Accogliere gli adulti
Quando gli alunni sono adulti che chiedono di imparare a comunicare in Italiano e di conoscere la cultura locale.
Nicola di Giovanna
Condividi questo articolo


Sono un maestro di 54 anni e per tre anni consecutivi sono stato incaricato dal provveditorato- allora si chiamava così- di Venezia di tenere un corso come mediatore culturale per stranieri adulti.


Tale corso era organizzato per gruppi di livello o per etnie e si teneva nel pomeriggio o alla sera.


E' stata un'esperienza molto fruttuosa e le iscrizioni erano talmente numerose che si parlava di aprire un centro culturale di educazione permanente aperto ad adulti stranieri e no.


Con l'avvento del nuovo governo il corso da me tenuto è stato soppresso e del centro permanente non si è più parlato.


Io, che alla mia verde età sono naturalmente di ruolo, sono tornato ad insegnare ai bambini.


Non scrivo quindi per interesse personale giacchè, ripeto, il posto di lavoro è certo, ma non so rassegnarmi allo sfumare di un'esperienza tanto ricca e motivante.


Talvolta incontro miei ex alunni e non sempre riesco a spiegare perchè il corso di alfabetizzazione non si tenga più.


Come potrei mettere a frutto le mie esperienze e la mia competenza?


Grazie


Nicola di Giovanna


email: liberrima@libero.it



Condividi questo articolo

in In prima persona: RICORDATI DI RICORDARESterminio - Ebrei e zingari dopo 60 anni, cosa e cambiato?TERRA FUTURA?L'*albero del mondo : laboratorio di lettura multietnico e multiculturale
presso la Casa circondariale di RiminiI RACCONTI DELLA MEMORIA - Narrativa popolare.INTERVISTA CON MARCO FORMENTINIPSICOLOGIA DELLA CULTURA Fattori culturali ed invarianti biologiche<b>ESISTENZA E FILOSOFIA </b>- La scrittura come strumento di sopravvivenzaIMPEGNO MILITANTE IN TERRA DI BRIANZA - 8 MARZO, Le donne si incontrano: un’esperienza che continuaAccogliere gli adulti  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati