento, un tempo slow della scuola, una scuola che Iosa vorrebbe sobria, mite, massimamente attenta ai bambini.
[ leggi ][ commenta
La notte d'incubo
Repubblica - 28-03-2006
 donne 
Questa settimana l'autore presta la penna alla collega ecuadoriana Lorena Haz che racconta una brutta storia che le è capitata a Roma. Qualcuno forse obietterà che, se non fosse capitata ad una giornalista, non sarebbe mai stata pubblicata. E' vero: quasi certamente sarebbe rimasta, come un grumo di rancore, nell'animo della vittima. E' il destino di tante storie dove il livello di violenza non supera in modo evidente il confine del reato. Il suo essere una giornalista non dà a Lorena il "privilegio" ma la "possibilità", negata ad altre vittime, di renderla pubblica.
[ leggi ][ commenta
Concorso di Poesia e Prosa
Luigi Cannillo - 28-03-2006
 proposta 
L' I.T.T. "P.Paolo Pasolini" di Milano organizza la 17^ Rassegna/Premio di poesia e prosa per ricordare la poetessa e insegnante Marina Incerti.
Il Premio è rivolto a tutti gli studenti delle Scuole Medie Superiori e Inferiori di Milano e Provincia.
Una sezione è riservata agli studenti delle Scuole Medie Superiori della altre provincie della Ragione Lombardia.

[ leggi ][ commenta
Mandiamo i fondi in pensione.
Attac Italia - 27-03-2006
 sociale 
Le controriforme delle pensioni, da Amato e Dini ai decreti attuatiìvi della controtriforma Berlusconi, creano un grave problema per i futuri pensionati e pensionate. La pensione pubblica coprirà solo un' infima parte del salario precedente al pensionamento. Per tentare di evitare una vecchiaia da fame, e i problemi sociali che ne deriverebbero, a lavoratori e lavoratori verrà sottratto, tramite il meccanismo truffaldino del silenzio assenso, parte del salario - il Tfr - che verrà convogliato nei fondi pensione.

[ leggi ][ commenta
Quel silenzio
Anna Pizzuti - 27-03-2006
 cinema 
Quando si sono aperte le porte della sala, mentre il pubblico che aveva assistito al primo spettacolo veniva fuori, spiavamo i volti, cercavamo di cogliere qualche segnale e, non lo nascondo, qualche motivo di speranza sull'effetto che il film poteva aver prodotto.
Invece nulla: sguardi un po' spaesati e silenzio.
Lo stesso silenzio che è calato su di noi durante la proiezione del film: nessuna risata, nessun commento.

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Dada
La prima rivista d'arte per bambini, perchè la formazione artistica dovrebbe cominciare da loro, come occasione per scoprire, inventare, creare. L'approccio tematico e multidisciplinare permetterà di scoprire artisti, movimenti artistici e periodi di storia dell'arte, temi di attualità attraverso esperienze, racconti, ateliers, testimonianze e ricerche. E numerose iniziative.

Insieme a scuola
Il sito nasce dall'esigenza di riflettere, confrontarsi, approfondire tematiche psicopedagogiche. Coloro che tengono ad una scuola di qualità saranno i benvenuti. I documenti sono raccolti per categorie: Parafrasi, letture consigliate, lezioni di Pedagogia, studi di caso.


f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Direttore responsabile: Luciano Scateni
In redazione: Emanuela Cerutti (coordinamento), Giuseppe Aragno, Marino Bocchi, Grazia Perrone, Anna Pizzuti.
Collaborano: Ilaria Ricciotti, Pierangelo Indolfi. Cura il sito Maurizio Guercio.

Registrazione Tribunale di Frosinone n. 324 del 08.07.2005

  Newsletter precedente Newsletter successiva