Decreti Delegati
Osvaldo Roman - 17-03-2003

A proposito delle considerazioni sulla Riforma espresse dal 126° Circolo di Roma ( già commentate) devo insistere perché di confusione purtroppo ce n’è ancora troppa e questo aiuta la Moratti.

Vediamo alcuni fatti:

1) Il decreto n° 100 del 18 settembre 2002, nella prima stesura, allega all’articolo 3 le Indicazioni nazionali per la scuola dell’infanzia e per la scuola elementare, definendole il “quadro di riferimento dell’iniziativa , obiettivi generali e specifici e piani di studio personalizzati”. Le Raccomandazioni che nella prima stesura erano riportate nell’articolo 4 dello stesso decreto non sono più richiamate e lo stesso articolo 4 risulta cancellato.

2) E’ vero che per la scuola media non è in atto alcuna sperimentazione, ma molto probabilmente arriverà.

3) Che il sito del Miur citi le Indicazioni nazionali come strumenti di attuazione della riforma conferma la mia tesi e ci chiama tutti ad essere vigili sul fatto che i decreti delegati attuino correttamente la legge delega e non altre direttive che non hanno niente a che spartire con le decisioni parlamentari.

4) Mentre per le scuole secondarie superiori l’elencazione dei licei e il passaggio alla Regioni dell’ istruzione professionale consentiranno di scrivere un decreto delegato “innovativo” rispetto alla situazione in atto, per la scuola elementare e per la scuola media le modifiche strutturali previste rispetto all’ordinamento legislativo vigente sono molto poche. E del resto ciò corrisponde all’atteggiamento restaurativo della maggioranza rispetto alla legge 30. Esse riguardano essenzialmente la valutazione, la relativa scansione annuale e le finalità culturali ed educative. La stessa abolizione dell’esame di 5 elementare non è esplicitamente indicata e si può ragionevolmente dedurre solo dall’esistenza del primo ciclo di istruzione che comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado –Art. 2 lettera d). Alla lettera f) dello stesso articolo 2 viene, come si diceva, indicata la scansione interna delle due scuole e indicate le finalità culturali e formative che innovando rispetto all’ordinamento vigente porteranno alla stesura di nuovi piani di studio nazionali(rispettosi dell’autonomia scolastica e della libertà di insegnamento?) secondo quanto previsto all’articolo 7.

5) La scuola primaria e quella secondaria di primo grado avranno quindi una nuova organizzazione programmatica e didattica ma alcuni dati strutturali che caratterizzavano l’ordinamento preesistente sussistono perché di loro la legge delega non ha trattato.Possiamo nelle prossime settimane formulare un elenco di tali questioni?



interventi dello stesso autorediscussione chiusa  condividi pdf