breve di cronaca
Maturandia felix
La Stampa - 14-06-2003
La scuola italiana non era mai stata così democratica. Adesso insegna agli studenti persino come far fessi i professori.


E' Gilda, il sindacato di categoria, a rivelare la distribuzione gratuita nelle scuole di una guida, «Maturandia felix», che spiega «i 10 segreti per superare il colloquio e godersi la maturità». L'undicesimo, «studiare», non viene rivelato, peggio che a Fatima. Si tratta di una spremuta di malizie praticate con esiti alterni da generazioni di maturandi, che mai finora avevano però avuto l'onore di un imprimatur ufficiale. Al numero 2 («curate la coreografia»), viene suggerito ai ragazzi di sfruttare «l'impressionabilità dei docenti, portando una serie di libri da cui estrarre con estrema nonchalance citazioni colte». Non prevista espressamente, ma coerente col contesto, una scrivania di noce, accessoriata di penna stilo e brunovespa, per la firma in diretta del solenne Contratto coi Prof.


Il numero 7 ci trasporta in un'atmosfera da provino televisivo: «sguardo magnetico, sorriso sicuro, movimenti rilassati».
Ma il capolavoro è il 10: . Dove si consiglia di concordare in anticipo un argomento con i membri interni della commissione perché «gli infiltrati nelle linee del nemico sono spesso decisivi per vincere le battaglie». Il «nemico» sarebbero loro, i prof. Resta da capire chi è l'amico, cioè il mandante dell'opuscolo. Sopra c'è scritto: «in collaborazione col ministero e gli uffici scolastici regionali». Ma se fosse così, sarebbe davvero troppo. Troppo democratico, dico.

Segnalato da Grazia Perrone

discussione chiusa  condividi pdf