Tag: Scuola - anno scolastico 2016-2017
Patrimonio Mondiale nella scuola
Ufficio Stampa Assoc. Beni Italiani Patrimonio Mondiale UNES - 29-08-2017
Con l'inizio della scuola per l'anno 2017/2018 festeggia il suo primo compleanno il progetto "Patrimonio Mondiale nella #scuola", curato e promosso dall'Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale UNESCO in collaborazione con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.
Coltivare il futuro: cibo e scienza verso le nuove prospettive
Lisa Zancaner - 18-08-2017
Nel ponte che unisce lo studio alle applicazioni delle materie scientifiche, nasce un progetto che si inserisce nella promozione della cultura tecnico-scientifica, in particolare le biotecnologie e il settore agroalimentare, per fornire nuove prospettive sui temi quanto mai attuali, dalla produttività agricola, alla sostenibilità dell'ambiente, dalla salute della popolazione allo sviluppo economico.
L'insegnamento non è una missione .. e allora?
Enrico Maranzana - 06-08-2017
Gli insegnanti non sono dei missionari. Una tesi dimostrata con il rigetto dei caratteri che qualificano l'attività del missionario. Il versante della professionalità del docente é inesplorato: un'omissione che occulta le magagne della progettazione, del governo e della gestione dell'istituzione scolastica.
La ritirata del Ministro Fedeli
Gianfranco Scialpi - 13-07-2017
Riprendo due dichiarazioni del Ministro Fedeli:
" Se si vuole dare rilancio agli investimenti per la scuola e per la formazione l'aggancio e' l'investimento sulla qualità delle retribuzioni dei docenti, una delle professionalità più importanti del ...
Si scrive bonus e si legge tappo
Bianca Maria Cartella - 02-06-2017
E si, la Buona Scuola ci ha insegnato anche questo!
Funziona così: alla fine dell'anno scolastico, alcuni docenti risultano meritevoli. Altri no. Allora succede che alcuni - i meritevoli - diventano destinatari di un premio in denaro...
Galli della Loggia e il tabù della bocciatura da infrangere
Vincenzo Pascuzzi - 10-05-2017
Non si può, non è realistico tornare a bocciare in modo massiccio e all'improvviso, né tanto meno per iniziativa di singoli docenti, presidi o scuole. La bocciatura - secondo me - è peggio della promozione d'ufficio, non è comunque soluzione praticabile, interviene
Io non sarò complice.
Bianca Maria Cartella - 04-05-2017
Il 19 aprile 2017 una nota del MIUR informa gli USR della necessità di convocare i Collegi dei Docenti in tutte le scuole di ogni ordine e grado per "procedere all'esame comparativo delle candidature dei docenti titolari su ambito territoriale".
Non decolla l'alternanza scuola-lavoro, numerose le denunce di sfruttamento
Piero d'Avigo - 23-03-2017
Studenti che finiscono in agenzie immobiliari a fare i telefonisti. Altri a cui tocca pulire i tavoli o i bagni nei ristoranti. Altri ancora che fanno fotocopie, volantinaggi o catalogano archivi e biblioteche. E' l'alternanza scuola-lavoro "all'italiana". Ovvero come vanificare un'ottima occasione - almeno sulla carta - di formazione e di inserimento nel mondo del lavoro attraverso lo sfruttamento di molti studenti come manovalanza gratuita.
Imparare a imparare: equipaggiati per il futuro
Ufficio Stampa Flipnet - 06-02-2017
Convegno Internazionale di Classe Capovolta: Venerdì 24 febbraio all'Auditorium del Massimo di Roma. 1.000 docenti, provenienti da tutte le scuole d'Italia, prenderanno parte al meeting per discutere di nuovi scenari educativi e per presentare modelli innovativi e creativi di fare scuola.
Domandona: ha ancora senso parlare di scuola?
Gianfranco Scialpi - 24-01-2017
Ormai sono diversi decenni che il prodotto scolastico declinato nella preparazione umanistica, scientifica e tecnologica... non interessa! Da tempo viviamo in un contesto dove conta ciò che è utile e serve nell'immediato. In altri termini, decretando la fine della cultura, si è ucciso il futuro ...
Continuità didattica? Cos'era?
Riccardo Ghinelli - 19-01-2017
La continuità didattica nella scuola italiana non c'è più dal 2003 perché il Ministro Moratti, presa forse da un impeto di giustizia ma più probabilmente da più concrete esigenze di cassa, decise di far sparire le "cattedre orario", cioè quelle con orario inferiore alle diciotto ore.
Il Ministro Tullio De Mauro (1932-2017)
Francesco Di Lorenzo - 09-01-2017
Tullio De Mauro diventa ministro il 25 aprile del 2000. Durerà in carica fino all'11 giugno del 2001. Massimo D'Alema si è appena dimesso da capo del governo, Luigi Berlinguer si è giocato tutta la sua popolarità con il concorsone. Il suo partito non l'ha riconfermato. De Mauro è professore universitario. È un insigne linguista. In campo accademico detiene un grande potere, che gli deriva da uno sterminato curriculum e da un'estrema serietà professionale. Le sue idee sulla scuola sono molto ben definite. Sembra naturale che possa dare un contributo importante alla scuola italiana. Il suo è un traguardo ampiamente meritato. Nella sua carriera si è sempre interessato della scuola viva, quella di tutti i giorni. Insomma, le persone che si intendono di scuola lo conoscono bene e hanno fiducia in lui. Una parte, però, non tutti.
È in arrivo la Corta scuola: wow!
Vincenzo Pascuzzi - 10-11-2016
Se dovesse andare a regime, le conseguenze sarebbero: 2 o 3 mld di risparmio all'anno, 40.000 docenti in meno e 450mila/anno diplomati quadriennali sicuramente meno preparati, formati e maturi degli attuali.
Qualcosa qui non va!
Francesco Di Lorenzo - 08-10-2016
A un anno esatto dalla sua entrata in scena, ormai sappiamo per certo che la 'buonascuola' non ha fatto breccia nel cuore degli insegnanti italiani. Smascherato l'inghippo, il sorriso della ministra Giannini si scontra con il malcontento generale. Di buono nella 'buonascuola' non c'è niente, quindi non si può stare allegri. Il mantra della stabilizzazione di migliaia di precari non ha sortito, come sperava Renzi, l'apertura verso la sua riforma, non ha donato uno sguardo benevolo su un'idea di scuola impresentabile, in fondo, un qualcosa senza radici né futuro. E mentre i giovani tra i 15 e i 29 anni che non hanno lavoro e non vanno a scuola sono arrivati al 27%, la multinazionale Apple investe in un centro di ricerca a Napoli, nel sud dell'Italia, dove la crisi economica è più acuta. E dove l'abbandono scolastico e la percentuale di neet sono da primato. Un modo o un aiuto per uscirne?
3a Conferenza Internazionale progetto TTTNet. Studiare le materie scientifiche conviene. A tutti.
Chiara Fossati - 30-09-2016
Verona, 7 e 8 ottobre 2016. L'obiettivo è affascinare e avvicinare sempre più gli studenti alle materie scientifiche per formare gli specialisti del domani e fornire agli insegnanti nuove idee e strategie per migliorare le loro competenze nelle STEM (science, technology, engineering, mathematics).
Da Bari a Siena e Poggibonsi, e la famiglia e i figli?
Elisabetta di Acquaviva - 19-09-2016
Aassunta in ruolo (fase C) nell'anno scolastico 2015/2016 su posto A061 Storia dell'Arte e con anno di prova svolto presso IISS "Giulio Cesare" di Bari, per effetto della mobilità dell'organico di fatto 2016/2017 assegnata all'ambito TOSCANA 24 (Siena e provincia).
Selezione interventi
Autori