Scheda n. 339 - Consigli ai genitori per il corretto avvio dell'anno scolastico 2011©\2012

Scheda n. 339

Approssimandosi la scadenza per la formulazione delle richieste in organico di fatto all'Ufficio Scolastico Regionale ed agli Enti Locali per altre risorse dell'integrazione scolastica, sembra far cosa utile alle famiglie e alle Associazioni allegando alla presente un fac-simile di lettera pro©memoria da inviare ai dirigenti scolastici.

©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©©

Fac-simile di lettera per i dirigenti scolastici:

Ai Dirigenti degli Istituti Scolastici in indirizzo

Oggetto: tempestiva richiesta di ore aggiuntive di sostegno in organico di fatto ai sensi della C.M. n. 21/11 e di altre risorse.

Nello spirito di collaborazione tra famiglie e scuola, tra clienti ed Ente erogatore del servizio scolastico, ci permettiamo richiamare la Sua attenzione sulla necessit¨¤ di una tempestiva richiesta di cui all'oggetto ai fini dell'organico di fatto entro il mese di giugno.

Infatti tale Sua richiesta al Direttore scolastico regionale e agli Enti Locali, ove necessario, deve essere corredata di un sintetico progetto, redatto da tutto il Consiglio di classe, comprendente sia le ragioni della richiesta di ore aggiuntive di sostegno, sia gli obiettivi didattici che in una classe con numero ridotto di alunni e/o maggior numero di ore di sostegno si intendono perseguire, sia le metodologie didattiche e gli strumenti di verifica da realizzare per soddisfare le "effettive esigenze " di cui all' art. 1 comma 605 lettera b) della L. n. 296/06; ciò ai sensi e per gli effetti di cui alla L. n. 122/010 art. 9 comma 15 e art. 10 comma 5.

Ciò vale pure per la richiesta di ore di assistenza all' autonomia e alla comunicazione di cui all' art. 13 comma 3 legge n. 104/92, da rivolgersi al Comune o alla Provincia ai sensi dell' art. 139 del D.Lvo. n. 112/98.

Per le iscrizioni alla prima classe, però, non è possibile avere ora già l'individuazione del Consiglio di classe. Si chiede pertanto che il progetto venga predisposto dal gruppo di lavoro di Istituto di cui all¡¯art. 15, comma 2, Legge n. 104/92, eventualmente integrato dalle "funzioni - obiettivo" del P.O.F. sulla base della diagnosi funzionale depositata all¡¯atto dell¡¯iscrizione.

Per assicurare un contenuto del progetto più puntuale, riteniamo sia possibile anche un incontro dei componenti del GLH d¡¯Istituto con gli alunni con disabilità iscritti per la prima volta e con le loro famiglie e con i docenti della scuola dell¡¯anno precedente, ove presenti, ai sensi della C.M. n¡ã 339/92. Scheda n. 339 su www.aipd.it/cms/schedenormative Aggiornamento del 13/06/2011 pag. 2/2 __

Ci si permette di far presente che successivamente alla data del 31 luglio p.v., le richieste di ore aggiuntive potranno essere inoltrate dai singoli dirigenti scolastici ma solo "... esclusivamente a seguito di inderogabili esigenze, determinatesi successivamente alla data del 31 luglio" (C.M. in oggetto)

Siccome Lei ha già in Suo possesso i dati informativi per effettuare tempestivamente le richieste di ore aggiuntive di sostegno e di eventuale sdoppiamento di classi, o può procurarseli contattando le famiglie interessate, La preghiamo di voler provvedere con la massima sollecitudine possibile alle richieste.

Le chiediamo, inoltre, nell' eventualità di accorpamento di classi intermedie e finali dei corsi previsto dalla circolare in oggetto, di tener presente che, in base al dpr n. 81/09 art 4 e 5 comma 2, le prime classi frequentate da alunni con disabilità (e quindi le successive che da esse derivano) non possono avere più di 20, massimo 22, alunni, e, secondo le lineeGuida Ministeriali del 4 agosto 2009, non più di due alunni con disabilità .

Inoltre Le ricordiamo, qualora non sia già prassi della scuola da Lei diretta,, che, in base alla Nota Ministeriale prot. n. 4798 del 2005 richiamata dalle Linee Guida sull'integrazione scolastica del 4 agosto 2009, i Dirigenti Scolastici sono tenuti a organizzare nel periodo compreso fra il 1 settembre e l'inizio delle lezioni riunioni dei consigli di classe per programmare il PEI degli alunni con disabilità, avvalendosi, se ritenuto opportuno, anche della consulenza delle Associazioni di persone con disabilità e i loro familiari anche per specifici aggiornamenti di tutti i docenti di classe.

Queste nostre richieste si guardano bene dal pretendere deroghe e sdoppiamenti senza limiti; esse vogliono solo essere un contributo a garantire la sempre migliore qualità del servizio scolastico, che giova a tutti gli alunni, di cui l'integrazione degli alunni con disabilità parte ineliminabile.

Facciamo altresì presente che siamo disponibili a sostenere le richieste che Lei dovrà presentare al Comune o alla provincia nei casi di alunni che necessitino di assistenti per l'autonomia e la comunicazione ai sensi dell' art 13 comma 3 L. n. 104/92.

Siamo infine certi che l' Ufficio scolastico Le fornisca il numero di collaboratori e collaboratrici necessari per l¡¯assistenza igienica degli alunni che ne abbiano bisogno ai sensi della nota min. prot. N. 3390/01 e del CCNL del 2007 art 47, 48 e Tab. A, che Lei avrà già certamente richiesto.

Fiduciosi nella tempestività dei Suoi interventi, ci si dichiara disponibili a collaborare se ciò fosse da Lei ritenuto opportuno, e Le porgiamo distinti saluti.

Città, data

La famiglia o l'associazione cui la famiglia aderisce

13062011

Salvatore Nocera

Responsabile dell'Area NormativoGiuridica

dell'Osservatorio Scolastico sull'Integrazione dell'AIPD Nazionale

EMail: osservscuola.legale@aipd.it

Nessun commento



Lascia un tuo commento





<<<