L'esempio degli educatori
Laura Alberico - 06-10-2012
Rabbia e indignazione per i mali della societÓ cosiddetta "civile". Politica e istituzioni non pi¨ sull'orlo dell'abisso ma crollati ormai sotto menzogne, coperture, connivenze e imbrogli. Tutto questo alla luce del sole, un sole malato come le coscienze che dovrebbero rappresentare e dar voce alle esigenze, alle necessitÓ spesso urgenti per i diritti negati. Cosa si pu˛ insegnare ai giovani? Anche le favole, i miti, gli ideali sono diventati mostri di una realtÓ capovolta dove i doveri e i diritti sono vuoti contenitori di parole inutili. Quelle parole che gli educatori usano per spiegare, illustrare e inventare un mondo forse veramente esistito ma impossibile da recuperare. Educatori- archeologi che, nonostante tutto, hanno la passione di dar vita a frammenti di un passato che riusciva a dare un colore al futuro. L'esempio Ŕ duro a morire, resiste alla fragilitÓ della condizione umana, semina ancora qualche speranza per un mondo migliore. PerchŔ le parole possono essere dimenticate, ignorate o calpestate, ma lasciano sempre un segno, possono maturare e dare significato al senso della giustizia, una bilancia sulla quale da troppo tempo non riusciamo pi¨ a vedere l'equilibrio di una "giusta" realtÓ.
interventi dello stesso autorediscussione chiusa  condividi pdf