tam tam |  sociale  |
Protezione Civile: la protesta contro Bertolaso e la sua SPA
Osservatorio civile - 16-02-2010
OSSERVATORIO CIVILE
COMUNICATO STAMPA

SINDACATI, ASSOCIAZIONI, PARTITI, MOVIMENTI E COMITATI
IN PIAZZA A ROMA E IN ASSEMBLEA ALL'UNIVERSITA' LA SAPIENZA

I giudici sanzioneranno le responsabilitÓ penali, individuali, in capo a imprenditori, funzionari della Protezione civile e a Guido Bertolaso. Ma da subito si pu˛ e si deve discutere sulle responsabilitÓ politiche.

Con la gestione di Guido Bertolaso la Protezione civile italiana Ŕ stata snaturata. Bertolaso ha abbandonato la previsione e prevenzione delle calamitÓ naturali, come dimostrano le stragi ampliamente prevedibili di L'Aquila e Messina; ha messo in un angolo le componenti fondamentali della Protezione civile: volontari, vigili del fuoco, enti locali.

La protezione civile di Bertolaso ha agito per anni da governo parallelo, sospendendo le leggi per realizzare grandi appalti nei quali, con facilitÓ, si sono introdotti imprenditori senza scrupoli. In Campania ha contribuito all'avvelenamento del territorio, agendo in deroga a tutte le norme su salute e ambiente e nascondendo questa illegalitÓ dietro il segreto militare.

Per questo, ben prima degli scandali di cui parlano i giornali, Bertolaso si deve dimettere. E il governo deve abbandonare il proposito di far approvare il decreto sulla Protezione civile Spa. Contro questo provvedimento sono mobilitati sindacati, associazioni, partiti, movimenti e comitati che hanno sottoscritto l'appello di osservatoriocivile.
E che il 18 febbraio, alle 10.00, saranno a piazza Montecitorio per dire no all'approvazione della Bertolaso Spa. Nella stessa giornata, alle 15,30, nella facoltÓ di Scienze Politiche della Sapienza, si svolgerÓ un'assemblea di tutte le realtÓ che hanno sottoscritto l'appello.

Per informazioni: osservatoriocivile
Per adesioni: noallaprotezionecivilespa@gmail.com

discussione chiusa  condividi pdf