La normativa inclusiva nella nuova legge di riforma scolastica
Salvatore Nocera, N. Tagliani - 16-09-2015
La casa editrice Key ha pubblicato l'instant book

La normativa inclusiva nella nuova legge di riforma sulla "buona scuola"
di Salvatore Nocera e Nicola Tagliani

Trattandosi di una legge appena pubblicata, la cui interpretazione non è ancora sorretta dal supporto di interpretazioni giurisprudenziali, abbiamo tentato di effettuarne una lettura a caldo, basandoci sull'esperienza quotidiana di consulenza a famiglie, dirigenti scolastici e docenti ed operatori di associazioni, enti ed istituzioni territoriali, realizzata presso la sezione legale (Nocera) e psicopedagogica (Tagliani) dell'Osservatorio Scolastico dell'AIPD (Associazione Italiana Persone Down).
Abbiamo voluto offrire nel primo capitolo una mappa di lettura dell'ampia materia ammassata informalmente nei 212 commi dell'unico articolo di cui si compone la legge; ciò al fine di avvicinare i lettori a prendere confidenza con una materia tanto vasta e varia.
Nel secondo capitolo abbiamo evidenziato le principali novità normative introdotte, cercando di accennare al clima culturale e politico in cui tali novità sono state imposte, anche se con qualche compromesso, dal Governo.
Nel terzo capitolo ci siamo concentrati sull'analisi dei possibili contenuti del decreto delegato che la legge prevede debba essere emanato sulla revisione della normativa inclusiva. In applicazione dei principi contenuti nella delega, sono state ipotizzate delle soluzioni, de jure condendo, applicative degli stessi che riteniamo possano migliorare la qualità inclusiva delle scuole italiane, sperando che esse trovino una qualche udienza negli estensori istituzionali dei contenuti del decreto delegato.
Il nostro lavoro espositivo ed interpretativo mira a facilitare l'utilizzo della nuova legge di riforma da parte non solo degli operatori della scuola, ma anche delle famiglie e degli operatori delle organizzazioni del Terzo Settore, al quale la legge fa continuo riferimento, per ottenerne la collaborazione per le attività durante l'apertura pomeridiana delle scuole, durante le vacanze e per l'alternanza scuola-lavoro, fortemente volute dal legislatore.
Anche gli operatori del diritto potranno trovare spunti utili per l'applicazione delle norme contenute nella riforma e nei numerosi decreti applicativi e saremo grati a quanti vorranno fornirci interpretazioni diverse dalle nostre. Se così fosse, saremo lieti di aver positivamente contribuito, con le nostre piccole forze, al dibattito sulla riforma della "buona scuola".



discussione chiusa  condividi pdf