tam tam |  sociale  |
Bastano gli incentivi?
Segreteria PD - 24-10-2008
COMUNICATO STAMPA

Giustizia, Ferranti: su sedi disagiate ennesimo provvedimento manifesto del governo.

"Inefficace, un ennesimo provvedimento manifesto che non contribuisce al miglioramento della funzionalità del sistema della giustizia e che non risolve il problema delle carenze di organico nelle sedi disagiate".

Così la capogruppo del Pd nella commissione Giustizia della Camera, Donatella Ferranti, giudica il decreto legge governativo in discussione alla Camera in materia di funzionalità del sistema giudiziario, che prevede incentivi per i magistrati che chiederanno il trasferimento in nelle sedi disagiate.

"Nel corso delle audizioni parlamentari è emerso chiaramente che davanti alla gravità della questione - oltre il 40% delle sedi giudiziarie nei distretti a maggior rischio di criminalità organizzata si trova con una pianta organica incompleta - il provvedimento del governo è inefficace perché si limita a prevedere incentivi economici e di carriera senza introdurre correzioni a quella norma che prevede il divieto di assegnazione dei magistrati di prima nomina alle funzioni requirenti e alle funzioni monocratiche penali, comprese quelle di giudice per le indagini preliminare e di giudice dell'udienza preliminare. Non correggere questa norma, che rappresenta una delle cause del problema, vuol dire non dare fiducia ai circa 300 magistrati di prima nomina che a breve entreranno in servizio e che potrebbero essere destinati proprio ai posti vacanti nelle sedi disagiate. Non si tratta - conclude - di 'giudici ragazzini' ma di donne e uomini, perlomeno trentenni, che hanno maturato un'alta preparazione teorica e pratica anche nel corso dei tirocini presso gli uffici giudiziari a cui la società".

Roma, 23 ottobre 2008

discussione chiusa  condividi pdf