centro risorse per la didattica
Risorse per area disciplinare:   
Homepage
La redazione
 
Ricerca
Iscriviti alla news
Le newsletter
 
Attualità
Percorsi
Novità
Recensioni
 
Disabilità
Lavagna Interattiva
 
La tua segnalazione
Il tuo giudizio
 
Cataloghi in rete
 
DIDAweb
 

risorse@didaweb.net
 

  Cerca nel web:
Se sei un utilizzatore della toolbar di Google, puoi aggiungere anche il nostro pulsante:
Centro Risorse
  SCHEDA RISORSA

Condividi questa risorsa didattica
Transdisciplinare
Intercultura
* "L'umanità violata dell'Africa" - AMINATA D. TRAORE già ministra della cultura del Mali, in occasione del vertice di Johannesburg.

Lingua: Italiana
Destinatari: Alunni scuola media superiore, Formazione permanente
Tipologia: Materiale di studio

Abstract: L'umanità violata dell'Africa


Aminata Traore: il liberismo sta distruggendo il "continente nero"; non soltanto le sue risorse ambientali ed economiche ma anche le relazioni sociali legate al rapporto con la natura. *
------------------------------------------------------

L'articolo è stato scritto in occasione del vertice di Johannesburg ed è pubblicato nell'edizione francese di "Le Monde diplomatique" di settembre.

L'idea che la maggior parte degli africani ha finora avuto del presente e dell'avvenire era che la morte, inevitabile, fosse tuttavia tollerabile, purché non mancasse una generazione a sostituire l'altra. Durare era la possibilità di sopravvivere a se stessi. Nessuna persona era considerata povera fintanto ne esisteva un'altra su cui la prima potesse contare. Di qui
aveva origine, nelle nostre società, la decisiva importanza della procreazione: in termini non soltanto di numero di figli, ma anche e soprattutto di persone - uomini e donne - di qualità (salute fisica e mentale, socievolezza, moralità) che prolungano la vita e la rendono perenne. Si prendeva ogni precauzione per evitare che il fuoco si spegnesse.
L'alleanza con la natura, le diverse forme di solidarietà, erano la garanzia di questa perennità, ben più forte della capacità di durare. Con un sacrificio (cola, latte, farina) si implorava il perdono di un albero che si stava per abbattere, o, prima di arare, quello della terra che si era in
procinto di ferire. I primi raccolti erano l'occasioni di manifestazioni culturali che raccoglievano la popolazione e ricordavano l'imperiosa necessità di andare d'accordo con l'ambiente per governarlo. Naturalmente erano forme di esperienza e di conoscenza di vita che fanno sorridere più di un tecnocrate. Gli stati post-coloniali si sono convertiti alla loro nuova religione, piena di promesse. Ma a tanti anni dalle indipendenze aspettiamo ancora che vengano mantenute.

E' magnifico che il continente africano, a dieci anni dal vertice di Rio, accolga la conferenza mondiale sullo sviluppo sostenibile nella sua Johannesburg. Ma lo sviluppo, oltretutto sostenibile, non è che una parolona, una parola d'ordine in più. Ed è tanto più dubbia poiché si iscrive nella missione «civilizzatrice» delle potenze coloniali, ma questa
volta con l'appoggio e la complicità delle elite locali, che a loro volta, illudono e assoggettano i loro popoli. La globalizzazione liberista è il quadro logico di questa impostura. I suoi scacchi e le sue tempeste non ci
scoraggiano, soprattutto una volta che l'autorevole voce di Joseph Stiglitz, già capo economista della Banca mondiale e premio Nobel per l'economia ha detto che «oggi la globalizzazione non funziona per i poveri del mondo, come
non funziona per l'ambiente, come non funziona per la stabilità dell'economia mondiale».

L'Africa, più di ogni altro continente, avrebbe dovuto riassestarsi alla luce di tutto ciò che sappiamo sul sistema economico dominante e dei mea culpa di Fondo monetario internazionale e Banca mondiale. Niente. I nostri dirigenti preferiscono perdere la sfida e riempire il granaio con i
dividendi della subordinazione. Gli investimenti eccessivi in infrastrutture costose e raramente necessarie che però contribuiscono all'accumulo del debito estero, sono il loro maggiore interesse. Lo testimonia l'ultima trovata: la Nuova associazione per lo sviluppo dell'Africa (Nepad). I padri
di questo progetto neoliberista, il più ambizioso mai immaginato dai dirigenti africani, sono fiduciosi e sereni. E questo nonostante le messe in guardia da parte di numerose organizzazioni della società africana.

I soci che si sono trovati e che passano avanti ai loro popoli, come il G8, il Fondo monetario, la banca mondiale, il Wto, non sono sinceri nelle loro risoluzioni di lotta contro la povertà, o di protezione dell'ambiente. Le piogge torrenziali che si abbattono su una parte del nord del pianeta, le
siccità e le carestie nell'Africa australe e che raggiungono ormai l'Africa dell'Ovest, non bastano a far cambiare idea ai sostenitori del «mercato totale», in particolare la potentissima amministrazione americana. La sua
arroganza non ha limiti, che si tratti della riparazione per i pregiudizi subiti dai discendenti di africani deportati come schiavi (conferenza di Durban), delle sovvenzioni alle esportazioni agricole (vertice di Roma dell'organizzazione dell'Onu per l'alimentazione e l'agricoltura - Fao) del
finanziamento allo sviluppo (conferenza di Monterrey) , o delle emissioni di gas di serra (protocollo di Kyoto), della corte penale internazionale, ecc.

Sono piaghe aperte e dolorose quelle causate da oltre quaranta anni di sviluppo, compresi due decenni di aggiustamento strutturale sotto la guida dell'Fmi e della Banca mondiale e dieci anni di preteso sviluppo sostenibile. Imbarcati, a loro insaputa, in queste strategie, africani e
africane vivono, in grande maggioranza in situazioni di estrema precarietà.

Analfabetismo, mancanza di lavoro, sottoalimentazione, carestie e malattie continuano, devastanti. Le popolazioni sono tanto più vulnerabili, quanto i loro riferimenti culturali sono divenuti confusi o resi inoperanti. E' certo
che le popolazioni si sforzano di inventarne di nuovi, in ogni settore; e resistono come possono, con esiti più o meno validi. Il ripiegamento identitario, l'individualismo, il fanatismo, l'esilio, la violenza, la follia sono, in Africa, altrettanti luoghi di rifugio per le vittime dello sviluppo e della globalizzazione mercantile.

Le migrazioni che tanto ossessiano le leadership dei paesi ricchi devono essere rilette alla luce di questa tragedia. Se c'è insicurezza, essa colpisce soprattutto donne, bambini, lavoratori, contadini, anziani e handicappati, che continuano a essere maltrattati e impoveriti in nome dello
sviluppo. Gli uomini e le donne partono perché non sanno più come dare senso alla propria esistenza sulla propria terra.

Nelle zone di partenza (città, quartieri, villaggi) gli africani privi di fonti di reddito e di mezzi di sussitenza, vivono nel timore di scomparire fisicamente a causa dell'aumento del prezzo della derrate alimentari e della privatizzazione dei servizi pubblici, soprattutto delle cure sanitarie. I malati che non sono in grado di pagare sono condannati a morire. La
sopravvivenza deve fare i conti con il lavoro minorile, lo sfruttamento delle donne, la miseria, la prostituzione (malgrado l'Aids), le rapine a mano armata...

Allo stesso tempo, i legami sociali si sfilacciano, i punti di riferimento si attenuano e le risorse naturali si rarefanno ad un ritmo spaventoso. Le foreste vengono saccheggiate dalle multinazionali per il legno di costruzione, dalle famiglie povere per il legno da riscaldamento e come fonte di guadagno. La pressione demografica, a cui il discorso dominante imputa la responsabilità di questa situazione, è certo un vincolo notevole, la cui soluzione può e deve tuttavia essere trovata nell'educazione, soprattutto quella delle donne.

Quando ne va dei loro interessi, i potenti del mondo travestono i mali del pianeta in soluzioni, confiscano le risorse finanziarie e imbrogliano, definendo tra loro le regole del gioco. La fame - che colpisce 800 milioni di persone nel mondo, la maggioranza delle quali si trova in Africa - lancia
oggi più che mai una sfida ai sostenitori dello sviluppo durevole. La pandemia dell'Aids, che sta decimando le popolazioni del continente mentre potrebbe essere arginata, gliene lancia un altra, diretta anche alle élite africane, che continuano a sbagliare nella scelta dei propri partner.

Cosa ci possiamo aspettare dal vertice di Johannesbourg, in un contesto internazionale così segnato dall'unilateralismo degli Stati uniti, dal doppio linguaggio, dalle esitazioni e dai tradimenti dell'Europa, dall'onnipresenza, dall'ingerenza e dall'impunità dell'Fmi e della Banca mondiale in Africa, dalla corruzione, dalla miopia dei dirigenti africani e dalla strumentalizzazione dei tenetivi di organizzazione delle società? E' poco probabile che gli stati industrializzati, devastati dalle conseguenze dell'11 settembre e dalle valange di scandali finanziari di questi ultimi mesi (Enron, Worldcom, Xeros, Vivendi Universal, e così via) si mostrimo più attenti che in passato ai mali del nostro continente.

Come definire, allora, questa speranza legittima di  riacquisire i nostri diritti economici, politici, sociali e culturali, quando le parole suonano false? Perché non dare provare di creatività pescando, nel ricco patrimonio
linguistico del continente, concetti che parlano dell'umano e del suo ambiente e che abbiano senso per i popoli? Quello dello sviluppo (antinomico alla nozione di durabilità) e quello della globalizzazione liberale discendono dalla stessa logica disumanizzante. Si tratta, per l'Africa, di opporgli principi di vita, oltre a valori che privilegino l'umano: l'umiltà contro l'arroganza, la comprensione e la preoccpuazione per l'altro,
soprattutto nei confronti delle generazioni future, di fronte alla logica dell'ognun per sé.

Questo sfrorzo di creatività compete soprattutto alle organizzazioni delle società africane. Sono loro a dover far emergere una massa critica di cittadini e cittadine che afferrino la vera natura del sistema mondo, e
imprimano all'apertura politica un senso diverso dalla mercificazione dell'Africa.

settembre 2002

http://lists.peacelink.it/africa/msg02056.html

Condividi questa risorsa didattica

I giudizi degli utenti

Assenti

Aggiungi il tuo giudizio    Precedenti risultati   


  Iscriviti alla news
Ricevi in posta elettronica le novità e una selezione di risorse utili per la didattica.

Iscriviti qui


Novità
Le ultime risorse per la didattica catalogate ed inserite nel nostro database.

ENGLISH LESSONS AND TESTS.

"Progresso e catastrofe" - In due parole tutto il Novecento Recensione al testo di Salvatore Natoli di UMBERTO GALIMBERTI

Percorsi
Proposte di selezioni e percorsi fra le risorse e i materiali in archivio.

Percorsi
Feste e calendari multiculturali.
Calendari solari e lunari, festività religiose e tradizionali delle diverse culture.

Percorsi
Steineriane
Le ''scuole nuove'' della pedagogia steineriana, contrassegnate dal paradosso di un’accettazione pratica e di un’ignoranza teorica da parte degli stessi utenti e degli operatori della scuola pubblica, tra ''fedeltà karmica'', incarnazioni di individualità che ritornano sulla terra, bambini indaco e apparente buon senso pedagogico.

  Ambiente virtuale collaborativo in evoluzione ideato e sviluppato da Maurizio Guercio è una iniziativa DIDAweb