Tanzania - La povertà spinge i bambini nelle miniere
Condividi questo articolo


A CACCIA DEL TESORO
Testo di Marco Trovato - Foto di Alida Vanni

tra i baby-minatori della Tanzania










La tanzanite è un gemma rara e preziosa.
Si trova in miniere profonde e pericolose.
Dove centinaia di bambini scavano senza sosta.
Nella speranza di uscire dal tunnel


Hanno tra gli otto e i tredici anni. A vederli sparire sotto terra vengono i brividi: le gallerie dentro cui si infilano sono cunicoli stretti e fragili che potrebbero crollare da un momento all’altro. Basta un improvviso cedimento del terreno, un attimo di disattenzione o un movimento sbagliato per restare intrappolati a centinaia di metri di profondità. E finire inghiottiti dal buio, per sempre. Eppure i babyminatori non sembrano preoccupati per la loro sorte: sanno di aver poco da perdere e in ogni caso non hanno alternative che scendere negli abissi, per sopravvivere. È un lavoro sporco e pericoloso il loro. Un mestiere duro e imprevedibile, come lo sono i preziosi frammenti di tanzanite che si celano nel ventre della terra.


«Questa pietra splendente può cambiare la vita - spiega un giovane lavoratore della miniera - il problema è che per trovarla bisogna rischiare la vita tutti i giorni». Siamo nel villaggio di Mererani, vicino ad Arusha, nel nord-est della Tanzania, l’unica regione al mondo che dispone di giacimenti di zoisite, ovvero tanzanite, una gemma rara e pregiata dai sorprendenti rilessi blu e viola. Un’autentica ricchezza naturale scoperta alla fine degli anni Sessanta; un tesoro minerario d’inestimabile valore che viene portato alla luce, giorno dopo giorno, da una miriade di piccole imprese locali, affiancate dalla multinazionale sudafricana Afgem che dal governo di Dar es Salaam ha ottenuto in esclusiva lo sfruttamento dei giacimenti più ricchi.


Qui, fino a trent’anni fa, pascolavano le mandrie dei masai. Poi la savana è stata trivellata come un gruviera e le colline sono state sfregiate da strade polverose e squallide distese di baracche. Al posto dei pastori ora ci sono i minatori. Migliaia di minatori, tra loro tantissimi ragazzini. Vengono da ogni parte del Paese in cerca della pietra luccicante e sognano di accumulare ricchezze principesche nelle miniere di Mererani.


Sul mercato mondiale delle pietre preziose, la quotazione della tanzanite viene appena dopo quella dei diamanti - e prima di rubini, zaffiri e smeraldi - non a caso gli esemplari più scintillanti si trovano nelle migliori gioiellerie di Parigi, New York e Londra. Il colosso dell’oreficeria Tiffany l’ha fatta diventare un segno distintivo dei vip. Solo negli Usa il suo giro d’affari sfiora i cinquecento milioni di dollari l’anno. Ma ai piccoli minatori della Tanzania arrivano solo le briciole del business: il loro guadagno medio è di due dollari al mese.


Secondo stime delle organizzazioni umanitarie, tra i 1.500 e i 3000 baby-minatori sono impiegati nelle miniere tanzaniane, oltre 400 di loro si calano ogni mattina nelle gallerie sotterranee di Mererani. Qui i bambini sono molto richiesti, ed è facile intuire il perché: lavorano anche tredici ore al giorno, senza protestare né scioperare; riescono a infilarsi nei tunnel più stretti e fanno da rapida spola tra gli uomini in profondità e i rifornimenti in superficie. Il tutto per una manciata di soldi, perché la gran parte di questi babyminatori non ha famiglia né casa, ed è disposta a qualsiasi sacrificio pur di mangiare. «Vivono in condizioni disperate, esposti ad ogni genere di violenza e abuso - racconta Alida Vanni, la fotoreporter che ha scattato le immagini di questo servizio - sono costretti a calarsi nelle grotte senza alcuna protezione, senza stivali né guanti.


Arrivano fino a trecento metri di profondità con una precaria torcia sulla fronte, che potrebbe spegnersi da un momento all’altro: mi hanno raccontato di ragazzini dimenticati in fondo alle miniere e di altri uccisi dall’esplosione delle mine». Ma questi sono drammi destinati a restare sepolti nelle viscere profonde dell’Africa.


http://www.missionaridafrica.org/archivio_rivista/2005_02/01.htm



Condividi questo articolo

in Terra Straniera: Non abbiamo avuto lo stesso passato ma siamo condannati allo stesso futuroI due lupi dentro di noiNon nell'interesse del povero - Critica del rapporto della Christian Aid sui suicidi degli agricoltori in India<b>Not in the Interest of Poor </b> Critique of Christian Aid’s report on the Farmers’ suicides in IndiaTanzania - La povertà spinge i bambini nelle miniereAmica mia cara! Lettera a un'amica di Vira - Una donna in camminoIl Ténéré o il miraggio di una vita migliore - Viaggio ai margini della paura con i clandestini del Sahel<b>LE TÉNÉRÉ, OU LES MIRAGES D’UNE VIE MEILLEURE </b>- Voyage au bout de la peur.Nizar Qabbani tra Damasco e l’AndalusiaReport da Kabul di Edoardo Malagigi<b>Prigione</b> di Ndjock NganaVestiti che parlano - I messaggi cifrati dei kanga tanzaniani  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati