centro risorse per la didattica
Risorse per area disciplinare:   
Homepage
La redazione
 
Ricerca
Iscriviti alla news
Le newsletter
 
Attualità
Percorsi
Novità
Recensioni
 
Disabilità
Lavagna Interattiva
 
La tua segnalazione
Il tuo giudizio
 
Cataloghi in rete
 
DIDAweb
 

risorse@didaweb.net
 

  Cerca nel web:
Se sei un utilizzatore della toolbar di Google, puoi aggiungere anche il nostro pulsante:
Centro Risorse
  SCHEDA RISORSA

Condividi questa risorsa didattica
Educazione linguistica Italiano come lingua seconda
Intercultura


L’orgine e lo sviluppo della scrittura cinese



Lingua: Italiana
Destinatari: Insegnanti, Formazione post diploma
Tipologia: Materiale per autoaggiornamento

Abstract:

L’orgine e lo sviluppo della scrittura cinese

La lingua Han e i suoi caratteri costituiscono la forma linguistica più utilizzata a livello mondiale. Infatti del miliardo e 300 milioni di abitanti delle 56 nazionalità del nostro paese, oltre il 90 per cento parla la lingua Han e si avvale dei suoi ideogrammi per la scrittura. Anche l’etnia Hui, la maggior parte dell’etnia Man, l’etnia She ed altre minoranze etniche del nostro paese parlano la lingua Han e ne utilizzano i caratteri. La lingua cinese costituisce una delle lingue più antiche del mondo, risalendo a 3 mila anni fa, in base alla datazione dei caratteri incisi sui gusci di tartaruga.

Attualmente, i caratteri più antichi nella lingua Han accessibili al pubblico sono proprio quelli incisi sui gusci di tartaruga scoperti negli anni  ’50 del secolo scorso dagli archeologi nella zona di Anyang, nella provincia dello Henan, Cina centrale.  Questi caratteri, incisi sui gusci di tartaruga o su ossa di animali, registrano principalmente le divinazioni della famiglia reale dell’epoca Shang, risalente al 16° secolo a.C, toccando anche altri aspetti della vita sociale del tempo, il che riflette fondamentalmente lo stato della lingua dell’epoca.

I caratteri cinesi non costituiscono un sistema alfabetico, ma una scrittura ideografica. La tendenza generale dei suoi tratti passa dalla complessità alla semplificazione. Dai più antichi caratteri sui gusci di tartaruga e dalle iscrizioni sui recipienti in bronzo al Zhuan Shu, scrittura sigillo e al Li Shu, scrittura ufficiale, fino alla definitiva codificazione, i trattati di ogni carattere si sono ridotti.

Il numero dei caratteri cinesi non è fisso. Il primo dizionario cinese chiamato “ Illustrazione dei caratteri”, composto durante il periodo degli Han orientali, nel 2° secolo d.C., comprende 9.353 caratteri. Il “Dizionario di Kang Xi”, compilato nel 18° secolo durante il periodo di Kang Xi della dinastia Qing, raccoglie 47.043 caratteri. Quelli contenuti nella nuova edizione del “ grande dizionario della lingua cinese”, sono in totale 56.000.

Dopo la fondazione nel 1949 della nuova Cina, il governo cinese ha sempre assegnato molta importanza alla riforma del cinese scritto cominciando negli anni ’50 la sua semplificazione. Nel 1964, la Cina ha imposto ufficialmente l’uso dei caratteri semplificati, per cui i caratteri attualmente in uso sono quelli semplificati.

Va sottolineato che nel lavoro e nella vita quotidiana, il numero dei caratteri di cui un cinese deve impadronirsi non sono così numerosi. Secondo le statistiche, i caratteri di uso comune sono 4.000-5.000. Assimilando 3.500 caratteri, un cinese può leggere il 90° per cento dei contenuti dei libri e delle pubblicazioni comuni.



http://it.chinabroadcast.cn/Panorama/Curiosita'/articoli/scrittura.htm

Condividi questa risorsa didattica

I giudizi degli utenti

Assenti

Aggiungi il tuo giudizio    Precedenti risultati   


  Iscriviti alla news
Ricevi in posta elettronica le novità e una selezione di risorse utili per la didattica.

Iscriviti qui


Novità
Le ultime risorse per la didattica catalogate ed inserite nel nostro database.

ENGLISH LESSONS AND TESTS.

"Progresso e catastrofe" - In due parole tutto il Novecento Recensione al testo di Salvatore Natoli di UMBERTO GALIMBERTI

Percorsi
Proposte di selezioni e percorsi fra le risorse e i materiali in archivio.

Percorsi
Feste e calendari multiculturali.
Calendari solari e lunari, festività religiose e tradizionali delle diverse culture.

Percorsi
Steineriane
Le ''scuole nuove'' della pedagogia steineriana, contrassegnate dal paradosso di un’accettazione pratica e di un’ignoranza teorica da parte degli stessi utenti e degli operatori della scuola pubblica, tra ''fedeltà karmica'', incarnazioni di individualità che ritornano sulla terra, bambini indaco e apparente buon senso pedagogico.

  Ambiente virtuale collaborativo in evoluzione ideato e sviluppato da Maurizio Guercio è una iniziativa DIDAweb