centro risorse per la didattica
Risorse per area disciplinare:   
Homepage
La redazione
 
Ricerca
Iscriviti alla news
Le newsletter
 
Attualità
Percorsi
Novità
Recensioni
 
Disabilità
Lavagna Interattiva
 
La tua segnalazione
Il tuo giudizio
 
Cataloghi in rete
 
DIDAweb
 

risorse@didaweb.net
 

  Cerca nel web:
Se sei un utilizzatore della toolbar di Google, puoi aggiungere anche il nostro pulsante:
Centro Risorse
  SCHEDA RISORSA

Condividi questa risorsa didattica
Arte
Storia
Una mostra dedicata a Milano dall’Università Bocconi riproponendo gli aspetti che caratterizzarono il clima morale e materiale della metropoli lombarda d’inizio secolo.

Lingua: Italiana
Destinatari: Alunni scuola elementare, Alunni scuola media inferiore, Formazione permanente
Tipologia: Ipermedia

Abstract: Il Mondo Nuovo - Milano 1890/1915
Milano, Palazzo Reale

La stagione del passaggio dal mondo rurale a quello industrializzato a Milano. Attraverso l'esposizione di straordinarie opere d'arte, oltre a documenti fotografici e testimonianze d'epoca, vediamo sorgere un Mondo Nuovo…

martedì 17 dicembre 2002
L'800 fu un secolo di straordinarie accelerazioni scientifiche, politiche e culturali: il positivismo, infatti, identificò proprio nel progresso l'unico vero traguardo dell'umanità, l'eredità della Rivoluzione Francese pervase tutto il secolo di fermenti insurrezionali che ebbero nel 1848 il loro apice, ed infine la rivoluzione artistica, in particolare dopo la metà del secolo, modificò definitivamente la rigide e vetuste regole della Accademia. Dunque un Mondo Nuovo improvvisamente si sostituì ad un altro che sembrava immutabile e cristallizzato da secoli: eppure proprio questo mondo, apparentemente straordinario, porterà drammaticamente l'umanità, come estrema 26845conseguenza, alla catastrofe della Prima Guerra Mondiale, temporalmente posta nel ‘900 ma in realtà figlia dei contrasti e delle illusioni ottocentesche.
Naturalmente l'Italia fu tra gli ultimi paesi europei a cogliere la grandiosa novità di un mondo in febbrile rivoluzione: la sua tradizione e storia millenaria rese, infatti, il nostro paese restio ad aprirsi alle novità scientifiche e culturali che nel frattempo spopolavano non solo in Inghilterra ma anche in Francia e in Germania. Tuttavia alla fine del secolo anche la cosiddetta "italietta", paese ancora istituzionalmente debolissimo e di recente formazione, si apre lentamente, e con molte cautele, alle strabilianti novità internazionali: in particolare Milano, agevolata anche dalla centrale posizione geografica, divenne il fulcro di questo processo di rapida industrializzazione. Proprio a questo specifico momento storico è dedicata una delle più complete ed approfondite iniziative26841 culturali di questi ultimi anni, attraverso un’eccezionale serie di documenti pittorici, fotografici e grafici, oltre a numerosi oggetti dell'epoca.
Il percorso della mostra, agevolato da un allestimento davvero innovativo e intrigante, permette di cogliere la genesi degli epocali mutamenti che modificarono definitivamente il volto e l'identità stessa della città meneghina : ed è proprio grazie alle opere d'arte e ai documenti fotografici che è possibile immedesimarci nella frenetica trasformazione della città e di percepire come i nostri avi accolsero tali mutamenti. Nella celebre opera di Bonzagni, I rifiuti della società, comprendiamo come l’industrializzazione milanese produsse anche dei gravi danni soprattutto nelle classi meno protette, mentre nello splendido ciclo di Previati - La ferrovia sul Pacifico, Il traforo delle Alpi, Il Canale di Suez - è esemplificata la totale fiducia di stampo positivista verso il progresso. Tuttavia è probabilmente nelle preziose testimonianze fotografiche che troviamo la vera ricostruzione di un mondo perduto: in particolare segnalo la commovente serie di immagini riguardanti i Lavori Perduti che ritengo uno dei capolavori assoluti presenti in mostra. Correlata ai mutamenti sociali e politici di fine secolo incontriamo l'eccezionale evoluzione dei grandi imprenditori ed industriali: Milano, grazie ai vari Falck, Pirelli, Luzzati assurge ad autentica protagonista nel panorama finanziario italiano ed europeo (ruolo che detiene ancora con legittimo orgoglio): la splendida tela di Umberto Boccioni, Officine a Porta Romana, è la vera icona di questa eccezionale evoluzione. In questo grande clima sorgono delle fondamentali istituzioni che saranno le colonne portanti del nuovo ruolo milanese: l'Università Bocconi e il Politecnico.
Per vastità di argomenti affrontati, per il livello di approfondimento e per le opere e gli oggetti presentati questa mostra diviene uno dei momenti culturali ed artistici più importanti di tutto l'anno.

articoli correlati
Il design di Cartier visto da Ettore Sottsass
Dipinti fiamminghi e olandesi dalle collezioni lombarde

luca scalco
mostra visitata il 13 dicembre 2002


Il Mondo Nuovo - Milano 1890/1915
Fino al 28 febbraio 2003
Palazzo Reale, Piazza Duomo 12, Milano (zona centro)
Orari: lunedì 9,30 - 14,00; martedì, mercoledì, domenica 9,30 - 20,00; giovedì, venerdì, sabato 9,30 - 23,00
Biglietti: intero € 9,00 ridotti € 7,50 scuole € 4,00
La biglietteria chiude un'ora prima
Infoline e prenotazioni: individuali 02/54916, www.ticket.it
Gruppi, scuole, visite guidate: 02 6597728
Percorso didattico: 02/860649
Prevendite TicketOne: individuali 02/392261, gruppi: 02/39226290
Catalogo Electa



http://www.exibart.com/notizia.asp?IDNotizia=6171&IDCategoria=57

Condividi questa risorsa didattica

I giudizi degli utenti

Assenti

Aggiungi il tuo giudizio    Precedenti risultati   


  Iscriviti alla news
Ricevi in posta elettronica le novità e una selezione di risorse utili per la didattica.

Iscriviti qui


Novità
Le ultime risorse per la didattica catalogate ed inserite nel nostro database.

ENGLISH LESSONS AND TESTS.

"Progresso e catastrofe" - In due parole tutto il Novecento Recensione al testo di Salvatore Natoli di UMBERTO GALIMBERTI

Percorsi
Proposte di selezioni e percorsi fra le risorse e i materiali in archivio.

Percorsi
Feste e calendari multiculturali.
Calendari solari e lunari, festività religiose e tradizionali delle diverse culture.

Percorsi
Steineriane
Le ''scuole nuove'' della pedagogia steineriana, contrassegnate dal paradosso di un’accettazione pratica e di un’ignoranza teorica da parte degli stessi utenti e degli operatori della scuola pubblica, tra ''fedeltà karmica'', incarnazioni di individualità che ritornano sulla terra, bambini indaco e apparente buon senso pedagogico.

  Ambiente virtuale collaborativo in evoluzione ideato e sviluppato da Maurizio Guercio è una iniziativa DIDAweb