Un memorandum per il ministro Stefania Giannini
Enrico Maranzana - 04-04-2014
Commentando gli indirizzi programmatici del Miur mi sono chiesto: perché la volontà del legislatore non ha prodotto i risultati attesi?

Le difficoltà che gli studenti incontrano nello studio della matematica, identificate da Domenico Lenzi, forniscono un'appropriata chiave di lettura del mondo della scuola: "Uno dei principali inconvenienti del crescere e diventare adulti è quello di rinchiudersi in schemi mentali che spesso sono difficili da scardinare. La tensione verso nuove conoscenze - tipica dei primi anni di vita - finisce con l'affievolirsi, rendendo difficili ulteriori apprendimenti e l'adattamento a situazioni che non rientrino negli schemi che ci si è precostituiti. In definitiva, nell'essere umano scatta una comprensibile forma di difesa psicologica verso il nuovo, in alcuni casi necessaria, dato che non tutte le novità sono degne d'attenzione; una difesa che rientra nel principio della ricerca del minor dispendio. Tuttavia, quand'anche situazioni nuove e nuovi concetti riescano a superare le prime linee difensive dell'individuo, questi corrono il rischio di essere fraintesi a causa dell'incapacità di condurre analisi efficaci, che quasi sempre si accompagna alla mancanza di apertura mentale."

Una situazione che si sovrappone alla perfezione a quella relativa all'innovazione scolastica: la fissità mentale, ovvero l'incapacità d'attribuire agli oggetti funzioni diverse da quella svolte tradizionalmente, è all'origine delle resistenze che sono e che sono state frapposte a tutte le riforme che il legislatore ha elaborato e introdotto.

Quale itinerario percorrerebbe una personase si cimentasse razionalmente con l'ammodernamento della gestione di una scuola?

Leggi qui l'intero contributo in formato pdf, corredato da immagini.


interventi dello stesso autore  discussione chiusa  condividi pdf