Un ricordo di Penda Kebesi, la donna senegalese che si era data fuoco il 7 dicembre a Roma, durante la visita del presidente Wade, come atto estremo di protesta.
felice mometti
Condividi questo articolo


PENDA VIVRAI  PER  SEMPRE  NEI NOSTRI  CUORI  E  NELLE  NOSTRE  LOTTE


Émâge Wikimedia - Senegal baie de Dakar


Il 30 dicembre ci ha lasciato Penda Kebe, nostra cara sorella senegalese che viveva a Brescia dal 1996, madre di 5 figli.


Penda si era data fuoco il 7 dicembre a Roma, durante la visita del presidente senegalese Wade, come atto estremo di protesta contro le autorità del suo paese, per denunciare le discriminazioni e i soprusi subiti; in particolare l'ultimo abuso di potere che l'aveva profondamente scossa e ferita emotivamente era avvenuto l'estate scorsa quando Penda era stata arrestata a Milano dalla polizia italiana all'interno del consolato senegalese, cioè in territorio non italiano. Penda aveva litigato con il console perché reclamava procedure più veloci e più trasparenti per il rilascio dei passaporti e delle carte consolari ai migranti senegalesi; il console stesso dopo la lite aveva chiamato i poliziotti, facendoli intervenire in territorio senegalese per picchiarla ed arrestarla. Anche a
Roma, poco prima di darsi fuoco, Penda era stata bloccata e picchiata da alcuni  sostenitori e guardie del corpo del presidente Wade nell’atrio dell’ Hotel dove alloggiava.
Penda era parte integrante del movimento bresciano dei e delle migranti sempre presente, come protagonista, nelle lotte per i diritti e contro ogni forma di razzismo. Era una donna apprezzata ed amata dagli immigrati di ogni nazionalità e da tutti gli antirazzisti italiani.
La ricordiamo per il suo coraggio, per la sua ostinazione e determinazione, ma anche per i suoi balli, per la sua allegria, per la capacità di esprimere e sostenere le proprie opinioni con passione.
Perdiamo una sorella, un’amica e una compagna di lotta: lascerà un vuoto incolmabile.


Penda passerà da Brescia prima di tornare per sempre in Senegal. Per l’ultimo saluto ci troviamo lunedì  7 gennaio alle ore 19.30 al Residence Prealpino a  Bovezzo - Brescia


 


Coordinamento immigrati Brescia


Le comunità migranti di Brescia e Provincia

fonte: felice mometti  felmarg@tin.it



Condividi questo articolo

in La mediazione femminile: Turkmenistan - E c'è chi fa la festa alla donna8 marzo: il fotoracconto di Save The ChildrenOltre un miliardo di donne al lavoro ma i diritti sono ancora un miraggio''Donne del Mondo: la bellezza sta nella lotta''Il mio vicino Radovan Karadzic194: non per tutte?India: il governo cerca di combattere l'aborto selettivo, che uccide duemila bambine al giornoParvin Ardalan: la mia lotta per la democraziaUn otto marzo in Iran - Dove sfilare non è cosa da donneUn ricordo di Penda Kebesi, la donna senegalese che si era data fuoco il 7 dicembre a Roma, durante la visita del presidente Wade, come atto estremo di protesta.PETIZIONE DELLA CAMPAGNA DELLE DONNE CONGOLESI CONTRO LE VIOLENZE SESSUALI IN RDC DESTINATA AI MEMBRI DELLA COMUNITA' INTERNAZIONALEIntervista a Fatima Bhutto, nipote della leader pachistana BenazirZanan (Donne)- La scure dei pasdaran sul giornale delle donneTroppe laureate, l'Iran vara le quote azzurreLe donne e i volti della migrazione  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati