tam tam |  curiosità  |
Il gioco del calcio in questa nostra bella Italia
dalla stampa - 11-02-2006
"Ordine, Educazione, Pulizia"...

- ...Nostalgia del Real o anche di Madrid?

- Soprattutto di Madrid. A quei tempi, dieci anni fa, si respirava un'aria effervescente, l'aria del Paese che, in Europa, stava facendo i progressi più grandi. Quando sono tornato in Italia, mi è sembrato di avere fatto dei passi indietro: questo paese dorme".

- La Spagna in sintesi?

- Il calore e la creatività latina regolati da un ordine rigoroso. L'ordine che viene da Franco.

- Franco era un dittatore.

- Ma ha lasciato in eredità l'ordine. In Spagna funziona tutto e funziona bene, ci sono educazione, pulizia, rispetto e poca burocrazia. Dovremmo prendere esempio...

(dall'intervista a Fabio Capello, allenatore, su Repubblica)

...All'interno dello stadio, prima e durante la partita, sono comparsi nella curva degli ultras romanisti, striscioni che innegiavano ai forni crematori, bandiere naziste, svastiche, croci celtiche e drappi con il ritratto di Mussolini e anche immagini della capra istriana... Il vice premier, Gianfranco Fini, non crede che sia una
questione politica... In molti sostengono che, in presenza di fatti del genere, le partite andrebbero fermate...

(da Il Piccolo del 31/1/2006)

...si trovavano attorno agli striscioni e ai simboli nazisti apparsi domenica nella curva sud dell'Olimpico prima di Roma-Livorno, dalle svastiche al lugubre «Gott mit uns» e all'inquietante «Lazio Livorno stessa iniziale stesso forno»... Ponte Duca d'Aosta, prima del passaggio dei pullman livornesi: lì c'era il materiale per l'agguato, sei bottiglie molotov e lo striscione con la scritta «V'avemo bruciato vivi» che sarebbe servito per l'agghiacciante rivendicazione dalla curva...

(da il manifesto del 1 Febbraio 2006)


discussione chiusa  condividi pdf