Referendum?
Anita - 26-04-2004
Vi sottopongo una notizia saputa da poco e presente sul sito della Cisal Scuola.
Vorrei saperne qualcosa pių, dal momento che non ho trovato grande eco nč sulla stampa, nč in Internet.
Qual č la data prevista?
Quale la formulazione della domanda?
Com'č che non se ne parla?
A me sembra una cosa molto importante, un modo per dare voce e capitolo alla base tutta quanta e anche magari per farci un pō di conti in tasca.
Grazie per il vostro interessamento e ciao.



Comunicato della CISAL Scuola-FSU 30 marzo 2004:

deciso dal Consiglio Nazionale all'unanimitā la indizione di un referendum abrogativo avverso la L.53/03 primo passo della riforma Moratti.

Il Consiglio Nazionale della CISAL Scuola nella seduta del 27 marzo 2004 dopo ampia ed attenta discussione in merito alle azioni da intraprendere conseguenzialmente al giudizio negativo espresso su tutto l’impianto riformistico del Governo in materia scolastica, sollecitato dal generale malcontento proveniente dalla categoria;

preso atto

dell'atteggiamento del Governo e del Ministro Moratti di totale preclusione rispetto alle proposte alternative di riforma della scuola italiana ;
della continua ingerenza operata nelle materie del rapporto di lavoro riservate alla contrattazione collettiva del Comparto scuola con atti normativi ;

della inascoltata richiesta di procrastinare la decorrenza iniziale della prima parte della riforma Moratti giā fissata per l'anno scolastico 2004-2005;

della mancata risoluzione del problema del precariato affidato ai tempi imprevedibili del Parlamento che rischiano di rendere vana la disponibilitā dei 15.000 contratti a tempo indeterminato dal settembre 2004 ;

del grave disorientamento del personale della scuola di fronte a proposte non condivise e mai sottoposte ad una consultazione preventiva presso le istituzioni scolastiche inascoltate in questo pseudo processo di riforma che rischia di assestare alla scuola italiana il colpo di grazia definitivo;

considerate le contraddittorie e discutibili iniziative intraprese dagli altri sindacati della Scuola corresponsabili degli insuccessi della politica scolastica in tutte le sedi sia istituzionali che contrattuali, che hanno evidenziato la loro incapacitā a risolvere questioni di grande importanza per il personale della scuola italiana, tra cui la tanto attesa definizione del sistema di progressione di carriera degli insegnanti ;

in conformitā della valutazione espressa dalla Segreteria Nazionale della CISAL Scuola in data 17 marzo 2004 che aveva rimesso ogni decisione in merito al Consiglio Nazionale preventivamente convocato ;

preso atto dello sciopero generale proclamato dalla Confederazione CISAL per il giorno 26 marzo 2004;

delibera

la indizione di un referendum popolare abrogativo della legge n°53 del 2003 primo atto della riforma Moratti

Roma 30 marzo 2004.


interventi dello stesso autorediscussione chiusa  condividi pdf

 Redazione    - 26-04-2004
Grazie a te per la segnalazione. Abbiamo inviato richiesta di ulteriori informazioni ai responsabili del sindacato autonomo, affiliato alla Cesi, Confederazione Europea dei Sindacati indipendenti.
Comunicheremo al volo le risposte che perverranno.

 Redazione    - 01-05-2004
Purtroppo a distanza di giorni non abbiamo ricevuto nessuna risposta dalla Cisalscuola, nč abbiamo raccolto ulteriori informazioni al riguardo. Sconosciuto :)
Abbiamo invece saputo di un appello rivolto ai sindacati ANP, CGIL, CISL, COBAS, GILDA, UIL, SNALS, UGL perchč promuovano e realizzino "tra le altre iniziative e entro la fine e di quest'anno scolastico, un referendum consultivo sulla riforma".
Il testo completo č visionabile e sottoscrivibile a questo indirizzo.