GRAZIE!
Associazione dei genitori di Chiaravalle - 30-08-2005
CHIARAVALLE LI' : 23/07/2005

AL SEGRETARIO GENERALE NAZIONALE C.G.I.L.
GUGLIELMO EPIFANI

Corso D'italia, 25 - 00198 ROMA

AL SEGRETARIO GENERALE C.G.I.L. SCUOLA
ENRICO PANINI

Via Leopoldo Serra, 31 - 00153 ROMA

AL SEGRETARIO GENERALE FLC C.G.I.L. MARCHE
ANNA MARINARI

Via I Maggio 142/a - 60131 ANCONA

AL SEGRETARIO GENERALE C.G.I.L. MARCHE
GIANNI VENTURI

Via I Maggio 142/a - 60131 ANCONA

AL SEGRETARIO DELLA C.d.LT DI ANCONA
C/O LA C.G.I.L. REGIONALE MARCHE
MARCO MANZOTTI

Via I Maggio 142/a - 60131 ANCONA

AL SEGRETARIO PROVINCIALE DELLA SCUOLA
C/O LA C.G.I.L. REGIONALE MARCHE

Via I Maggio 142/a - 60131 ANCONA

AL SEGRETARIO GENERALE CGIL SCUOLA ANCONA
Via I Maggio 142/a - 60131 ANCONA

E. p.c. AL SEGRETARIO GENERALE
DELLA CISL SCUOLA MARCHE

Francesca Conti
Via dell'Industria, 17 - 60131 ANCONA

E p.c. AL SEGRETARIO GENERALE
DELLA UIL SCUOLA MARCHE
Rita De Dominicis

Via XXV Aprile - 60121 ANCONA

E p.c. AL SEGRETARIO REGIONALE MARCHE
DELLA SNALS Paola Martano

VIA LATA, 3
60121 ANCONA

E p.c. AL DIRETTORE GENERALE
DELL'UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE
DELLE MARCHE (MIUR)
MICHELE DE GREGORIO

Via XXV Aprile, 19 - 60100 ANCONA

E p.c. AL DIRIGENTE SCOLASTICO
DELL'I.C. ANCONA CENTRO SUD-EST
EBE FRANCIONI

VIA CADORE, 1 - 60100 ANCONA


OGG: VS. LETTERA SR/20050406/1522 DEL 6.4.05 INDIRIZZO METODOLOGICO DIDATTICO DIFFERENZIATO MONTESSORIANO A CHIARAVALLE (AN).


Con riferimento all'oggetto, si ringrazia vivamente per le promesse che avete clamorosamente disatteso!

Nonostante ad aprile 2005 scrivevate testualmente: " ...per la CGIL la tutela delle prerogative e dei diritti dei lavoratori non sono altra cosa rispetto alla difesa e promozione dei diritti di cittadinanza..."

E " ...la Confederazione Provinciale e Regionale insieme alla FLC si stanno dunque adoperando in queste settimane è questa l'assicurazione che ci sentiamo di trasmettervi non solo affinché la soluzione che in qualche modo è stata trovata per garantire entrambi i diritti non venga messa in discussione, ma anzi per individuare eventuali ulteriori modalità organizzativo-funzionali che possano ancor meglio garantire nel tempo l'esercizio di tali prerogative..."

E infine " ...l'impegno di incontrarci quanto prima per verificare insieme (così come faremo con gli operatori) la percorribilità del percorso indicato,..."

NON SOLO nessuno di Voi ci ha mai convocato, ma anzi il Vs. legale ha ancora una volta sostenuto l'ennesimo ricorso al TAR Marche, nello specifico il nr. 521 del 20.6.05, proposto da 56 insegnanti del consueto collegio dei docenti dell'I.C. Chiaravalle-Camerata Picena contro la III^ sezione di scuola dell'infanzia ad indirizzo didattico differenziato montessoriano, mettendo in forti difficoltà altre 41 famiglie, oltre a quelle che avevate messo in difficoltà l'anno scorso (nr. 44) ed a quelle dell'anno ancora precedente (nr. 20) attraverso un altro ricorso al TAR Marche.

Ancora una volta assumete pubblicamente precisi e lodevoli impegni e dopo pochi giorni, in maniera scorretta e poco trasparente, il Vs. Sindacato sostiene energicamente ed instancabilmente siffatte azioni portate avanti da un collegio dei docenti che a questo punto fa molto pensare!

Questo Vs. atteggiamento lascia a dir poco perplessi ed amareggiati!

Si ricorda che la questione della SCUOLA PUBBLICA AD INDIRIZZO MONTESSORIANO a Chiaravalle ormai coinvolge oltre 200 famiglie!!

Si ricorda che, grazie all'ordinanza di sospensiva della III sezione di cui all'oggetto, ci sono DUE INSEGNANTI, GIA' NOMINATE, CHE PERDONO IL POSTO DI LAVORO (non la comoda sede sotto casa, bensì il posto di lavoro!).

Ma forse tutto questo, oltre ai diritti costituzionalmente garantiti dei genitori/lavoratori di Chiaravalle nuovamente calpestati, a Voi non interessa!


Tutti I genitori di Chiaravalle coinvolti ed interessati

L'associazione dei genitori di Chiaravalle "Genitori & Scuola"

discussione chiusa  condividi pdf

 Associazione genitori di Chiaravalle    - 31-08-2005
Si commenta da solo il silenzio del Sindacato, a tutti i livelli, come ennesima dimostrazione del disinteresse assoluto per i problemi concreti.