194: non per tutte?
Condividi questo articolo



194:
non per tutte?





 

Il Ministero della Salute, con una nota del 19 febbraio 2008 (1) ha messo fine ad una grave situazione di illegittimita', specificando con chiarezza che l'interruzione volontaria di gravidanza rientra fra le prestazioni mediche essenziali e urgenti e che deve essere garantita anche a chi non possa permettersi di pagare la prestazione.

 

Il problema e' nato piu' di un anno fa da una direttiva dello stesso Ministero (2) che, all'indomani dell'ingresso nell'Unione Europea di Bulgaria e Romania, negava - illegittimamente - il diritto alla interruzione volontaria di gravidanza gratuita alle cittadine neocomunitarie non iscritte al Servizio Sanitario Nazionale, o non in possesso della specifica certificazione comunitaria, cosiddetta "Team".

 

Inoltre la questione della non accessibilità gratuita all’IVG comprendeva anche
le donne extracomunitarie prive di permesso di soggiorno, ''clandestine''.

 

Ad oggi, l'unica regione italiana che si e' conformata alla precisazione ministeriale
e' quella del Lazio
(3).

 

Altre, infine, hanno deliberatamente ignorato la determinazione del Ministero della Salute, come la Regione Toscana che, con una decisione del 3 marzo 2008 (4) e una nota del 8 marzo 2008 (5), continua a consentire l'interruzione volontaria di gravidanza a titolo gratuito solo se "medicalmente necessaria".

 

 

 

(1) Nota del Ministero della Salute Prot. DG RUERI/II/3152-P/1.3.b/1:
http://www.aduc.it/dyn/immigrazione/nota-19febbraio08-ministeroSalute.pdf
(2) Direttiva del Ministero della Salute del 3 agosto 2007 (Protocollo DG RUERI/II/ 12712 11.3.b):
http://www.aduc.it/dyn/immigrazione/circ-salute-3-8-2007.pdf
(3) Regione Lazio: http://www.aduc.it/dyn/immigrazione/RegioneLazio.pdf
(4) Regione Toscana, Delibera N .152 del 03-03-2008: OGGETTO D.G.R. 717/2007 Assistenza sanitaria per cittadini di paesi neocomunitari. Proroga per l'anno 2008:
http://www.aduc.it/dyn/immigrazione/delibera-toscana-illegittima.pdf
(5) Nota prot. Q.080.150.68511 del 7 marzo 2008:
http://www.aduc.it/dyn/immigrazione/nota-regioneToscana-8marzo2008.pdf


Condividi questo articolo

in La mediazione femminile: Turkmenistan - E c'è chi fa la festa alla donna8 marzo: il fotoracconto di Save The ChildrenOltre un miliardo di donne al lavoro ma i diritti sono ancora un miraggio''Donne del Mondo: la bellezza sta nella lotta''Il mio vicino Radovan Karadzic194: non per tutte?India: il governo cerca di combattere l'aborto selettivo, che uccide duemila bambine al giornoParvin Ardalan: la mia lotta per la democraziaUn otto marzo in Iran - Dove sfilare non è cosa da donneUn ricordo di Penda Kebesi, la donna senegalese che si era data fuoco il 7 dicembre a Roma, durante la visita del presidente Wade, come atto estremo di protesta.PETIZIONE DELLA CAMPAGNA DELLE DONNE CONGOLESI CONTRO LE VIOLENZE SESSUALI IN RDC DESTINATA AI MEMBRI DELLA COMUNITA' INTERNAZIONALEIntervista a Fatima Bhutto, nipote della leader pachistana BenazirZanan (Donne)- La scure dei pasdaran sul giornale delle donneTroppe laureate, l'Iran vara le quote azzurreLe donne e i volti della migrazione  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati