centro risorse per la didattica
Risorse per area disciplinare:   
Homepage
La redazione
 
Ricerca
Iscriviti alla news
Le newsletter
 
Attualità
Percorsi
Novità
Recensioni
 
Disabilità
Lavagna Interattiva
 
La tua segnalazione
Il tuo giudizio
 
Cataloghi in rete
 
DIDAweb
 

risorse@didaweb.net
 

  Cerca nel web:
Se sei un utilizzatore della toolbar di Google, puoi aggiungere anche il nostro pulsante:
Centro Risorse
  SCHEDA RISORSA

Condividi questa risorsa didattica
Educazione linguistica Italiano
Così sono gli addii...Gianna Schelotto - Distacchi e altri addii: incipit

Lingua: Italiana
Destinatari: Alunni scuola media superiore
Tipologia: Materiale di studio

Abstract:

Distacchi e altri addii: incipit

 
Nella grande sala d'ingresso, le sedie erano state disposte lungo le pareti, una accanto all'altra, come si usava, nel Sud, quando c'era un funerale. Via via che arrivavano, gli ospiti si salutavano e prendevano posto, quasi fossero a teatro e aspettassero l'inizio dello spettacolo. Parlavano a voce bassa, e persino i più vivaci sembravano contenere i gesti e le parole.
I discorsi, vaghi e pieni di sospiri, iniziavano e si spegnevano prima di concludersi. Lunghi silenzi cadevano nella stanza, interrotti, di tanto in tanto, da scoppi improvvisi di voci. Si capiva che tutti avevano il cuore pesante. Eppure l'evento che li aveva riuniti in quella stanza non era luttuoso. Amici e parenti erano venuti per salutarci: per trascorrere insieme a noi gli spiccioli di tempo che ci separavano dalla partenza del treno. I miei genitori, i miei fratelli, e io, lasciavamo il paese - Rionero in Vulture - per trasferirci in una grande città del Nord.
Ce n'andavamo, come tanti altri prima di noi. Diventavamo "emigranti".
Era il 1955.

"E' ora" disse mio padre.
Tutti si levarono in piedi, come spinti da un'unica molla., e le voci esplosero. Voci acute, sovrapposte, confuse.
Solo mia nonna sembrava ammutolita. Ci abbracciò uno per uno, ci strinse, senza parlare.
Sulla soglia esitai e, invece di uscire, tornai indietro per abbracciarla un'ultima volta. Lei, nello sforzo di trattenere l'emozione, emise un suono gutturale, quasi un grido soffocato.
"Te ne vai" disse con voce stridula, stringendomi forte. "Ve ne andate tutti!"

Quel tardo pomeriggio l'ho ben impresso nella memoria e, ogni volta che un dettaglio riaffiora - una voce, l'espressione di un viso - avverto il morso di un'antica lacerazione.
Partii con il Treno del Sole. Treno famoso, treno ambito e temuto, in quegli anni, dalla gente del Sud. Non meno leggendario di quanto fosse, per altri, l'Orient Express.
Avevo poco meno di quindici anni e, com'è normale a quell'età, una gran voglia di andar via, di vedere mondi diversi, di cambiare.
Ero esaltata e triste al tempo stesso, impaziente di partire e torturata dalla sofferenza di lasciare le cose che conoscevo e che amavo.

Così sono gli addii...



http://www.italica.rai.it/index.php?categoria=libri&scheda=schelotto_incipit

Condividi questa risorsa didattica

I giudizi degli utenti

Assenti

Aggiungi il tuo giudizio    Precedenti risultati   


  Iscriviti alla news
Ricevi in posta elettronica le novità e una selezione di risorse utili per la didattica.

Iscriviti qui


Novità
Le ultime risorse per la didattica catalogate ed inserite nel nostro database.

ENGLISH LESSONS AND TESTS.

"Progresso e catastrofe" - In due parole tutto il Novecento Recensione al testo di Salvatore Natoli di UMBERTO GALIMBERTI

Percorsi
Proposte di selezioni e percorsi fra le risorse e i materiali in archivio.

Percorsi
Feste e calendari multiculturali.
Calendari solari e lunari, festività religiose e tradizionali delle diverse culture.

Percorsi
Steineriane
Le ''scuole nuove'' della pedagogia steineriana, contrassegnate dal paradosso di un’accettazione pratica e di un’ignoranza teorica da parte degli stessi utenti e degli operatori della scuola pubblica, tra ''fedeltà karmica'', incarnazioni di individualità che ritornano sulla terra, bambini indaco e apparente buon senso pedagogico.

  Ambiente virtuale collaborativo in evoluzione ideato e sviluppato da Maurizio Guercio è una iniziativa DIDAweb