Gli insegnanti di sostegno: ''I conti non tornano''

Dal Redattore Sociale


ROMA - Difficile riuscire a risolvere la questione degli insegnanti di sostegno quando i numeri dicono che i conti tornano: il ministro dell'Istruzione, infatti, ha confermato gli organici per l'anno 2009/2010 (oltre 90.000 docenti per circa 180.000 alunni disabili), che rispetta il rapporto medio di un insegnante di sostegno ogni due studenti disabili come vorrebbe la regola. "Peccato che la media aritmetica nazionale non fotografi però la situazione reale e non rispetti le esigenze effettive dei ragazzi – commenta Evelina Chiocca, una delle rappresentanti del Coordinamento degli insegnanti di sostegno (Ciis) ¬–. Abbiamo ricevuto infatti molte segnalazioni di classi in cui il rapporto tra docenti di sostegno e alunni disabili non viene rispettato”.

“In Sardegna, ad esempio – dice Giuseppe Argiolas, altro rappresentante del Ciis –, ci sono circa 2.400 insegnanti di sostegno per circa 4.500 studenti disabili. Sembrerebbe quindi tutto a posto se non fosse per l"esistenza di alcune classi in cui ci sono tre o quattro ragazzi disabili e un solo docente di sostegno. Inoltre le ore di sostegno sono poche”, continua Argiolas. Secondo le norme per la riorganizzazione della rete scolastica e del personale contenute nel dpr 81/2009, infatti, “le deroghe agli organici previsti vengono fatte non solo in base alle esigenze delle scuole, ma anche in base alla disponibilità economica. Ma quando e dove mancano i fondi è tutto vano”.

“Così facendo, però, si incentivano i ricorsi al Tribunale amministrativo regionale, che poi vengono vinti”, commenta Argiolas. Ed emblematica è la sentenza del Tar della Puglia che, a giugno, ha condannato l’Ufficio scolastico provinciale di Bari (che è un organo del ministero dell'Istruzione) a risarcire con 5 mila euro il "danno esistenziale" arrecato a una bambina disabile a causa dell'ingiustificata riduzione delle ore di sostegno subite rispetto all'anno precedente (il caso è accaduto nel circolo didattico statale "Armando Perotti"). “Si tratta di una delle prime sentenze in Italia che riconosce questo diritto, tutelando anche nella sostanza il diritto all’integrazione scolastica”, aveva commentato a caldo Vincenzo Falabella, presidente della Fish (Federazione italiana per il superamento dell'handicap) della Puglia. (vedi lancio successivo) (mt)
Insegnanti di sostegno: i conti tornano ma è in pericolo la continuità didattica
Per Nocera, vicepresidente della Fish, i tagli alla scuola provocheranno un effetto a catena. ''I docenti di ruolo rimasti senza cattedra 'si ricicleranno' come sostegno mentre quelli precari perderanno il posto''
ROMA - Insegnanti di sostegno: i conti tornano ma è in pericolo la continuità didattica. Se il ministero dell'Istruzione ha ribadito gli organici per l"anno scolastico 2009/2010 - oltre 90 mila docenti di sostegno per circa 180 mila studenti disabili, il che significa il rispetto su scala nazionale del rapporto di un insegnante ogni due studenti con disabilità -, per Salvatore Nocera, vicepresidente della Fish (Federazione italiana per il superamento dell’handicap), i tagli alla scuola provocheranno comunque un effetto a catena. Nel senso che "i docenti di ruolo rimasti senza cattedra 'si ricicleranno’ come sostegno mentre quelli precari, che finora sono andati avanti con contratti annuali, perderanno il posto. Naturalmente occorre un titolo idoneo per fare l’insegnante di sostegno”, precisa Nocera.

Ma con il turn-over dei docenti, “la continuità didattica è fortemente a rischio”. E questo fattore è molto importante per uno studente disabile. “Nel rapporto tra insegnante di sostegno e alunno, la conoscenza reciproca è spesso fondamentale, soprattutto quando si tratta di disabilità grave”, osserva il vicepresidente della Fish. E il personale assunto a tempo indeterminato per il prossimo anno scolastico (circa 4.300 insegnanti di sostegno che saranno di ruolo, di cui la maggior parte in Campania, Lombardia, Sicilia e Lazio) è solo la punta dell’iceberg. “Sui 90.469 insegnanti di sostegno previsti per l’anno 2009/2010, infatti, quelli in organico di diritto diventeranno così 62.766”, conclude Nocera. Gli altri docenti continueranno a essere precari. (mt)

Nessun commento



Lascia un tuo commento





<<<