IL CONTROSPOT
Fuoriregistro - 13-04-2003





La musica è di Edoardo Bennato:
In fila per tre!

discussione chiusa  condividi pdf

 Gianni Mereghetti    - 12-04-2003
Carissimi amici di Fuoriregistro,
permettetemi un appello, a voi e a tutti i vostri lettori.
Senza rinunciare alle vostre idee e alle vostre legittime critiche, abbandonate l'opposizione dura e senza condizioni che avete posto in essere contro la riforma Moratti.
Non è utile a nessuno creare un vuoto dentro la scuola, fermare l'attività di insegnamento e di studio, lacerare i rapporti umani.
Sarebbe invece utile che ognuno contribuisca a costruire la nuova scuola, così che l'auspicato pluralismo culturale, educativo, didattico non siano parole di una legge, ma la realtà quotidiana della vita scolastica.
Questa mi sembra l'urgenza di oggi, tanto più che la scuola non è del ministro Moratti, come non sarebbe stata di Berlinguer, ma di tutti noi che ci viviamo. Spetta a noi riformarla e questo lo si farà, passando da un atteggiamento distruttivo ad uno costruttivo.
Si può quindi essere contro questa riforma, ritenerla la peggiore di quelle possibili, ma è innegabile che sia una riforma fondata su libertà e responsabilità, tanto che nella scuola della Moratti se ne può costruire una del tutto diversa.
Per questo abbandonate questa sterile opposizione e confrontiamoci, noi che nella scuola viviamo, costruendo.
GRAZIE

 cinzia bortesi    - 13-04-2003
Complimenti!!!
fate in modo che si possa scaricare ed inviare ad altre persone

 Ilaria Ricciotti    - 13-04-2003
Bello! Entusiasmante questo gioco!

Ed allora proviamo a giocare,
creando tanti controspot da inviare.
Tu sponsorizzi con la Tv di stato
noi lo facciamo ad un costo meno elevato.
Tu invii spot di propaganda
noi invieremo idee dove la fantasia non manca.
Tu vuoi venderci il tuo prodotto strano
noi risponderemo all'unisono dandoci la mano.
Tu vuoi un tipo di scuola cancellare
noi ti dimostreremo come vorremmo educare.
Tu vuoi illuminare gli ignoranti
noi vogliamo essere oggettivi ed informare tutti quanti.



Ecco il nostro controspot potrebbe servire con brevi frasi, ad informare tutti coloro che non sanno dove andrà a finire la scuola italiana ,e a divulgare dati, decisioni prese per la scuola tramite internet. Ognuno potrà farlo anche nei vari posti di lavoro, naturalmente utilizzando materiale di facile consumo.


 Elena Miglietta    - 13-04-2003
Non è un articolo ma un banner pubblicitario che trovate su retescuole.net nella home page.

 ilaria ricciotti    - 15-04-2003
Prendere atto di ciò che non va,
non significa distruggere, ma semmai far riflettere le intellettuali menti sui pericoli di una scuola non certo a misura di alunno soprattutto economicamente povero. Pertanto attorno al tavolo dell'Istruzione ci dovrebbero essere persone che per anni, tutti i giorni hanno contribuito a mandare avanti questa Istituzione e non persone che sono bravi manager, ma che non sanno quali problemi concreti ciascun insegnante, studente, preside, personale ATA e genitori debbono affrontare ogni minuto in questo faticoso ma pur sempre bellissimo mondo chiamato SCUOLA.
La riforma Moratti prende in considerazione tutto ciò? A me non risulta.

 Carmen    - 01-07-2003
Non ne voglio sapere di questa pseudo riforma!!!!
E' solo fumo negli occhi! Ti interessa solo affossare la SCUOL A PUBBLICA. Sicuramente hai un obiettivo chiaro e preciso.

 Giambro    - 02-07-2003
Fantastico, lo "spot" vs lo spot della deliziosa Letizia Moratti la scuola cresce con te.