A proposito di contributo ...
USI-AIT Educazione - 16-02-2016
A TUTTI GLI STUDENTI E STUDENTESSE
A TUTTI I GENITORI
A TUTTI I LAVORATORI e lavoratrici
DEL SETTORE EDUCAZIONE


volacontributo

Ogni anno viene chiesto alle famiglie - spesso con delibera del consiglio di Istituto - di versare un contributo in denaro per le varie attivitā scolastiche della scuola o istituto che i ragazzi frequentano. Non poche scuole, attuano un vero e proprio terrorismo psicologico, dicendo che, senza il versamento del 'contributo scolastico volontario', i ragazzi non potranno essere iscritti all'anno successivo. A tale proposito bisogna sottolineare che il Consiglio di Istituto non ha alcuna facoltā giuridica di imporre balzelli di alcun tipo e che pertanto, l'unico versamento
obbligatorio per legge č rappresentato dalla tassa di iscrizione, pari a 6.04 euro e quella di frequenza, pari ad euro 15.13.
Dunque le tasse di iscrizione, non possono superare i 21.07 euro. Il contributo volontario, su cui ormai si reggono in gran parte le scuole per le varie attivitā č assolutamente volontario, tanto che l'art 13 della legge 40 del 2007 lo definisce 'un'erogazione liberale'. E dunque assolutamente non obbligatorio.

Rifiutiamoci di pagare questo odioso balzello: i genitori e gli studenti eletti nel Consiglio di Istituto si rifiutino di approvare delibere in tal senso.

La scuola deve essere finanziata dai vari enti, Comune, Provincia, Regione e Stato che oggi dilapidano risorse in consulenze e non si prendono assolutamente cura della cultura, della sanitā, della scuola.

UN PAESE CHE NON HA CURA DELLA PROPRIA SCUOLA, E' UN PAESE CHE NON HA UN FUTURO


U.S.I.­‐A.I.T. Milano (sede Ticinese)
Via Torricelli 19
Tel/fax 0289415932
email: info-­usieducazione@autistici.org
pagina Facebook: www.facebook.com/pages/USI-AIT‐Educazione/1604897833064779?fref=ts
blog: http://usieducazione.noblogs.org/

interventi dello stesso autorediscussione chiusa  condividi pdf