Prove INVALSI

Domanda

L'insegnante di sostegno mi ha chiesto se io ritengo giusto che lei sia presente accanto a mio figlio per leggergli le consegne e agevolarlo nella comprensione di domande o problemi che facilmente lo mandano in confusione, a scuola ha il programma Carlo II, consigliatoci da "La nostra famiglia" di Ostuni, insieme agli altri stumenti dispensativi e compensativi usati per i dislessici (lui ha difficoltà di apprendimento assimilabili alla dislessia, ma i suoi problemi neurologici di fondo dovuti alla malattia genetica rara da cui è affetto non ci consentono di definirle "dislessia", gli è stato dato il sostegno nonostante un normale quoziente intellettivo in quanto riconosciuto bambino in situazione di handicap grave non autonomo per le funzioni adeguate alla sua età, come da L.104).

E' disgrafico e discalculico. So che da solo se la caverebbe male nei calcoli più complessi, tipo moltiplicazioni a due cifre ed operazioni con i numeri decimali. E' in quinta classe primaria, nelle riflessioni orali sembra anche più grande della sua età, ma nella performance permangono difficoltà tipiche di bambini dei primi anni di scuola.

Un insegnante mi ha riferito che prima i bambini con handicap non rientravano nelle prove invalsi, ora sì, sono troppo atipici?

Ora che finalmente hanno un posto anche loro, alcuni insegnanti mostrano incertezze sul modo in cui occupare questo posto ed io da genitore sono molto più confusa, credo che per continuità si debbano seguire le metodologie previste nel PEI, ma vorrei averne la certezza, per sentirci regolari e non privilegiati.

Grazie mille.



Risposta

Se l'alunno è certificato in situazione di gravità, ha diritto a svolgere le prove , assistito dal docente per il sostegno che deve, ovviamente, limitarsi a rassicurarlo con la sua presenza, ma non deve suggerirgli alcuna risposta. Le prove INVALSI possono essere svolte pure con prove equipollenti predisposte dal docente per il sostegno, come espressamente già previsto per le prove INVALSI degli esami di licenza media.

Cordiali saluti.
Salvatore Nocera

Nessun commento



Lascia un tuo commento





<<<