centro risorse per la didattica
Risorse per area disciplinare:   
Homepage
La redazione
 
Ricerca
Iscriviti alla news
Le newsletter
 
Attualità
Percorsi
Novità
Recensioni
 
Disabilità
Lavagna Interattiva
 
La tua segnalazione
Il tuo giudizio
 
Cataloghi in rete
 
DIDAweb
 

risorse@didaweb.net
 

  Cerca nel web:
Se sei un utilizzatore della toolbar di Google, puoi aggiungere anche il nostro pulsante:
Centro Risorse
  SCHEDA RISORSA

Condividi questa risorsa didattica
Pluridisciplinare
Un parere sul decreto governativo - Intervista a Franco Ortolani, ordinario di geologia alla Federico II ed esperto della situazione rifiuti in Campania

Lingua: Italiana
Destinatari: Alunni scuola media superiore, Formazione permanente
Tipologia: Documentazione

Abstract: Intervista a Franco Ortolani, ordinario di geologia alla Federico II ed esperto della situazione rifiuti in Campania

Un parere sul decreto governativo

Professor Ortolani lei ha fatto parte della commissione paritetica che valutò l’idoneità del sito di Serre e già all'epoca ebbe modo di criticare le scelte dell’allora commissario Bertolaso. Cosa pensa della sua nomina a sottosegretario con poteri straordinari?
Io portai gli unici dati di conoscenza geologica che erano relativi a Valle della Masseria che il commissariato non aveva quando continuava a sostenere l’idoneità del sito. Dalle relazioni ufficiali del commissariato si evinceva che la conoscenza geologica si basava su un sorvolo da elicottero. Questo dai dati ufficiali. Io feci rilievi ed evidenzia le sedi problematiche esistenti. Non solo ma la vicinanza al rilievo delle acque che irrigano tutta la piana del Sele, dove già adesso esistono 2 discariche (Macchia Soprana e Basso dell'Olmo a cui si deve aggiungere quella abusiva di contrada Paraglione ndr), era estremamente pericoloso e dannoso per l’economia perchè andava a minare anche la credibilità della purezza dei prodotti della piana del Sele. Dalla mozzarella agli ortaggi. Dal punto di vista della pianificazione mettere 2 discariche regionali su un prelievo di 250 milioni di metri cubi di acqua diciamo è una follia.

Il nome di Valle della Masseria però è tornato in circolazione
Non so se è entrato in circolazione perchè collegato a Bertolaso, ma spero si sbaglino. Macchia Soprana tra un mese è chiuso. Terzigno è a zero e a meno che non cambino la legge 87 dello scorso anno lì deve andare solo la frazione organica stabilizzata, quindi non vedo come potrebbe entrare in funzione. Terzigno poi dobbiamo pensare che è in zona di vulcanismo attivo e la legge italiana prescrive che in queste zone non si facciano discariche perchè un’eventuale eruzione potrebbe determinare la rottura dell’impianto e quindi provocare l’inquinamento ambientale. Questo non lo dico io ma la legge italiana. Il problema della salute è un problema non derogabile a meno che non si voglia cambiare la costituzione

Adesso, con l’equiparazione delle discariche a siti militari, i controlli esterni a quelli del governo saranno praticamente impossibili
Finché non si elimina l’articolo 32 della costituzione deve essere sempre tutelata la salute dei cittadini. I militari non possono andare sopra la costituzione italiana, anzi devono rispettala e farla rispettare. Quindi non è che con la forza si riesca a superare il problema che riguarda la salute e la tutela delle risorse idriche che poi noi continueremo ad usare e a bere. Non confondiamo. L’uso militare può facilitare un’azione fattibile ma se l’azione non è fattibile, nel rispetto delle leggi nazionali e comunitarie, l’uso della forza porta a realizzare un impianto di tipo pericoloso e le ricadute vi saranno per la salute dei cittadini della Campania.

Quale sarebbe la strada più giusta da intraprendere allora per un corretto ed efficace smaltimento?
Il ciclo naturale porta alla riduzione dei rifiuti, all’uso industriale dei materiali riciclabili e all’ubicazione in discarica di un 30-40% di scarti. Questo è il ciclo. Ma questi scarti vanno ubicati in siti che non si determinino pericolosi. Io davanti al decreto metterei “il tutto deve essere attuato nel rispetto delle risorse idriche e delle risorse naturali di importanza strategica per la regione”. Poi è naturale che deve essere garantito il rispetto dell’articolo 32 della costituzione, che deve essere riguardato il diritto alla salute per tutti i cittadini, non solo per quelli delle città forti. L’uso di uno strumento speciale deve essere accompagnato da una base tecnico-scientifica attenta. Questo consentirebbe una rapida risoluzione dello scandalo rifiuti. Ma da esperienza fatta sin ora l’uso della potenza si è sempre risolto in una scarsa attenzione per la salute, l’ambiente e le risorse naturali. Spero che questa tendenza si inverta. In passato più il potere è stato forte meno era attento a tutelare salute e ambiente. Se ora abbiamo ancora un potere maggiore e non si inverte quella linea potete trarre delle conclusioni.

Ritiene che fino ad ora quindi non siano stati fatti i giusti controlli?
Scienza e tecnica fin ora non sono mai state applicate. La sicurezza è stata sempre l’ultimo parametro. Le scelte sono state fatti per altri aspetti, per altri parametri. Naturalmente alla verifica tecnica molte di queste scelte hanno rivelato grossi problemi.
Pensi a quanti errori sarebbero stati commessi se questo decreto fosse stato fatto un anno fa. Pensi a Pianura, si sarebbe realizzata, Napoli orientale (manifattura tabacchi) idem, Pignataro Maggiore, Carinola, Difesa Grande, Forcone, Lo Uttaro. Tutte scelte fatte e sponsorizzate, fortemente volute che causarono anche lo scontro con i cittadini. Poi lo stesso commissario fu costretto a riconoscere che erano state un errore e le richiuse. Con scienza tecnica e buon senso i problemi sarebbero stati risolti da tempo. Ci vuole la volontà di risolvere i problemi ma con questi parametri. L’uso di un potere speciale a queste condizione avrebbe permesso di uscire dalla crisi già 5 anni fa, 10 anni fa

Ma in quali aree allora dovrebbero essere aperti i siti di stoccaggio?
Di aree geologicamente idonee ce ne sono a centinaia. Il problema è che c'è bisogno di una pianificazione corretta dello smaltimento dei rifiuti. Io non posso prescindere da una forte riduzione dei rifiuti.
Se io non attuo questa concertazione è chiaro che io politicamente non sono credibile. Io non ragiono, non discuto, non pianifico. Allora la popolazione ha visto che gli attuali detentori dei poteri democratici come amministrazioni locali, regionali oppure dei poteri commissariali (citando gli errori riconosciuti che abbiamo detto prima) offrono scarsissima o nulla credibilità che l’intervento sia fatto con correttezza, sia il migliore, sia giusto. C’è uno spazio che il potere non può colmare. È quello della credibilità, della concertazione. Un piano deve prevedere una possibilità di trasferire risorse e sviluppo nelle aree in cui dovrebbero andare le discariche, e non portare solamente le cose cattive.

Mancano insomma interventi decisivi sulla produzione dei rifiuti e si lavora invece solo sullo smaltimento
Pensiamo a parte della provincia di Napoli e a tutta quella parte della provincia di Caserta e di Salerno che si affaccia su Agro Nocerino e Pianura Campana. Queste sono tre le aree più fertili del mondo in cui c’è terreno, risorse idriche in abbondanza, grande capacità dell’uso agricolo della terra. In un’area di questo tipo è un crimine sottrarre terreno per mettere grandi impianti. È un crimine determinare un inquinamento. È un crimine. In questo caso io non posso allocare materiale inquinante o impianti inquinanti. Devo per forza andare obbligatoriamente a ridurre i rifiuti da smaltire. Ma non per una spinta ideologica sfrenata. Non uso la parola rifiuti zero perchè può apparire una scelta ideologica, ma io devo ridurre assolutamente i rifiuti perchè non so dove metterli. Ed ecco quindi che, per Napoli e per quella parte che dicevo prima, un progetto strategico che da qui ad un anno e mezzo, due anni, portasse ad una drastica riduzione del 50-60 % sarebbe una operazione di buon senso, di conservazione della risorsa idrica e di quella suolo. Per il futuro dobbiamo ridurre drasticamente la quantità di rifiuti da dover smaltire perché se noi realizziamo un inceneritore a Napoli certamente non lo costruiamo in un anno. Ci vorranno due o tre anni. Nel frattempo io avrei anche avviato una raccolta spinta che arrivasse al 50-60% . Il discorso va fatto sempre nella tutela dell’ambiente dove noi viviamo. Perchè noi campiano con l’acqua col terreno con le coltivazioni. E questo ragionamento deve essere fatto con la partecipazione costruttiva, democratica della gente che vive nel territorio. Il decreto così come sembra delinearsi (dico sembra perché non lo abbiamo letto) si configura come un commissariamento di fatto della regione e del comune di Napoli. Non è detto e non è scritto, Ma di fatto è così.

Le decisioni non sarebbero quindi sindacabili da amministratori locali e società civile
Ma stiamo scherzando? Tutto questo per colpa di poche persone che hanno amministrato male a scapito anche delle province in cui magari si svolge una grande attività di differenziazione e di riciclaggio.

Un’altra proposta è quella di costruire addirittura 4 termovalorizzatori. Quello di Acerra sarà il più grande d’Europa e, semmai entrerà in funzione, pare che se la differenziata in regione arrivasse al 35% potrebbe essere sufficiente. Lei cosa ne pensa?
Sempre ragionando col buon senso e guardando alla tutela del territorio è automatico arrivare ai numeri che lei dice. È come se all’esterno non importasse niente di quello che succede in Campania, delle risorse della Campania. Anzi se la regione va in malora è meglio.
Se il governo di questa iniziativa è al di fuori della regione e la regione non entra in maniera costruttiva è chiaro che c’è solo in deperimento dell’ambiente, dell’economia e dell’assetto socio economico per il territorio regionale così commissariato.

Si parla di un partito dei no, della mancanza di proposte alternative
Negli anni novanta elaborai, insieme ad altri scienziati, una piano per la provincia di Avellino individuando circa trenta siti. Il presidente della provincia di allora Anzalone secretò i risultati e non si sa che fine abbiano fatto. Questo per dire come scienza e tecnica consentano di individuare le caratteristiche territoriali giuste e trovare soluzioni. Se lei va a chiedere al commissariato se ha fatto una mappa di tutti i siti potenzialmente utilizzabili in Campania voglio vedere cosa le risponde. Noi l’abbiamo fatto con alcune tesi di laurea. In un mese utilizzando queste metodologie che abbiamo messo appunto si potrebbe avere il quadro di tutta la regione Campania. Poi la metodologia qual è, è normale, banale: una commissione costituita da esperti multidisciplinari presi tra tutte le università campane e tra tutte le istituzioni democratiche della Campania individua sulla prima base geologica l’approfondimento di quali aree per gli altri aspetti possono essere idonee. Una volta così definite le aree praticamente c’è una base conoscitiva inattaccabile. E se una istituzione dice" le discariche possono essere messe qui, qui e qui" è una proposta inattaccabile perchè basata su una conoscenza completa di tutta la regione e di tutte le discipline necessarie a valutare l’area. Questo è l’abc del governo e della pianificazione. Questo si deve fare in modo tale che nessuno, se si oppone, può avere argomenti validi che dicano che il sito non è idoneo. Allora veramente si potrebbe dire che si oppongono perchè non lo vogliono nel proprio giardino. Invece oggi non abbiamo questa base conoscitiva da parte delle istituzioni purtroppo.
Sono metodologie normali attuate anche in altre regioni. Solo chi non vuole risolvere il problema non applica metodi corretti che consentano di avere questa visione. Lo Stato è stato presente per 14 anni in Campania, perchè non è che arriva adesso con questo decreto, sappiamo bene che i commissariati sono stati emanazione dello Stato. Sono stati nominati ogni volta, facendo riferimento alla legge di protezione civile, dal presidente del consiglio di turno. Quindi lo Stato era presente e ha speso, forse ha speso male.

Anche sulla questione di Valle della Masseria, lei affermò che il sito fu scelto più per una vicinanza all’autostrada che per altri aspetti
Si. L’altro motivo della scelta era la presenza di argilla. Allora io feci un esempio. Immaginiamo che si debba proteggere il porto di Capri e che si debba fare in fretta perché può arrivare l’inverno e una mareggiata. Allora visto che le scogliere sono fatte di grossi blocchi di roccia calcarea ed i Faraglioni sono fatti per l’appunto di roccia calcarea, allora smantelliamo i Faraglioni ed i blocchi li utilizziamo per fare i moli di Capri. Tanto è roccia calcarea. A me pare che i Faraglioni siano un monumento ambientale e quindi sarebbe improponibile. Serre, l’oasi, con la diga fatta per prelevare le acque per irrigare tutta la pianura del Sele, sono un monumento ambientale. Quindi lo stesso discorso facciamolo a Serre. Non è attuabile come non è attuabile smantellare i faraglioni per fare il molo di Capri. C’è argilla è vero, ma fa parte di un monumento ambientale. Non solo, un monumento ambientale che regge tutta l’economia della piana del Sele.

La gestione emergenziale porta avanti se stessa
Esatto, almeno guardano i risultati, è stato questo. Può darsi anche che la volontà ci fosse ma non sono state scelte le persone giuste. Insomma o non sono state nominate le persone giuste o peggio ancora è mancata la volontà di risolvere veramente questa crisi.

Ma è possibile avere i rilievi da voi effettuati?
Non li abbiamo pubblicati ma sono a disposizione delle istituzioni perchè si tratta di una situazione estremamente delicata. Non è che li teniamo segreti ma capirà che vista anche la militarizzazione della questione immagini cosa sarebbe successo se avessimo pubblicato i risultati. Ma ripeto sono a disposizione delle istituzioni.



http://napoli.indymedia.org/node/4208

Condividi questa risorsa didattica

I giudizi degli utenti

Assenti

Aggiungi il tuo giudizio    Precedenti risultati   


  Iscriviti alla news
Ricevi in posta elettronica le novità e una selezione di risorse utili per la didattica.

Iscriviti qui


Novità
Le ultime risorse per la didattica catalogate ed inserite nel nostro database.

ENGLISH LESSONS AND TESTS.

"Progresso e catastrofe" - In due parole tutto il Novecento Recensione al testo di Salvatore Natoli di UMBERTO GALIMBERTI

Percorsi
Proposte di selezioni e percorsi fra le risorse e i materiali in archivio.

Percorsi
Feste e calendari multiculturali.
Calendari solari e lunari, festività religiose e tradizionali delle diverse culture.

Percorsi
Steineriane
Le ''scuole nuove'' della pedagogia steineriana, contrassegnate dal paradosso di un’accettazione pratica e di un’ignoranza teorica da parte degli stessi utenti e degli operatori della scuola pubblica, tra ''fedeltà karmica'', incarnazioni di individualità che ritornano sulla terra, bambini indaco e apparente buon senso pedagogico.

  Ambiente virtuale collaborativo in evoluzione ideato e sviluppato da Maurizio Guercio è una iniziativa DIDAweb