centro risorse per la didattica
Risorse per area disciplinare:   
Homepage
La redazione
 
Ricerca
Iscriviti alla news
Le newsletter
 
Attualità
Percorsi
Novità
Recensioni
 
Disabilità
Lavagna Interattiva
 
La tua segnalazione
Il tuo giudizio
 
Cataloghi in rete
 
DIDAweb
 

risorse@didaweb.net
 

  Cerca nel web:
Se sei un utilizzatore della toolbar di Google, puoi aggiungere anche il nostro pulsante:
Centro Risorse
  SCHEDA RISORSA

Condividi questa risorsa didattica
Pluridisciplinare
Filosofia
Economia e diritto
La questione maschile - Ida Dominijanni - 11 marzo 2008 - «Nel declino della politica e nel degrado della società italiana comincia a trasparire una rimossa e irrisolta 'questione maschile'». In che consiste la questione maschile, sorta di rovescio paradossale della «questione femminile» pre-femminista? Consiste nel fatto che, dopo la critica femminista della politica e dopo la «modificazione inarrestabile» dei rapporti sociali e dell'ordine simbolico innescata dal femminismo, «la società maschile nel suo insieme non ha preso coscienza della fine del patriarcato né della necessità di confrontarsi con la soggettività politica delle donne, sebbene alcuni sì ed è forse l'inizio di un cambiamento». (Lia Cigarini)

Lingua: Italiana
Destinatari: Formazione permanente, Alunni scuola media superiore, Formazione post diploma
Tipologia: Documentazione

Abstract:
La questione maschile
Ida Dominijanni

«Di cosa parliamo quando parliamo di politica?», si chiede Bia Sarasini in apertura dell'ultimo numero della rivista «Leggendaria» dedicato a «Donne,politica, violenza». Domanda centrata, perché del termine ormai non c'è certezza: «Parli di politica, e la faccia perplessa dei tuoi interlocutori ti spinge subito a precisare. Non parlo della casta, spiego, non mi riferisco ai politici di mestiere, parlo della passione. A questo punto gli sguardi si fanno opachi, assenti, soprattutto nelle persone più giovani. Passione? Politica? Ma sei sicura che ne valga la pena?». Le donne che firmano su «Leggendaria» sono sicure, sì, che ne valga la pena. Ma a patto di fare un po' di chiarezza, non solo lessicale; e a patto che ci si riesca - il che non è detto. Prima cosa da chiarire - seguo ancora il filo di Sarasini: politica non è solo quella che porta ufficialmente questo nome: c'è politica - spesso guidata da donne - in quel vasto territorio di azione dal basso, dai comitati Dal Molin a quelli contro la monnezza in Campania, cui la politica ufficiale non riconosce alcuna politicità. Secondo punto: bisogna chiedersi come, quando, perché e per chi fra la parola «politica» e la parola «senso» s'è aperta una forbice: forse, dice Sarasini, da quando s'è perso il senso e la necessità dello stare edel fare insieme, insomma dell'agire collettivo. Terzo, perché la politica cambi occorre «che la politica riconosca di avere un sesso, maschile, e che questo sesso è in crisi, non sa più interpretare il mondo: può tutt'al più fare quadro, stringere alleanze tra uomini, inventare a tavolino nuovi leader uomini», Obama compreso. «La catastrofe maschile delle forme politiche novecentesche è davanti ai nostri occhi. La sfida è costruirne altre, qui e adesso, a partire dalla vita quotidiana. Una passione da risvegliare», conclude Sarasini rivolta soprattutto alle donne.
La cosa però non va liscia, come si sa, e come risulta dalla stessa lettura del ricco numero di Leggendaria. Da quando, nel femminismo, le donne hanno dato nome di politica a cose che prima non l'avevano, da quando abbiamo politicizzato ambiti prima relegati al privato, da quando abbiamo messo al mondo pratiche inaudite per la politica ufficiale e costruito legami politici altrettanto tenaci di quelli istituzionali, non per questo la politica ufficiale s'è trasformata, né la politica delle donne riesce a bilanciare la crisi della politica maschile, né tantomeno a sostituirsi ad essa. C'è una asimmetria, abbiamo sempre detto. Adesso dobbiamo prendere atto che c'è anche una impasse. Ne scrive Lia Cigarini, sull'ultimo numero di «Via Dogana», titolo, «Bianco rosa verde. Contro la crisi della politica». Perché «contro»? Perché il discorso sulla crisi della politica, scrive Cigarini, sta diventando una formula «che finisce per essere evasiva». Evasiva di un punto preciso e cruciale, questo: «Nel declino della politica e nel degrado della società italiana comincia a trasparire una rimossa e irrisolta 'questione maschile'». In che consiste la questione maschile, sorta di rovescio paradossale della «questione femminile» pre-femminista? Consiste nel fatto che, dopo la critica femminista della politica e dopo la «modificazione inarrestabile» dei rapporti sociali e dell'ordine simbolico innescata dal femminismo, «la società maschile nel suo insieme non ha preso coscienza della fine del patriarcato né della necessità di confrontarsi con la soggettività politica delle donne, sebbene alcuni sì ed è forse l'inizio di un cambiamento». Ciò che la formula della crisi delal politica nasconde, dunque, è quanto «l'inefficacia della politica sia da attribuirsi al disfarsi della genealogia maschile e del suo linguaggio, e al mancato confronto con l'altra e il suo sapere politico». Il guaio è che senza consapevolezza non c'è neanche conflitto: «Perciò - scrive ancora Cigarini - parlo di questione e non di conflitto fra i sessi.Il conflitto è vitale e produttivo di senso; la questione, senza uno scatto di consapevolezza, può solo ingombrare la politica e può farlo anche per cento anni». Da cui l'impasse di cui sopra. Che speriamo duri meno di cento anni, tolti gli almeno quindici che ha già alle spalle


http://www.ilmanifesto.it/ricerca/ric_view.php3?page=/Quotidiano-archivio/11-Marzo-2008/art43.html

Condividi questa risorsa didattica

I giudizi degli utenti

Assenti

Aggiungi il tuo giudizio    Precedenti risultati   


  Iscriviti alla news
Ricevi in posta elettronica le novità e una selezione di risorse utili per la didattica.

Iscriviti qui


Novità
Le ultime risorse per la didattica catalogate ed inserite nel nostro database.

ENGLISH LESSONS AND TESTS.

"Progresso e catastrofe" - In due parole tutto il Novecento Recensione al testo di Salvatore Natoli di UMBERTO GALIMBERTI

Percorsi
Proposte di selezioni e percorsi fra le risorse e i materiali in archivio.

Percorsi
Feste e calendari multiculturali.
Calendari solari e lunari, festività religiose e tradizionali delle diverse culture.

Percorsi
Steineriane
Le ''scuole nuove'' della pedagogia steineriana, contrassegnate dal paradosso di un’accettazione pratica e di un’ignoranza teorica da parte degli stessi utenti e degli operatori della scuola pubblica, tra ''fedeltà karmica'', incarnazioni di individualità che ritornano sulla terra, bambini indaco e apparente buon senso pedagogico.

  Ambiente virtuale collaborativo in evoluzione ideato e sviluppato da Maurizio Guercio è una iniziativa DIDAweb