Il riformista e la scuola
Francesco Di Lorenzo - 03-10-2008
Dobbiamo imparare di nuovo ( ma è eterno refrain) che cos' il riformismo. Allora, il riformismo è " la reale capacità di intercettare le aspirazione degli elettori e dei ceti sociali più dinamici e orientati alla modernizzazione del paese". E nella scuola, in breve, il riformismo significa ritornare al maestro unico, perché la sua abolizione fu dettata ( quando fu fatta) esclusivamente da ragioni sindacali.
Questo ci dicono i grandi intellettuali che fanno opinione sui giornali nazionali.
E allora via.
il riformismo è :
• smetterla nella scuola con le grandi narrazioni sindacali, specialmente cgelline ( che non si sa cosa significhi);
• smetterla con il prendersela sempre con il capo dell'opposizione e con il ministro competente (?);
• assolutamente non pensare che lo stesso capo pochi mesi fa, voleva comprare con i soldi alcuni senatori perché affondassero il governo in carica;
• pensare in modo deciso che tutto va bene, mentre nella scuola di tuo figlio mancano gli insegnanti (ma non si dice, altrimenti che riformista sei?);
• far finta di non capire che è una stronzata dire che si salva il tempo pieno ma si licenziano le maestre ( non pensare neanche lontanamente che il tempo pieno è per le maestre, infatti non lo ha detto nessuno);
• sapere da sempre che l'Università è in mano a famiglie di imbroglioni, ma sorridere quando lo si legge sui giornali e dire che è solo un caso, altrimenti non sei riformista?
• non accennare al fatto che meritevoli per il ministro Gelmini sono gli insegnanti che non la contestano, quindi possono far carriera come ha fatto lei ( ma ci sarà un ingorgo);
• far finta che con l'autorità, nella scuola, si risolvono tutti i problemi;
• smetterla di pensare che tutti devono andare a scuola, non sta scritto da nessuna parte ( deve essere scritto proprio così, altrimenti non vale);
• dire in modo concitato che abbiamo dato il diploma ad una massa di ignoranti, ma non spiegarsi in alcun modo il perché;
• non parlare ( e non pensare anche) di integrazione, multiculturalità e altre stupidità del genere, sono concetti superati;
• far finta che il problema dell'immondizia a Napoli sia stato risolto, perché qualcuno ha detto che il problema dell'immondizia a Napoli è stato risolto;
• alimentare le pulsioni di paura dell'altro per far carriera politica.
Gli ultimi due non c'entrano niente con la scuola, ma chi se ne frega. Il riformista non si ferma davanti a niente.
In ultimo il riformista è colui che tra qualche tempo percepirà che qualcosa non va e comincerà a chiedersi, ma perché nella società manca il senso civico? Perché si è perso l'istinto alla solidarietà sociale? Perché in generale manca la cultura?
Appena formulate queste domande, il riformista doc dovrebbe scoppiare per dissolversi nel nulla.


interventi dello stesso autorediscussione chiusa  condividi pdf