breve di cronaca
OKKUPAZIONE
Retescuole - 02-02-2004

Milano , 31/01/2004

LE DECISIONI DEL FORUM DELLE SCUOLE DEL MILANESE


Il giorno 29 gennaio si è riunito presso la scuola elementare di via Muzio il FORUM DELLE SCUOLE DEL MILANESE. Alla presenza di circa 180 persone, in rappresentanza di 34 comitati, 5 associazioni e dei sindacati Cgil, Cisl, Cobas (la Uil scuola non ha potuto presenziare alla riunione, ma ha fatto sapere di ritrovarsi dentro il percorso), ha preso all'unanimità le seguenti decisioni:

1. il giorno 13 febbraio i genitori di una serie di elementari attueranno l'occupazione delle proprie scuole. Le occupazioni avverranno con modalità e tempi diversificati, a seconda della forza del comitato, della volontà dei genitori, del livello di partecipazione. Potranno esserci dunque: occupazioni durante la prima ora, occupazioni di un'ora all'uscita, occupazione sino al mattino successivo. Il giorno 14 febbraio, nel primo pomeriggio, si darà vita ad una manifestazione cittadina in difesa del tempo pieno e prolungato alla quale concorreranno cortei che si formeranno in diversi punti della periferia e convergeranno in centro. Anche l'Hinterland valuterà le forme e i modi di partecipazione a questa giornata. L'organizzazione pratica di questi eventi è demandata al coordinamento dei referenti delle zone di Milano e dei comuni dell'Hinterland. Anche i genitori e gli insegnanti che non se la sentono di organizzare l'occupazione sono comunque impegnati, come tutti, a far precedere queste giornate da volantin aggi diretti ai genitori e ai cittadini. Per pubblicizzare questi eventi si redigerà un manifesto da affiggere in città e in provincia.

2. Tutti i comitati sono impegnati a generalizzare le seguenti forme di lotta: appendere uno striscione di protesta fuori dalla propria scuola, distribuire moduli e dichiarazioni di adesione al vero tempo pieno da accompagnare all'iscrizione, far pronunciare ufficialmente contro il decreto attuativo i Consigli di Circolo e i Consigli di Istituto. Si dovrà redigere un volantino di facile comprensione, utilizzabile da ogni comitato, la cui stesura è demandata al coordinamento dei referenti.

3. Tutti i comitati sono impegnati da oggi nella raccolta di fondi e sottoscrizioni che, dedotte le spese che il comitato deve sostenere, verranno versate su un conto corrente del Forum che servirà a finanziare manifesti, materiali, eventuali pubblicità e il sostegno al sito di Retescuole. La rendicontazione sarà pubblica, in tempo reale e visibile sul sito di Retescuole.

4. Tenuto conto che in Italia vari soggetti, anche molto diversi tra loro, stanno portando avanti la lotta contro il decreto attuativo e la Riforma Moratti, e considerando che diviene sempre più urgente superare ogni divisione e trovare una strategia d'azione che sia il più possibile unificata sul terreno nazionale, il Forum delle Scuole del Milanese, entità che raccoglie senza eccezione tutte le forze che nella provincia si muovono contro la politica scolastica del governo, promuove un'assemblea a Milano, dopo le iniziative del 13 e del 14, di tutti i soggetti di movimento, associativi e sindacali che si sono mobilitati in difesa del tempo pieno e prolungato per riflettere insieme sulla strada da seguire per portare avanti la lotta.

5. Pur essendo il Forum uno spazio piuttosto informale e decisamente orizzontale, e nel rispetto dell'autonomia di ogni comitato, si auspica che nella città di Milano i coordinamenti di zona vengano rafforzati e diventino il luogo primario di discussione e organizzazione di comitati geograficamente vicini. Sempre al fine di facilitare la gestione dei rapporti e dei processi decisionali, si auspica allo stesso modo che anche l'Hinterland si strutturi dove possibile in coordinamenti di zona e promuova forme di mobilitazione che prevedano concentramenti più vicini rispetto a quelli milanesi. Ritenendo centrale e strategica l'unità genitori-insegnanti l'assemblea auspica che i comitati composti solo da genitori coinvolgano gli insegnanti, e che gli insegnanti di scuole non mobilitate facciano ogni sforzo per sensibilizzare i genitori.

Il Forum vede con preoccupazione il deficit di mobilitazione delle scuole medie e delle scuole superiori. Formula dunque un caldo invito a tutte le Rsu e ai Comitati genitori di queste scuole perché, prima del 14, organizzino nelle proprie scuole, se già non l'hanno fatto, momenti di informazione sulle conseguenze del decreto attuativo, tenendo anche presente che il ministero già sta redigendo quello riguardante le superiori.

I sindacati presenti hanno assicurato che a livello nazionale i sindacati si trovano dentro un percorso che dovrebbe portare allo sciopero generale.
Un tipo di mobilitazione resa necessaria anche per le implicazioni che il decreto ha sui posti di lavoro. Si tratterebbe di uno sciopero da costruire nella piena solidarietà da parte degli utenti e cercando di superare le difficoltà relative alla scarsa, per ora, mobilitazione di medie e superiori.

L'approvazione del decreto attuativo non ha demoralizzato i genitori e gli insegnanti del milanese, al contrario cresce l'indignazione. Il Forum delle Scuole del Milanese invita insegnanti, genitori, cittadini a continuare e intensificare la mobilitazione a difesa del tempo pieno e del tempo prolungato.

Elena Miglietta per Retescuole

discussione chiusa  condividi pdf