COME CAMBIARE UNO STILE DI VITA NEGATIVO?

A Trento seminario con William Miller, "guru" del colloquio motivazionale

Convincere un fumatore a dire addio alle sigarette. Un giocatore d'azzardo a smetterla con le slot machine. Oppure un alcolista a considerare l'alcol come qualcosa di negativo.

Non è facile far cambiare stile di vita ad una persona. Servono capacità d'ascolto e abilità nelle relazioni, ma soprattutto è necessario conoscere gli "strumenti" giusti per motivare una persona al cambiamento.
Il 20 ed il 21 giugno sarà in Italia, ospite a Trentodel Centro Studi Erickson, il guru del "colloquio motivazionale": William R. Miller.
Lo psicologo americano nel 1983 ha gettato le basi di questa pratica, oggi diffusa a livello trasversale in diversi ambiti terapeutici. Nei primi anni Ottanta, durante un anno sabbatico in Norvegia, Miller ha scritto il primo modello di "colloquio motivazionale" avviando una sorta di rivoluzione copernicana: il paziente viene messo al centro, con l'operatore sociale che ha il compito di assisterlo, ascoltarlo e guidarlo verso il cambiamento. Un paradigma diverso rispetto a quello precedente, nel quale l'operatore era di fatto il demiurgo che induceva al cambiamento attraverso un processo nel quale c'era un "esperto" che si rapportava con un "soggetto passivo".

Storicamente sperimentato nel campo delle dipendenze (droga, alcol, tabacco...), il "colloquio motivazionale" è, come detto, sempre più utilizzato in diversi contesti terapeutici. Dalle dipendenze, alle difficoltà scolastiche fino alle malattie croniche, questo approccio permette di impostare l’intervento in modo diverso, senza che il paziente si senta giudicato e quindi demotivato.

Il punto di partenza è che ogni persona può essere aiutata a cambiare vita, ma affinché lo faccia dev'essere ascoltata e sostenuta in modo costruttivo.
Durante il seminario verranno presentate tecniche che consentono agli operatori sociali di lavorare sulla motivazione delle persone in diverse fasi del processo di cambiamento, dall’insorgere della consapevolezza del problema e della possibilità di un cambiamento, alla determinazione a impegnarsi seriamente in pratica, fino alla costruzione di nuovi stili di vita.


Oltre a William Miller, saranno presenti Gian Paolo Guelfi, psichiatra, Membro di Motivational Interviewing Network of Trainers, e Valerio Quercia, responsabile delNucleo Operativo Tossicodipendenze della Prefettura di Rieti, Membro di MotivationalInterviewing Network of Trainers.


Programma completo
: http://bit.ly/ColloquiMotivazionale

Permaggiori informazioni:

ufficiostampa@erickson.it

Segreteria organizzativa

Centro Studi Erickson

Via del Pioppeto 24, fraz. Gardolo – 38121 Trento

tel. 0461 950747 - fax 0461 956733

e-mail: formazione@erickson.it

Nessun commento



Lascia un tuo commento





<<<