breve di cronaca
Mobilitazione Cobas
Adnkronos - 25-09-2008
COBAS, DOMANI GIORNATA DI MOBILITAZIONE CONTRO PIANO GELMINI

Roma, 25 set. (Adnkronos) - Prosegue la mobilitazione permanente dei Cobas contro ''il devastante piano Gelmini che taglia almeno 200.000 posti di lavoro e smantella la scuola pubblica''. Dopo le numerosissime iniziative in occasione dell'apertura dell'anno scolastico e le assemblee svoltesi in tutta Italia, domani, annuncia il portavoce nazionale dei Cobas, Piero Bernocchi, ''sara' una giornata di mobilitazioni in tutta Italia, in vista dello sciopero generale del 17 ottobre''. ''Manifestazioni, sit-in, assemblee con genitori, studenti, cittadini -spiega- si terranno, fra le altre citta', a Bologna, Cagliari (Regionale), Lucca - Napoli (Regionale), Palermo, Pisa, Potenza e Trieste. A Roma Presidio permanente dalle ore 9 alle 19 al Ministero della Pubblica Istruzione. A chiederlo -evidenzia Bernocchi- sono gli insegnanti di ruolo e i precari di tutta Italia che spingono affinche' le mobilitazioni contro il taglio di 200.000 posti, l'introduzione del maestro unico, l'aumento a dismisura degli alunni per classe, la riduzione delle materie, delle ore di lezione e del tempo scuola, l'attacco al tempo pieno e prolungato e al sostegno all'handicap, costellino la strada che porta allo sciopero del 17 ottobre''. ''Lo sdegno per l'inqualificabile tentativo con cui si cerca di smantellare l'intera scuola pubblica statale italiana e di ridurre i docenti a meri esecutori di ordini impartiti dall'alto a colpi di decreti imposti d'ufficio -prosegue il leader dei Cobas- e' infatti tale da rendere necessarie mobilitazioni diffuse e momenti di incontro per rendere visibile una battaglia contro provvedimenti che ispirati dall'obiettivo di 'fare cassa', di ripianare il debito pubblico, porteranno alla distruzione, disgregazione, impoverimento e ridicolizzazione della Scuola Pubblica, a tutto vantaggio della scuola privata. Noi - conclude Bernocchi- saremo in piazza per salvare e migliorare la scuola pubblica''.

discussione chiusa  condividi pdf